news

Europa e giovani migranti, il futuro va creato in Africa. Un articolo di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

30 Novembre 2017

AfricaAndrea RiccardiEuropaMIGRANTI

Condividi su

Il vertice di Abidjan tra l’Unione europea e quella africana, apertosi ieri, non è rituale. Il grande centro congressi all’Hotel Ivoire sulla laguna accoglie un’ottantina di capi di Stato e di governo attorno a un tema decisivo: «Investire sui giovani per un avvenire duraturo». L’Africa è il continente dei giovani, più della metà della sua popolazione. Questi giovani sono anche un problema per gli europei alle prese con sbarchi e immigrazione. Lo sono stato troppo poco per i governi africani, disattenti ai loro migranti, tanto da far sospettare che le partenze siano anche una valvola di sfogo. Non si sono mai visti capi di Stato africani venire a Lampedusa, inchinandosi di fronte all’immenso cimitero rappresentato dal Mediterraneo con i 33.305 morti dal 1997 (per alcuni 50.000), in buona parte africani. Ci si chiede peraltro se Paesi, come Costa d’Avorio, Ghana o Etiopia, con tassi di crescita oltre l’8% da anni, non possano frenare in parte l’esodo dei giovani, creando più posti di lavoro. (CONTINUA A LEGGERE SUL CORRIERE DELLA SERA)