Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Ricordo del martirio di san Giovanni Battista, precursore del Signore.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Marco 6,17-29

Proprio Erode, infatti, aveva mandato ad arrestare Giovanni e lo aveva messo in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo, perché l'aveva sposata. Giovanni infatti diceva a Erode: "Non ti è lecito tenere con te la moglie di tuo fratello". Per questo Erodìade lo odiava e voleva farlo uccidere, ma non poteva, perché Erode temeva Giovanni, sapendolo uomo giusto e santo, e vigilava su di lui; nell'ascoltarlo restava molto perplesso, tuttavia lo ascoltava volentieri.
Venne però il giorno propizio, quando Erode, per il suo compleanno, fece un banchetto per i più alti funzionari della sua corte, gli ufficiali dell'esercito e i notabili della Galilea. Entrata la figlia della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla fanciulla: "Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò". E le giurò più volte: "Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno". Ella uscì e disse alla madre: "Che cosa devo chiedere?". Quella rispose: "La testa di Giovanni il Battista". E subito, entrata di corsa dal re, fece la richiesta, dicendo: "Voglio che tu mi dia adesso, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista". Il re, fattosi molto triste, a motivo del giuramento e dei commensali non volle opporle un rifiuto. E subito il re mandò una guardia e ordinò che gli fosse portata la testa di Giovanni. La guardia andò, lo decapitò in prigione e ne portò la testa su un vassoio, la diede alla fanciulla e la fanciulla la diede a sua madre. I discepoli di Giovanni, saputo il fatto, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La Chiesa, fin dall'antichità, ricorda non solo la nascita del Battista ma anche il giorno della sua morte, avvenuta per mano di Erode, il quale preferì ascoltare il capriccio di una donna dal cuore cattivo piuttosto che la parola dura ma vera del profeta. È l'ultimo, il più grande dei profeti, colui che prepara l'Avvento del Messia. Il suo rigore contrasta l'abitudine a piegare tutto al proprio interesse; l'essenzialità ci aiuta a liberarci del superfluo; la sua speranza ci ricorda che non possiamo riconoscere Gesù senza preparare il nostro cuore, senza affrontare il deserto del cuore e di tanti luoghi del mondo. Ascoltiamo la sua voce per preparare una via al Signore che viene. Il Battista aveva predicato la giustizia e la conversione del cuore. Ed era entrato nell'animo del re. Al contrario, Erodiade era sempre più contrariata dalla predicazione del profeta e lo detestava. Erode purtroppo non continuò ad ascoltare la parola del profeta e il timore, che pure sentiva per il rimprovero che gli veniva fatto, non lo portò a continuare l'ascolto per giungere fino alla conversione. È l'esperienza amara del rifiuto della predicazione che porta inevitabilmente all'indurimento del cuore sino ad incattivirlo. Erode, sebbene a malincuore, si lasciò travolgere dagli eventi anche solo di natura capricciosa e divenne omicida. Ogni priorità venne travolta: la parola data fu più importante della vita del profeta. Ed Erode decise di far decapitare il Battista. Dal cuore pervertito di Erode nacquero l'omicidio e il tentativo di far trionfare il male sul bene. Diverso era il comportamento di coloro che accorrevano al Giordano per ascoltare il Battista: essi accorrevano riconoscendo di essere peccatori bisognosi di perdono, di cambiamento, di salvezza. La testimonianza di Giovanni - accade la stessa cosa ogni volta che il Vangelo è predicato - prepara il cuore ad accogliere il Signore. Avvenne anche ad alcuni dei suoi discepoli i quali, dopo averlo sentito parlare di Gesù, si misero a seguirlo. Non ascoltare la voce del profeta, non tener conto delle sue parole che esortano o che correggono, significa decapitare quella Parola rendendo inefficace il suo pressante invito ad accogliere il Signore. Non andiamo a cercare nel deserto una canna sbattuta dal vento, cioè una delle tante immagini che guardiamo senza capire; non cerchiamo nemmeno un uomo avvolto in morbide vesti, perché questi uomini stanno nei palazzi dei re come le tante rassicurazioni false del benessere. Lasciamoci interrogare da colui che ci indica il Signore presente nel mondo, perché è l'uomo dell'attesa. E solo chi sa attendere, chi si sveglia dal sonno, riconosce la salvezza presente.


29/08/2016
Preghiera per i poveri


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri