Memoria di Gesù crocifisso

Condividi su

Ricordo di Nostra Signora di Sheshan, santuario nei pressi di Shangai. Preghiera per i cristiani cinesi.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro degli Atti 15,22-31

Agli apostoli e agli anziani, con tutta la Chiesa, parve bene allora di scegliere alcuni di loro e di inviarli ad Antiòchia insieme a Paolo e Bàrnaba: Giuda, chiamato Barsabba, e Sila, uomini di grande autorità tra i fratelli. E inviarono tramite loro questo scritto: "Gli apostoli e gli anziani, vostri fratelli, ai fratelli di Antiòchia, di Siria e di Cilìcia, che provengono dai pagani, salute! Abbiamo saputo che alcuni di noi, ai quali non avevamo dato nessun incarico, sono venuti a turbarvi con discorsi che hanno sconvolto i vostri animi. Ci è parso bene perciò, tutti d'accordo, di scegliere alcune persone e inviarle a voi insieme ai nostri carissimi Bàrnaba e Paolo, uomini che hanno rischiato la loro vita per il nome del nostro Signore Gesù Cristo. Abbiamo dunque mandato Giuda e Sila, che vi riferiranno anch'essi, a voce, queste stesse cose. È parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi, di non imporvi altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenersi dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalle unioni illegittime. Farete cosa buona a stare lontani da queste cose. State bene!".
Quelli allora si congedarono e scesero ad Antiòchia; riunita l'assemblea, consegnarono la lettera. Quando l'ebbero letta, si rallegrarono per l'incoraggiamento che infondeva.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Terminato il primo Concilio della Chiesa tenutosi a Gerusalemme alla presenza anche di Paolo e di Barnaba, i presenti approvarono quanto detto da Giacomo e redassero il primo "decreto conciliare" che fu quindi portato alla comunità di Antiochia ove la questione dibattuta era scoppiata nel modo più lacerante. Si potrebbe dire che questo primo Concilio sancì la diversità tra ebraismo e cristianesimo. Sino a quel momento la comunità cristiana appariva più come un gruppo all'interno dell'ebraismo che non una comunità nuova. L'assemblea di Gerusalemme - guidata dallo Spirito - chiariva che la salvezza veniva dal Vangelo e non dalle pratiche della legge ebraica. Per questo nella Lettera si scrive: «È parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi, di non imporvi altro obbligo». Da allora fu più chiara la distinzione tra cristianesimo ed ebraismo, sebbene questo non significa la cancellazione dello strettissimo e ineliminabile rapporto tra le due religioni. Si può dire anzi che fa parte della stessa identità cristiana un profondo e vitale rapporto con l'ebraismo. Non solo le radici sono comuni, ma in certo modo anche l'attesa. Gli ebrei attendono ancora il Messia. I cristiani invece sanno che il Messia è già venuto ma, nello stesso tempo, aspettano la sua seconda venuta, alla fine dei tempi. E in questa attesa della seconda venuta siamo in certo modo uniti ambedue. I cristiani sanno che Gesù ha iniziato i tempi nuovi del regno di Dio: con la sua morte e risurrezione infatti ha sconfitto la morte e ha inaugurato il nuovo regno. Questa novità è certamente un dono, ma è anche una responsabilità perché ciascuno operi per trasformare il mondo con il fermento del Vangelo dell'amore. E tra le responsabilità che ora appaiono con grande chiarezza vi è anche quella di combattere ogni cenno di antisemitismo. Purtroppo in passato non è stato sempre così. È bene perciò mantenere vivo il dialogo e l'incontro "fraterno" con gli ebrei ai quali ci unisce un rapporto particolare e inscindibile.