Preghiera per la pace

Condividi su

Nella basilica di Santa Maria in Trastevere si prega per la pace.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo agli Efesini 2,1-10

Anche voi eravate morti per le vostre colpe e i vostri peccati, nei quali un tempo viveste, alla maniera di questo mondo, seguendo il principe delle Potenze dell'aria, quello spirito che ora opera negli uomini ribelli. Anche tutti noi, come loro, un tempo siamo vissuti nelle nostre passioni carnali seguendo le voglie della carne e dei pensieri cattivi: eravamo per natura meritevoli d'ira, come gli altri. Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amato, da morti che eravamo per le colpe, ci ha fatto rivivere con Cristo: per grazia siete salvati. Con lui ci ha anche risuscitato e ci ha fatto sedere nei cieli, in Cristo Gesù, per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù.
Per grazia infatti siete salvati mediante la fede; e ciò non viene da voi, ma è dono di Dio; né viene dalle opere, perché nessuno possa vantarsene. Siamo infatti opera sua, creati in Cristo Gesù per le opere buone, che Dio ha preparato perché in esse camminassimo.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Prima della conversione, "tutti noi" - ricorda Paolo - vivevamo secondo la mentalità di questo mondo. Infatti, assoggettati allo spirito del male, ci comportavamo secondo i nostri "desideri", eseguendo "la volontà della carne", obbedendo ai "pensieri" cattivi, invece di amare Dio "con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutta la mente". E quindi eravamo "per natura" sotto l'ira di Dio, ossia in una situazione che Dio non poteva tollerare, perché in contrasto con il suo disegno d'amore. Egli, nonostante il nostro peccato, è venuto a salvarci, come scrive l'apostolo: "Ma Dio, ricco di misericordia, per il suo grande amore con il quale ci ha amato, da morti che eravamo per le colpe ci ha fatti rivivere con Cristo: per grazia siete salvati; con lui ci ha anche risuscitato, e ci ha fatti sedere nei cieli, in Cristo Gesù". Il Signore ha compassione per noi e ci dona il suo amore senza porsi limite alcuno. Lo straordinario è questo: egli si rivolge a un uomo peccatore e dunque suo nemico, non già a un uomo pentito. E tuttavia non si limita a tirarci fuori da una situazione senza sbocco; addirittura ci comunica la vera Vita. In Cristo, il Padre ci ha rivelato il suo volto misericordioso. Noi, membra del Corpo di Cristo, il Figlio prediletto, siamo già risuscitati con lui e siamo dove egli è: presso Dio. Uniti a Cristo e al suo Corpo che è la Chiesa, siamo liberi dal destino cieco del male, della solitudine e della morte. Liberi, per grazia, ripete l'apostolo. L'apostolo richiama il primato della grazia contro la tentazione di "vantarci" che la salvezza venga dalle nostre "opere". La fede è accogliere l'amore di Dio nel nostro cuore e lasciare che operi secondo la sua forza.