Andrea Riccardi: Anche i "cuccioli del califfato" sono vittime

9 Settembre 2016

Andrea Riccardi
GiovanibambiniStato Islamico

La guerra ruba la vita e l'infanzia con violenza, bombe e restrizioni. Ma anche i piccoli che Daesh vuole trasformare in uomini "nuovi" sono schiacciati dall'odio

Condividi su


Bisogna vedere la guerra in Siria (e ogni guerra) anche con gli occhi dei bambini. Nel 2013, visitando i campi dei rifugiati siriani in Libano, fui colpito dai disegni dei bambini in una scuola tenuta da due gesuiti: rappresentavano la casa perduta in Siria, spesso con figure violente o incendi. I bambini sono le vittime principali di questa guerra. Qualche giorno fa ne sono morti undici ad Aleppo per i terribili barili-bomba sganciati dagli elicotteri del governo. Nella parte governativa della città e in quella dei ribelli vivono 130.000 bambini. I più piccoli non hanno conosciuto nella loro vita altro che la guerra. La guerra ha rubato la loro infanzia.

(continua a leggere)


[ Andrea Riccardi ]