Vigilia del giorno del Signore

Condividi su


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo agli Efesini 4,7-16

A ciascuno di noi, tuttavia, è stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo. Per questo è detto:
Asceso in alto, ha portato con sé prigionieri,
ha distribuito doni agli uomini.
Ma cosa significa che ascese, se non che prima era disceso quaggiù sulla terra? Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per essere pienezza di tutte le cose.
Ed egli ha dato ad alcuni di essere apostoli, ad altri di essere profeti, ad altri ancora di essere evangelisti, ad altri di essere pastori e maestri, per preparare i fratelli a compiere il ministero, allo scopo di edificare il corpo di Cristo, finché arriviamo tutti all'unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, fino all'uomo perfetto, fino a raggiungere la misura della pienezza di Cristo. Così non saremo più fanciulli in balìa delle onde, trasportati qua e là da qualsiasi vento di dottrina, ingannati dagli uomini con quella astuzia che trascina all'errore. Al contrario, agendo secondo verità nella carità, cerchiamo di crescere in ogni cosa tendendo a lui, che è il capo, Cristo. Da lui tutto il corpo, ben compaginato e connesso, con la collaborazione di ogni giuntura, secondo l'energia propria di ogni membro, cresce in modo da edificare se stesso nella carità.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L'apostolo, dopo aver sottolineato l'indispensabile unità della Chiesa, sposta la sua attenzione sui singoli credenti. E mostra che l'unità non significa appiattimento e uniformità. "Ciascuno di noi", scrive Paolo, riceve un dono particolare per essere al servizio della comunità. Ogni discepolo ha pertanto la responsabilità verso l'altro e verso l'intera comunità. È questo il senso di una Chiesa non "clericale" ma, appunto, popolare, ossia ove tutti hanno la responsabilità del tutto, ciascuno secondo i doni ricevuti. Nessuno deve sottrarsi alla responsabilità verso l'intero corpo della Chiesa. L'apostolo, riprendendo la frase del salmo: "diede doni agli uomini" (Sal 68), elenca alcuni doni che il Signore elargisce ai credenti: ci sono gli apostoli, che sono a fondamento della Chiesa; quindi i profeti, ossia gli uomini dello Spirito che rendono viva la Parola; poi gli evangelisti che annunciano il Vangelo; quindi i pastori e i maestri che hanno la responsabilità della guida pastorale della comunità e dell'insegnamento. Tutti questi doni sono dati "per il perfezionamento dei santi (la comunità) in vista dell'opera di servizio, in vista della costruzione del Corpo di Cristo". Il compito dei carismi è quindi di "perfezionare" i cristiani, ossia renderli idonei all'edificazione del Corpo di Cristo che è "dimora di Dio nello Spirito". E in questa opera di servizio ciascuno giunge "all'uomo perfetto". La perfezione, pertanto, non consiste nella realizzazione di se stessi, ma nel raggiungimento della statura di Cristo. "Non siamo più bambini" - dice l'apostolo ai cristiani di Efeso -, ossia persone immature e sballottate come su una nave in balìa delle onde, oppure ingannati da falsi profeti. La maturità della fede consiste nel "dire la verità nell'amore", ossia nel vivere il Vangelo assieme all'intera comunità dei discepoli. Non basta conoscere, è necessario amare, ossia dare la propria vita per gli altri. L'amore fa splendere la verità e fa crescere la Chiesa.