L'omaggio dei ragazzi di Sant'Egidio: da tutta Europa per costruire la pace

25 Agosto 2017

BarcellonaGiovani per la Pace

Condividi su


Alcuni sono appena adolescenti. Altri sono universitari. La maggior parte frequenta le superiori. Sono arrivati da tutta Europa - qualcuno perfino dall'Africa, dall'Asia e dall'America Latina - per radunarsi a Barcellona.
Là, nella metropoli ferita, i Giovani per la Pace - movimento dei ragazzi della Comunità di 
Sant'Egidio - vogliono provare a ricucire quelle lacerazioni, aperte dal jihadismo, che rischiano di minare la convivenza. E lo fanno non solo con le parole, dicendo un forte e deciso no al terrorismo. I ragazzi del movimento portano nella metropoli catalana la loro esperienza concreta, maturata nell'impegno quotidiano nei quartieri disagiati, dove hanno creato le scuole della Pace, nel servizio agli anziani soli e ai senzatetto, nell'accoglienza ai rifugiati. L'obiettivo è lanciare un messaggio di solidarietà e apertura all'altro, unico fondamento per una pace duratura e stabile. Il contrario di quanto propugnano i terroristi, costruttori di muri tra comunità, religioni, etnie, culture.
Fino a domenica, centinaia di ragazzi rifletteranno insieme sul tema: "More Youth, More Peace" ("Più giovani, più pace), con incontri, dibattiti, visite. Oggi, alle 18, al termine della prima giornata di lavoro, i Giovani per la Pace deporranno una corona di fiori sulla Rambla, in ricordo delle quindici vittime degli attacchi del 17 agosto. Poi, leggeranno il Manifesto per la pace. Domani, i ragazzi parteciperanno alla grande manifestazione di Barcellona contro il terrorismo e per la convivenza, insieme al presidente della Comunità di 
Sant'Egidio, Marco Impagliazzo.


[ Lu.C. ]