news

Firmato il Protocollo d'intesa tra Sant'Egidio e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il riutilizzo di generi alimentari e beni di prima necessità

26 Gennaio 2021 - ROMA, ITALIA

Solidarietà

Condividi su

ADM (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) e Comunità di Sant’Egidio hanno sottoscritto un protocollo d’intesa volto alla cooperazione su azioni congiunte a scopo benefico relative a forme di solidarietà sociale e ad azioni di contrasto alla povertà. La Comunità è stata affiancata dallo studio Cleary Gottlieb Steen & Hamilton LLP, che assiste Sant'Egidio pro-bono.

La domanda di sostegno sociale risulta in progressiva crescita anche in ragione delle crescenti difficoltà economiche provocate dalla pandemia da COVID-19. L’impegno, in particolare, tende alla realizzazione di iniziative che consentano il riutilizzo di generi alimentari e di beni di prima necessità, ivi compresi capi di vestiario e calzature, oggetto di sequestro da parte di ADM. Si tratta quindi di beni che, in assenza del protocollo, l’Agenzia dovrebbe custodire e smaltire con ulteriori oneri a carico dello Stato. Dal canto suo, la Comunità di Sant’Egidio mette a disposizione, nella città di Roma, alcuni centri di raccolta e di deposito nei quali raccogliere i quantitativi stoccati nei magazzini ADM nonché i mezzi necessari per il trasporto dei beni medesimi. ADM, inoltre, si è resa parte attiva per coinvolgere gli operatori della grande distribuzione affinché mettano a disposizione generi alimentari e beni di prima necessità in loro possesso destinati allo smaltimento in quanto, sebbene ancora utili alla fruizione, non possono più essere messi in commercio. Analogamente, l’Agenzia si rende parte attiva per coinvolgere, ove possibile e necessario, gli operatori della logistica, che possano garantire il trasporto di suddetti beni dai magazzini della grande distribuzione alla Comunità, in modo da essere donati a persone e famiglie vulnerabili che si rivolgono ai suoi centri presenti in diverse città italiane. Detta collaborazione potrà essere estesa da ADM ad altri operatori del terzo settore che risultino in possesso dei requisiti previsti, nonché ad imprese produttrici di beni e servizi rientranti nell’ambito di applicazione del presente protocollo e loro associazioni di rappresentanza.