Memoria della Chiesa

Condividi su

Memoria della beata Maria Vergine Regina.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro dei Giudici 11,29-39a

Allora lo spirito del Signore venne su Iefte ed egli attraversò Gàlaad e Manasse, passò a Mispa di Gàlaad e da Mispa di Gàlaad raggiunse gli Ammoniti. Iefte fece voto al Signore e disse: "Se tu consegni nelle mie mani gli Ammoniti, chiunque uscirà per primo dalle porte di casa mia per venirmi incontro, quando tornerò vittorioso dagli Ammoniti, sarà per il Signore e io lo offrirò in olocausto". Quindi Iefte raggiunse gli Ammoniti per combatterli e il Signore li consegnò nelle sue mani. Egli li sconfisse da Aroèr fin verso Minnit, prendendo loro venti città, e fino ad Abel-Cheramìm. Così gli Ammoniti furono umiliati davanti agli Israeliti. Poi Iefte tornò a Mispa, a casa sua; ed ecco uscirgli incontro la figlia, con tamburelli e danze. Era l'unica figlia: non aveva altri figli né altre figlie. Appena la vide, si stracciò le vesti e disse: "Figlia mia, tu mi hai rovinato! Anche tu sei con quelli che mi hanno reso infelice! Io ho dato la mia parola al Signore e non posso ritirarmi". Ella gli disse: "Padre mio, se hai dato la tua parola al Signore, fa' di me secondo quanto è uscito dalla tua bocca, perché il Signore ti ha concesso vendetta sugli Ammoniti, tuoi nemici". Poi disse al padre: "Mi sia concesso questo: lasciami libera per due mesi, perché io vada errando per i monti a piangere la mia verginità con le mie compagne". Egli le rispose: "Va'!", e la lasciò andare per due mesi. Ella se ne andò con le compagne e pianse sui monti la sua verginità. Alla fine dei due mesi tornò dal padre ed egli compì su di lei il voto che aveva fatto. Ella non aveva conosciuto uomo; di qui venne in Israele questa usanza:

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Iefte per vincere sugli Ammoniti fa un voto al Signore: la prima persona che sarebbe uscita dalle porte di casa sua per venirgli incontro l'avrebbe sacrificata come olocausto al Signore. Iefte vince e torna a casa. Ma la prima persona che esce dalla porta di casa per venirgli incontro è la figlia, la sua unica figlia. Iefte si dispera ma resta fedele al suo voto. Certo mostra quanto povera e triste sia la sua visione di Dio. Anche perché la condanna di Dio circa i sacrifici umani è chiara nella Bibbia. Nel Deuteronomio Dio condanna quelli che «facevano per i loro dèi ciò che è abominevole per il Signore e ciò che egli detesta: bruciavano nel fuoco perfino i loro figli e le loro figlie in onore dei loro dèi» (12,31). Gesù è l'ultimo sacrificio, colui che per amore dona se stesso. Dio non vuole sacrifici ma misericordia. Offre perciò se stesso perché tutti si salvino e comprendano quanto grande è la sua misericordia. La vittoria di Gesù non sarà più quella di Iefte, contro qualcuno, ma quella di donare la propria vita per il riscatto di tutti. Israele viveva un periodo di grande difficoltà e pensava di strappare l'attenzione di Dio sacrificando le persone. Spesso quando non abbiamo fede attribuiamo a Dio pensieri che non sono i suoi, come se chiedesse in cambio della sua protezione qualcosa di molto impegnativo per noi. Quante vittime per la poca fede e per una distorta preghiera verso Dio.