Corriere della Sera - Ed. Milano

«Capiamo cosa vivono» La Comunità ebraica accoglie profughi siriani

28 Gennaio 2020

EbraismoSiriacorridoi umanitari

In arrivo da Aleppo. L'aiuto interreligioso

Condividi su


Nel giorno della Memoria, l'Unione delle Comunità ebraiche Italiane (Ucei) e la Comunità ebraica di Milano per la prima volta decidono di accogliere a proprie spese una famiglia di profughi musulmani scampati alle bombe in Siria. «Il malessere di chi è costretto ad allontanarsi dal proprio Paese è un punto sensibile per gli ebrei, sollecitati come siamo dalla nostra stessa esperienza storica», dice Giorgio Mortara, vicepresidente dell'Ucei. Mamma, papà, quattro figli piccoli e uno zio originari di Aleppo, sfiniti dopo anni in un campo profughi in Libano e pronti ad iniziare la loro nuova vita, arrivano oggi a Milano con il corridoio umanitario attivato da Comunità di Sant'Egidio, Chiese Evangeliche e Tavola Valdese. «In un clima segnato dalla logica dei muri e dell'antisemitismo crescente, con parole d'odio coperte dall'anonimato della rete che arrivano persino ad una testimone come Liliana Segre, ebrei e cristiani accolgono questa famiglia musulmana. E un gesto simbolico, è la forza delle comunità trasversali di credenti di varie religioni», spiega Giorgio Del Zanna di Sant'Egidio. La famiglia verrà alloggiata in un appartamento messo a disposizione da Fondazione Arca in zona Vigentino, mentre le comunità ebraiche provvederanno alle spese e i volontari di tutte le religioni li aiuteranno in tutti i passaggi fino all'autonomia, come l'iscrizione dei bambini a scuola, la ricerca di un lavoro, lo studio dell'italiano, le cure per una delle figlie che soffre di una forma grave di diabete.
«Ad Aleppo facevamo i sarti nel quartiere popolare di Al Haydariye, il nostro sogno sarebbe avviare un'attività simile a Milano - raccontano Jumaa ed Elham Almohammad -. La guerra ha fatto a pezzi la nostra vita, c'erano i bombardamenti, le persone venivano rapite, il cibo non si trovava, neanche il latte da dare ai bambini».
Nel 2014, quando la situazione in Siria è diventata insostenibile e troppo pericolosa, si sono rifugiati in Libano: «Abbiamo impiegato 13 ore per un percorso che normalmente si può fare in quattro. Ad ogni posto di blocco l'autista ci diceva di nasconderci sotto i sedili e pregare», ricordano. L'esilio li ha stremati, il biglietto di sola andata per Milano restituisce loro la fiducia. Rilancia il presidente della comunità ebraica milanese Mio Hasbani: «Spero di replicare questo progetto, anche con altre associazioni come il Bene Berith, l'Ame, Federica Sharon Biazzi onlus, o Hashomer Hatzair e Benè Akiva», dice. Dal 2016 oltre 2.800 persone sono arrivate in Italia grazie ai corridoi umanitari, ricorda ancora Stefano Pasta di Sant'Egidio: «Questo canale di ingresso è l'unica alternativa razionale alle politiche dei muri, dei porti chiusi e dei morti in mare. È autofinanziato e funziona, noi tutti confidiamo che l'Europa e l'Italia lo stabilizzeranno al più presto».


[ Elisabetta Andreis ]