news

Il 16 giugno nella Chiesa di San Pietro Martire a Napoli la Preghiera "Morire di Speranza"

22 Giugno 2022

Morire di speranza

Condividi su

In tanti hanno partecipato giovedì 16 giugno alla Preghiera Morire di Speranza nella Chiesa di San Pietro Martire a Napoli.

Alla manifestazione, promossa dalla Comunità di Sant’Egidio, hanno aderito varie associazioni che nell’area tra Napoli e Caserta sono attive nella tutela dei diritti di migranti e profughi. Fra i partecipanti gli studenti della Scuola di Lingua e Cultura a Napoli, che quest’anno ha ampliato le sue sedi aprendo nuovi corsi a Mergellina, al Vomero e a Portici. Presenti le comunità filippina, srilankese, nigeriana, afghana e ucraina.

La Preghiera è stata presieduta da Mons. Antonio De Luca, vescovo di Teggiano-Policastro e delegato Migrantes della Conferenza Episcopale Campana. Nell’omelia, Mons. De Luca, ha osservato con preoccupazione che la produzione di armi, intensificatasi in questi ultimi mesi, mette a rischio l’esistenza di milioni di persone, che fuggono alla disperata ricerca di luoghi dove potersi mettere in salvo.

Di fronte al notevole aumento del numero di profughi a livello mondiale, quest’anno "Morire di speranza" ha il significato di ribadire la disponibilità di tanti a collaborare nell’accoglienza e nell’integrazione di coloro che, provenienti da zone di guerre e di povertà, sono di recente arrivati a Napoli e in Campania.



Il 16 giugno nella Chiesa di San Pietro Martire a Napoli la Preghiera
Il 16 giugno nella Chiesa di San Pietro Martire a Napoli la Preghiera
Il 16 giugno nella Chiesa di San Pietro Martire a Napoli la Preghiera