news

Nel freddo dei campi profughi di Lesbo la solidarietà di Sant'Egidio scalda i primi giorni dell'anno

4 Gennaio 2020 - PREFETTURA DI LESBO, GRECIA

MIGRANTILesbos e Samos
corridoi umanitari

Condividi su

Nell’isola greca di Lesbo, il freddo avvolge le tende del campo profughi più grande alle porte dell’Europa. Da Roma e da Napoli un gruppo della Comunità di Sant’Egidio e dei Giovani per la Pace ha deciso di trascorrere i primi giorni del 2020 nel campo di Moria.

“È la prima volta che sono felice”
confida un uomo durante un momento di festa. È una situazione difficile quella dei migranti che intraprendono un lungo viaggio con la speranza di entrare in Europa, lasciandosi dietro guerra e violenze: sono siriani, afghani, somali, congolesi. Nell’isola greca si arrestano le speranze di molti, che per mesi e anni - e non giorni - non possono proseguire il viaggio. Sono in 19mila in un luogo che potrebbe ospitarne solo 4000.

Pranzi e cene, organizzati dalla Comunità, cercano di avvolgere nel clima delle feste i profughi che abitano l’isola. “Ci sorridiamo come se ci conoscessimo da sempre, loro ci ringraziano e vediamo nei loro occhi come ci immaginano felici perché viviamo dalla parte giusta del mondo” racconta Francesca dei Giovani per la Pace. È un senso di fratellanza da cui nasce una promessa da giovani europei: “qualcosa deve cambiare”.

Con la speranza che qualcosa stia cambiando. L’iniziativa del periodo natalizio prosegue, con calore umano, l’estate di solidarietà di Sant’Egidio nelle isole greche di Lesbo e Samo. Avviene, inoltre, a qualche settimana di distanza dai corridoi umanitari di Sant’Egidio ed Elemosineria Apostolica, che hanno permesso l’arrivo di 33 rifugiati in Italia.



Nel freddo dei campi profughi di Lesbo la solidarietà di Sant'Egidio scalda i primi giorni dell'anno
Nel freddo dei campi profughi di Lesbo la solidarietà di Sant'Egidio scalda i primi giorni dell'anno
Nel freddo dei campi profughi di Lesbo la solidarietà di Sant'Egidio scalda i primi giorni dell'anno
Nel freddo dei campi profughi di Lesbo la solidarietà di Sant'Egidio scalda i primi giorni dell'anno