news

Per un futuro senza antigitanismo. A Budapest la preghiera ecumenica per il popolo rom e la memoria del porrajmos nella testimonianza di Éva Fahidi, sopravvissuta ad Auschwitz

5 Agosto 2021 - BUDAPEST, UNGHERIA

Rom e Sinti
UngheriaPorrajmos

Condividi su

Il 2 agosto a Budapest si è svolta la preghiera ecumenica in memoria del Porrajmos, lo sterminio nazista di rom e sinti, e dell’attentato di Kisléta il quale fu l’ultimo di una serie di uccisioni di persone rom tra il 2008 e il 2009 con sei vittime e parecchi feriti in Ungheria. La preghiera è stata presieduta da János Székely, vescovo cattolico di Szombathely, con le rappresentanze delle chiese riformata e luterana, e la comunità ebraica. Erano presenti alcuni membri delle famiglie delle vittime e Éva Fahidi, superstite dell’olocausto, prigioniera del campo Auschwitz-Birkenau anche nella notte tra il 2 e il 3 agosto 1944 quando gli ultimi rom furono uccisi dagli SS.

Péter Szőke della Comunità di Sant’Egidio a Budapest ha introdotto la preghiera: “vogliamo gridare al Signore con le vittime e per le vittime, ma vogliamo anche dire quale sogno abbiamo sul mondo e sull’Ungheria”. Citando Jonathan Sacks, ha detto: “un paese è forte quando si prende cura dei deboli, diventa ricco quando si occupa dei poveri, diventa invulnerabile quando presta attenzione ai vulnerabili”. È un sogno che viene dalle pagine della Bibbia, è il sogno di papa Francesco della Fratelli tutti, e senza questo sogno la nostra fede si ingrigisce.

Nella sua omelia, il vescovo emerito luterano Péter Gáncs ha offerto una meditazione sull’incontro di Gesù con la samaritana dal capitolo 4 del vangelo di Giovanni. Gesù non rispetta i confini e “provoca”, nel senso originario del verbo: chiama fuori quel che è nascosto. I giudei e i samaritani allora non avevano nessuna comunione, non potevano usare gli stessi piatti, bicchieri. Gesù trova quell’unica cosa che lui e la donna hanno in comune: la sete nell’ora più calda del giorno. Chiede acqua alla samaritana, suscitando scandalo persino nei discepoli che non capiscono. Il rapporto tra giudei e samaritani è paragonabile a quello tra ungheresi rom e non rom di oggi. Gesù ci offre l’acqua della vita perché essa diventi in noi fonte per gli altri. I nostri sforzi non servono a nulla se non facciamo noi il primo passo nel ristabilire la comunione in modo personale, mangiando e bevendo dagli stessi piatti con loro.

Éva Fahidi, che aveva perso sua madre e la sua sorellina subito dopo il loro arrivo ad Auschwitz, ha dato la sua personale e toccante testimonianza della notte in cui le famiglie rom, più di 3000 persone furono assassinate nel campo di Birkenau. “I rom e sinti sono il popolo più vicino al mio cuore. Sono i miei fratelli e sorelle di sangue. Avevo 79 anni quando per la prima volta tornai ad Auschwitz. Finora non avevo capito perché ero sopravvissuta proprio io ma allora e lì capì: per raccontare fino alla fine della mia vita perché non succeda più. Purtroppo, le idee nazionalsocialiste si diffondono anche dove prima erano sconosciute. Il ruolo delle chiese è essenziale per contrastarle. I sopravvissuti non vogliono sporcarsi le proprie anime di odio contro nessuno”. Rivolgendosi ai bambini e giovani rom presenti ha detto: “I bambini rom sono bellissimi. Studiate, trovate buoni lavori per non essere umiliati, abbiate belle famiglie con tanti figli, Dio vi benedica”.

Nelle preghiere dei fedeli sono stati letti i nomi delle vittime degli attentati compiuti dodici anni fa in Ungheria, tra cui un bambino di appena 5 anni, Robi Csorba.
Nella preghiera dei fedeli, Eszter Dani, pastora riformata ha chiesto la guarigione al Signore per coloro sono paralizzati dalla paura, dal lutto, e anche per coloro che sono pieni di odio.
Il capo rabbino Zoltán Radnóti ha pregato con le parole dell’Avinu Malkenu, Nostro Padre, Nostro Re, le suppliche per la misericordia dell’Eterno.
Il vescovo János Székely ha reso grazie al Signore per i “nostri fratelli zingari” e i “tesori che portano in loro”. “Noi pecchiamo contro il nostro fratello – ha aggiunto – non solo quando lo distruggiamo ma anche quando gli neghiamo una vita degna dell’uomo”. “Vogliamo raggiungere la misura del tuo amore infinito”, ha concluso la sua preghiera.
 

Foto di Magyar Kurír



Per un futuro senza antigitanismo. A Budapest la preghiera ecumenica per il popolo rom e la memoria del porrajmos nella testimonianza di Éva Fahidi, sopravvissuta ad Auschwitz
Per un futuro senza antigitanismo. A Budapest la preghiera ecumenica per il popolo rom e la memoria del porrajmos nella testimonianza di Éva Fahidi, sopravvissuta ad Auschwitz
Per un futuro senza antigitanismo. A Budapest la preghiera ecumenica per il popolo rom e la memoria del porrajmos nella testimonianza di Éva Fahidi, sopravvissuta ad Auschwitz
Per un futuro senza antigitanismo. A Budapest la preghiera ecumenica per il popolo rom e la memoria del porrajmos nella testimonianza di Éva Fahidi, sopravvissuta ad Auschwitz
Per un futuro senza antigitanismo. A Budapest la preghiera ecumenica per il popolo rom e la memoria del porrajmos nella testimonianza di Éva Fahidi, sopravvissuta ad Auschwitz
Per un futuro senza antigitanismo. A Budapest la preghiera ecumenica per il popolo rom e la memoria del porrajmos nella testimonianza di Éva Fahidi, sopravvissuta ad Auschwitz