news

La chiesa di San Calisto a Roma aperta per l'ospitalità notturna dei senzatetto. Non dimentichiamo gli ultimi nel cuore della pandemia

21 Dicembre 2020 - ROMA, ITALIA

Emergenza Freddo#NatalePerTutti

Alla vigilia di un Natale che deve essere per tutti

Condividi su

Come ormai accade da cinque anni, anche in questa vigilia di Natale, all’inizio della stagione fredda, è stata riaperta la chiesa di San Calisto, a Trastevere, per l’ospitalità notturna dei senza fissa dimora. L’accoglienza, ad opera della Comunità di Sant’Egidio, è in questo inverno ancora più sentita e necessaria per l’emergenza dettata dalla pandemia. Perché chi non ha casa deve essere ancora di più protetto e accolto in una città, come Roma, dove ancora troppe persone non hanno un tetto per passare la notte.

Per questo, osservando i criteri del distanziamento imposto dalle misure anti-Covid - e con tamponi preventivi grazie ad un accordo tra Sant’Egidio e l’ospedale San Giovanni-Addolorata - è stato nuovamente possibile aggiungere questo spazio notturno alle strutture già offerte dalla Comunità. Una scelta che giunge alla vigilia del #Natalepertutti lanciato da Sant’Egidio per non dimenticare gli ultimi nel cuore della pandemia.

La chiesa è un luogo di culto antico, edificato intorno al pozzo ove fu martirizzato Papa Calisto I, nel 222. L’attuale edificio è del XVII secolo. E’ una rettoria proprietà della Santa Sede, connessa alla Parrocchia di Santa Maria in Trastevere e affidata alla Comunità di Sant’Egidio.



La chiesa di San Calisto a Roma aperta per l'ospitalità notturna dei senzatetto. Non dimentichiamo gli ultimi nel cuore della pandemia
La chiesa di San Calisto a Roma aperta per l'ospitalità notturna dei senzatetto. Non dimentichiamo gli ultimi nel cuore della pandemia
La chiesa di San Calisto a Roma aperta per l'ospitalità notturna dei senzatetto. Non dimentichiamo gli ultimi nel cuore della pandemia
La chiesa di San Calisto a Roma aperta per l'ospitalità notturna dei senzatetto. Non dimentichiamo gli ultimi nel cuore della pandemia