news

Love (H)and - Mani che amano... Un passo oltre! Dalla Sardegna a Roma un'esperienza da condividere

12 Agosto 2017 - OSILO, ITALIA

Scuola della PaceEcosolidarietàHomelessEstate di SolidarietàpoveriMensa

In una bella lettera i giovani di Osilo ci spiegano come e perché vivere un'estate davvero diversa

Condividi su

In queste settimane d'estate, sono tanti i gruppi di giovani che, da ogni parte d'Italia, vengono a Roma per condividere una settimana di servizio ai poveri con la Comunità. Un modo diverso di trascorrere le vacanze, che attira un numero sempre più largo di giovani. Da un gruppo di Osilo, in Sardegna, abbiamo ricevuto l'articolo che pubblichiamo. Agli autori, diciamo: "Grazie ragazzi, arrivederci presto!"

"L’ultima settimana di luglio è stata per noi, ragazzi ed educatori del Gruppo Giovani…ssimi San Francesco di Osilo (Sardegna), una settimana molto speciale!!!
Essendo un gruppo di ispirazione francescana, che già da cinque anni si occupa di raccogliere mensilmente alimenti e beni di prima necessità per i bisognosi della nostra piccola comunità, non potevamo non concludere il nostro cammino annuale con un’esperienza di carità attiva! Luogo perfetto dove poter vivere questa esperienza di amore concreto: la Comunità di Sant’Egidio, a Roma! È vero, ogni luogo è quello giusto se si vuole vivere con amore ed umiltà, accogliendo tutti, specialmente i più bisognosi di affetto e di cure… ma a volte è necessario fare “un passo oltre” le nostre piccole realtà per accorgerci di quante persone si trovano in difficoltà e hanno bisogno di “mani che amano” e di un semplice sorriso!
Durante questa settimana speciale abbiamo vissuto tante realtà insieme agli Amici della Comunità che ci hanno accolto come se fossimo da sempre parte della loro meravigliosa Famiglia!

Abbiamo iniziato con il servizio alla mensa di Via Dandolo. Dopo un po’ di ansia iniziale di non essere all’altezza della situazione, la serata è trascorsa velocemente e senza intoppi. Ognuno ha svolto il suo “compito” in maniera seria e col sorriso. Siamo rientrati a casa stanchi ma felici di aver potuto dare un pasto caldo a chi non se lo può permettere perché magari vive per strada, non ha un lavoro o pur avendo una casa e un lavoro non riesce comunque ad arrivare a fine mese.

I due giorni trascorsi alla “Scuola della Pace” a Rocca di Papa sono stati intensi e bellissimi. Ci siamo innamorati a prima vista dei nostri piccoli amici, insieme ai quali abbiamo mangiato, giocato, cantato, ballato e anche studiato!!! Per qualche ora hanno potuto dimenticare le situazioni difficili che sono costretti a vivere ogni giorno… e hanno ricevuto un po’ d’amore e di attenzione.

È stato altrettanto bello preparare gli scatoloni e smistare gli abiti da donare a chi ne ha necessità nella Città Ecosolidale! Un luogo magico in cui fare del bene e perdersi tra i banchi del mercatino, anche vintage, dove ogni oggetto acquistato contribuisce a sostenere i progetti di sviluppo e di solidarietà della Comunità!

Che gioia grande visitare la Casa Famiglia per anziani e trascorrere insieme a loro una piacevolissima serata tra chiacchiere, racconti, canzoni e visita della casa!!!

La nostra settimana si è conclusa con la visita alla sede della Comunità, alla Sala della Pace, dove si dialoga tra le parti in conflitto (diversi capi di Stato si sono incontrati qui); alla piccola chiesetta in cui tutto ha avuto inizio, ricca di simboli che ci hanno colpito molto: le tante Bibbie in tante lingue diverse, così che ogni persona che vi entra possa ascoltare e meditare la Parola; la montagna delle croci, a significare tutta la sofferenza del mondo; le icone orientali, segno di unione e dialogo con la Chiesa d’Oriente, e la menorah, il candelabro ebraico a sette bracci, segno di fratellanza e dialogo con gli Ebrei; una raffigurazione di San Francesco d’Assisi, il nostro poverello, che ci ricorda ancora oggi di vivere seguendo il Vangelo, in perfetta letizia; il Crocifisso senza braccia, a ricordarci che le sue braccia dobbiamo essere noi, accogliendo i nostri fratelli più bisognosi.

Partecipare alla Preghiera e alla Liturgia del Sabato è sempre emozionante! Dopo le tutte le attività della settimana era necessario fermarsi a riflettere, a pregare, a ringraziare per la grazia di aver avuto questa meravigliosa opportunità, per tutta la bellezza che abbiamo vissuto nonostante le difficoltà, per tutto l’amore che abbiamo ricevuto così incondizionatamente!

Un grazie immenso a tutte le persone che hanno condiviso con noi questo viaggio meraviglioso, volontari, amici, bambini, anziani…
Noi abbiamo provato a sperimentarci con umiltà!
Abbiamo donato un po’ del nostro tempo, abbiamo donato un po’ di noi stessi, ricevendo molto di più!!!
Grazie a ciascuno di voi, avete un posto speciale nel nostro cuore!!!
A presto!!!
 

I ragazzi e gli educatori
del Gruppo "Giovani…ssimi" San Francesco
della Parrocchia Immacolata Concezione di Osilo