Memoria degli apostoli

Condividi su

Festa dell'apostolo Andrea.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se moriamo con lui, vivremo con lui
se perseveriamo con lui, con lui regneremo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 4,18-22

Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: "Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini". Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se moriamo con lui, vivremo con lui
se perseveriamo con lui, con lui regneremo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La Chiesa oggi fa memoria dell'apostolo Andrea, il primo dei chiamati. Andrea, figlio di Giona e fratello di Simon Pietro, era originario di Betsaida ed esercitava il mestiere di pescatore. Mentre i due fratelli stavano riassettando le reti Gesù, passando lungo la riva del mare di Galilea, si rivolse loro e disse: "Venite dietro a me; vi farò pescatori di uomini". L'evangelista nota che "subito, lasciarono le loro reti e lo seguirono". Quel maestro spiegò il futuro di Dio nell'unico modo che quei pescatori potevano capire, forse nell'unico modo che poteva entusiasmarli: "Voi sarete ancora pescatori, ma di uomini". Certo, per questa pesca bisognava e, ancora oggi, bisogna lasciare la barca di sempre e prendere il largo non più sull'acqua ma sulla terra degli uomini, forse ancor più mobile e incerta delle acque di quel lago. Non è più il mare d'acqua, è il mare di uomini e di donne, è la folla di persone che come un mare li assorbirà e li travolgerà. Andrea, assieme a Simone, accoglie l'invito di Gesù. Non sei tu che scegli, è un altro che ti guarda, che ti ama e ti chiama. Potremmo dire che è Gesù il primo "pescatore di uomini". Egli, appunto, sulla riva del mare chiama quei poveri pescatori. Ed essi lo seguono. Non spetta a noi giudicare se siamo o non siamo degni, o se qualcun altro lo sia; questi giudizi sono legati a una logica mondana. Nella prospettiva evangelica a noi spetta solo ascoltare l'invito, accoglierlo e rispondere, come fecero Andrea, Simone e gli altri due fratelli. È tutto qui il segreto della fede e della stessa Chiesa.