news

Addio al fondatore dell’Arche. Vanier e il mistero della "forza" debole. Il ricordo di Andrea Riccardi su Avvenire

8 Maggio 2019

Andrea RiccardiJean Vanier

Condividi su

Jean Vanier si è spento l’altra notte, dopo parecchi mesi di malattia, vissuta con un grande desiderio di vita, ma anche confrontandosi lucidamente nella fede con l’ombra della morte. Aveva scritto in un testo, pieno di sapienza esistenziale: «Nelle società odierne è impressionante il nesso esistente tra il rifiuto di guardare la morte in faccia e una grande paura della fecondità». Il fondatore dell’Arche e di Foi et Lumière aveva messo la debolezza al centro: l’amicizia con i poveri, i disabili, i feriti della vita.

CONTINUA A LEGGERE

Andrea Riccardi su Avvenire del 8/5/2019