Preghiera per la pace

Condividi su

Nella basilica di Santa Maria in Trastevere si prega per la pace.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro della Genesi 4,1-15.25

Adamo conobbe Eva sua moglie, che concepì e partorì Caino e disse: "Ho acquistato un uomo grazie al Signore". Poi partorì ancora Abele, suo fratello. Ora Abele era pastore di greggi, mentre Caino era lavoratore del suolo.
Trascorso del tempo, Caino presentò frutti del suolo come offerta al Signore, mentre Abele presentò a sua volta primogeniti del suo gregge e il loro grasso. Il Signore gradì Abele e la sua offerta, ma non gradì Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato e il suo volto era abbattuto. Il Signore disse allora a Caino: "Perché sei irritato e perché è abbattuto il tuo volto? Se agisci bene, non dovresti forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, e tu lo dominerai".
Caino parlò al fratello Abele. Mentre erano in campagna, Caino alzò la mano contro il fratello Abele e lo uccise. Allora il Signore disse a Caino: "Dov'è Abele, tuo fratello?". Egli rispose: "Non lo so. Sono forse io il custode di mio fratello?". Riprese: "Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo! Ora sii maledetto, lontano dal suolo che ha aperto la bocca per ricevere il sangue di tuo fratello dalla tua mano. Quando lavorerai il suolo, esso non ti darà più i suoi prodotti: ramingo e fuggiasco sarai sulla terra". Disse Caino al Signore: "Troppo grande è la mia colpa per ottenere perdono. Ecco, tu mi scacci oggi da questo suolo e dovrò nascondermi lontano da te; io sarò ramingo e fuggiasco sulla terra e chiunque mi incontrerà mi ucciderà". Ma il Signore gli disse: "Ebbene, chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte!". Il Signore impose a Caino un segno, perché nessuno, incontrandolo, lo colpisse. Adamo di nuovo conobbe sua moglie, che partorì un figlio e lo chiamò Set. "Perché - disse - Dio mi ha concesso un'altra discendenza al posto di Abele, poiché Caino l'ha ucciso".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Fin dall'origine la storia umana è segnata dalla lotta fratricida. È la vicenda di Caino e Abele. Caino è uomo forte, e Abele, suo fratello, è uomo quasi senza nome. Abele infatti in ebraico significa "soffio", "nulla". Il suo nome, la sua stessa esistenza è essere "il fratello" di un altro uomo, appunto, Caino. Non esiste l'uomo senza che accetti di avere di fronte un fratello, di vivere con lui, di costruire il mondo accettandone la diversità. La realizzazione della nostra umanità non può avvenire senza gli altri. Abele era un pastore, un nomade, non un agricoltore come Caino. Il peccato di Caino comincia con il rifiuto della diversità di Abele. Di qui l'invidia, l'ira, il rancore che portano velocemente alla morte violenta. Nel testo ebraico Caino è contro suo fratello, ma senza pronunciare nessuna parola. Quando si comincia ad avere sentimenti di invidia, d'ira, quando cova il rancore, non si riesce più a parlare, non si vuole più parlare. E l'inimicizia cresce sino a portare alla decisione di eliminare l'altro. Caino vuole essere l'unico. L'altro, il fratello, deve essere scartato. Ma ecco che Dio ancora una volta interviene. Cerca Caino e gli chiede: «Dov'è tuo fratello?». È una domanda radicale che affonda le sue ragioni nel cuore stesso di ogni uomo. Non possiamo vivere soli. Siamo fatti per essere insieme. La voce di Dio, perciò, è sempre una domanda sul fratello. Potremmo dire che Dio è il grido di tutti gli uomini e le donne che chiedono aiuto e sostegno, che invocano amore. «Dov'è tuo fratello?», è la domanda che Dio oggi continua a rivolgere a un mondo che accetta la violenza senza scandalizzarsi, che pensa la guerra come un fatto ineluttabile, la divisione come una dimensione normale della vita. Sì, la voce del sangue di tante donne e di tanti uomini innocenti, come Abele, giunge sino a Dio. E Dio la gira a noi. E ci ricorda che siamo tutti fratelli e sorelle. Ogni omicidio è sempre un fratricidio. Ogni guerra è sempre una guerra tra fratelli.