La civiltà e la legalità della regolarizzazione

25 Agosto 2020

Andrea Riccardi
LavoroPersone migranti

Non che si volesse un «libera tutti», ma era necessario un provvedimento serio, teso a bonificare una situazione che si protraeva da anni

Condividi su


Far emergere i lavoratori stranieri dall’irregolarità è sempre positivo: specie in questo periodo di rischio di contagio per chi è ai margini dei circuiti istituzionali. Un bene per loro e per le aree dove abitano. E’ stato anche un segnale alle mafie e al caporalato nelle campagne, che spadroneggiano su «uomini ombra» fuori dal sistema, bonificando «terre di nessuno» ai margini della legge.

(Continua a leggere)

 


[ Andrea Riccardi ]