Memoria della Madre del Signore

Condividi su

Memoria dei primi martiri della Chiesa di Roma durante la persecuzione di Nerone.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del profeta Amos 3,1-8.11-12

Ascoltate questa parola,
che il Signore ha detto riguardo a voi,
figli d'Israele,
e riguardo a tutta la stirpe
che ho fatto salire dall'Egitto:
"Soltanto voi ho conosciuto
tra tutte le stirpi della terra;
perciò io vi farò scontare
tutte le vostre colpe.
Camminano forse due uomini insieme,
senza essersi messi d'accordo?
Ruggisce forse il leone nella foresta,
se non ha qualche preda?
Il leoncello manda un grido dalla sua tana,
se non ha preso nulla?
Si precipita forse un uccello a terra in una trappola,
senza che vi sia un'esca?
Scatta forse la trappola dal suolo,
se non ha preso qualche cosa?
Risuona forse il corno nella città,
senza che il popolo si metta in allarme?
Avviene forse nella città una sventura,
che non sia causata dal Signore?
In verità, il Signore non fa cosa alcuna
senza aver rivelato il suo piano
ai suoi servitori, i profeti.
Ruggisce il leone:
chi non tremerà?
Il Signore Dio ha parlato:
chi non profeterà?
Perciò così dice il Signore Dio:
"Il nemico circonderà il paese,
sarà abbattuta la tua potenza
e i tuoi palazzi saranno saccheggiati".
Così dice il Signore:
"Come il pastore strappa dalla bocca del leone
due zampe o il lobo d'un orecchio,
così scamperanno i figli d'Israele
che siedono a Samaria
nell'angolo di un letto,
sulla sponda di un divano.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il tema dell'elezione del popolo da parte di Dio è centrale nella predicazione profetica, come anche in tutta la predicazione cristiana. Dio è all'origine della salvezza sia del suo popolo che di tutti i popoli della terra. Il profeta, attraverso sette esempi, aiuta a leggere in profondità la storia che il popolo ha vissuto e i segni che gli sono stati mostrati. La Parola di Dio, paragonata al ruggito del leone, è una forza spirituale che esce con impeto irrefrenabile, provocando immancabilmente l'effetto per cui è mandata. Dio ha scelto il popolo d'Israele per destinarlo a una missione, quella di annunciare la sua Parola sino ai confini della terra. Non è perciò un'alleanza chiusa. Al contrario è per tutti i popoli, come i profeti più volte diranno. È con l'invio di Gesù che questa prospettiva universale raggiunge il suo culmine più chiaro. Dio ci ha scelti - senza per questo revocare la scelta per il popolo di Israele - perché accogliamo la sua Parola e ne diventiamo annunciatori e testimoni ovunque nel mondo. Questa Parola - quella di Dio non la nostra - proprio per la missione che deve compiere ha una forza irresistibile che supera anche i limiti dei credenti. Se Dio ha parlato, dice Amos, chi può non profetare? Quando Dio parla, se noi lo ascoltiamo, non possiamo non essere profeti in questo mondo. La parola finale di Amos ci interpella a una nuova responsabilità: "Poiché questo devo fare di te: preparati all'incontro con Dio!".