news

Il 17 gennaio la XXXII Giornata per il dialogo tra cattolici ed ebrei. Riflessione di mons. Ambrogio Spreafico

15 Gennaio 2021

Dialogo
Ebraismo

Condividi su

Dall'introduzione di mons. Ambrogio Spreafico, Presidente della Commissione Episcopale per l’ecumenismo e il dialogo, al sussidio per la XXXII Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cattolici ed ebrei.

"Concludiamo quest’anno la riflessione comune sulle Meghillot fermando la nostra attenzione sul libro di Qohelet. Non ci poteva essere migliore coincidenza di questa che affrontare assieme, ebrei e cattolici, le domande che ci vengono da questo tempo di dolore e di morte con il libro di Qohelet. Infatti, proprio questo libro mette in discussione il senso della vita davanti al comune destino della morte. La pandemia ci ha afflitto ponendoci di fronte alla morte e alla fragilità dell’essere umano, che si è trovato a fronteggiare un male inatteso, mostrandosi impreparato e privo dei mezzi necessari per sconfiggerlo alla radice, nonostante i progressi della scienza. Quel sapere, che sembrava renderci padroni assoluti del creato, ha faticato e fatica ancora a opporsi a questo virus. Mentre speriamo che presto vengano trovati un vaccino o una cura adeguata per contrastare il virus, 
sentiamo la responsabilità personale, nei comportamenti e nei pensieri, di far sì che la pandemia si fermi e che i suoi risvolti negativi sulla vita sociale e economica non si aggravino. Abbiamo capito meglio che non saranno i muri a salvarci, ma il remare insieme – come ha detto papa Francesco – nella stessa barca che affronta questa tempesta."

Leggi tutto il sussidio qui >>

Dialogo tra mons. Ambrogio Spreafico e Rav Riccardo Di Segni

APPUNTAMENTI

Il Libro del Qohelet dalle Cinque Meghillot
Giornata di Riflessione Ebraico-Cristiana

Domenica 17 gennaio, ore 19
Per motivi tecnici l'evento previsto per il 17 Gennaio è stato rinviato a giovedi 21 alle ore 18
In diretta televisiva e in streaming dal Museo Ebraico di Roma.

Introduce
Card. Angelo De Donatis, Vicario della Diocesi di Roma

Intervengono
Rav Riccardo di Segni, Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma

Card. José Tolentino De Mendonça, Archivista e Bibliotecario della Santa Sede

Modera
Mons. Marco Gnavi