LE SCUOLE DELLA PACE IN ASIA

Scuola della PaceAsia

Condividi su

Nel mondo si stima siano circa 250 milioni i minori (dai 5 ai 14 anni) che lavorano; la metà di essi si trova in Asia. L'Asia, infatti, è il continente dove il fenomeno del lavoro minorile è più diffuso e dove sopravvivono forme di lavoro forzato dei bambini e di vera e propria schiavitù. Minori di 8 o 9 anni vengono dati in pegno, in cambio di piccoli prestiti, ai proprietari delle fabbriche per le sigarette e a quelli dei telai dove lavorano fino a venti ore al giorno.

Si calcola che in India e in Indonesia i minori attivi economicamente siano intorno al 25% e l'orario lavorativo consentito è dalle dodici alle quindici ore giornaliere. Impossibile dare dati e cifre certe di una simile situazione.
Le scuole della pace in Asia combattono in particolare contro l'esclusione scolastica e l'avviamento precoce dei bambini al lavoro. E' evidente che le Scuole della Pace di Sant'Egidio in Asia operano una profonda trasformazione delle condizioni di vita dei minori e della mentalità collettiva, così radicata sui volori della produzione e del mercato.

In Indonesia le Scuole della Pace si caratterizzano anche per il loro carattere multietnico e interreligioso. Giovani cinesi cristiani, in genere più benestanti, aiutano a studiare bambini indonesiani di religione musulmana, cooperando alla costruzione di un'amicizia fra cristiani e musulmani e collaborando, in maniera assai concreta, all'edificazione di una società pacifica senza odi religiosi o etnici.