Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria dei santi Cosma e Damiano, martiri siriani. La tradizione li ricorda medici che curavano gratuitamente i malati. Particolare memoria di quanti si dedicano alla cura e alla guarigione dei malati.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro di Giobbe 1,6-22

Ora, un giorno, i figli di Dio andarono a presentarsi al Signore e anche Satana andò in mezzo a loro. Il Signore chiese a Satana: "Da dove vieni?". Satana rispose al Signore: "Dalla terra, che ho percorso in lungo e in largo". Il Signore disse a Satana: "Hai posto attenzione al mio servo Giobbe? Nessuno è come lui sulla terra: uomo integro e retto, timorato di Dio e lontano dal male". Satana rispose al Signore: "Forse che Giobbe teme Dio per nulla? Non sei forse tu che hai messo una siepe intorno a lui e alla sua casa e a tutto quello che è suo? Tu hai benedetto il lavoro delle sue mani e i suoi possedimenti si espandono sulla terra. Ma stendi un poco la mano e tocca quanto ha, e vedrai come ti maledirà apertamente!". Il Signore disse a Satana: "Ecco, quanto possiede è in tuo potere, ma non stendere la mano su di lui". Satana si ritirò dalla presenza del Signore.
Un giorno accadde che, mentre i suoi figli e le sue figlie stavano mangiando e bevendo vino in casa del fratello maggiore, un messaggero venne da Giobbe e gli disse: "I buoi stavano arando e le asine pascolando vicino ad essi. I Sabei hanno fatto irruzione, li hanno portati via e hanno passato a fil di spada i guardiani. Sono scampato soltanto io per raccontartelo".
Mentre egli ancora parlava, entrò un altro e disse: "Un fuoco divino è caduto dal cielo: si è appiccato alle pecore e ai guardiani e li ha divorati. Sono scampato soltanto io per raccontartelo".
Mentre egli ancora parlava, entrò un altro e disse: "I Caldei hanno formato tre bande: sono piombati sopra i cammelli e li hanno portati via e hanno passato a fil di spada i guardiani. Sono scampato soltanto io per raccontartelo".
Mentre egli ancora parlava, entrò un altro e disse: "I tuoi figli e le tue figlie stavano mangiando e bevendo vino in casa del loro fratello maggiore, quand'ecco un vento impetuoso si è scatenato da oltre il deserto: ha investito i quattro lati della casa, che è rovinata sui giovani e sono morti. Sono scampato soltanto io per raccontartelo".
Allora Giobbe si alzò e si stracciò il mantello; si rase il capo, cadde a terra, si prostrò e disse:
"Nudo uscii dal grembo di mia madre,
e nudo vi ritornerò.
Il Signore ha dato, il Signore ha tolto,
sia benedetto il nome del Signore!".

In tutto questo Giobbe non peccò e non attribuì a Dio nulla di ingiusto.


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Con questo brano odierno inizia la lettura del libro di Giobbe. I primi due capitoli presentano Giobbe come un modello di vita: "Era integro e retto, temeva Dio ed era alieno dal male". L'autore mostra l'integrità e la serenità della vita di un uomo che aveva fatto del "timore di Dio" il cuore del suo agire, come spiega bene nel versetto 5, dove Giobbe si preoccupa che anche i suoi figli non compiano nulla che possa mettere in pericolo l'amicizia con il Signore. Egli offriva sacrifici a Dio ogni mattino "secondo il numero dei suoi figli" sottolinea il testo. Dio stesso gioisce e, quasi con orgoglio, parla di Giobbe a coloro che fanno da messaggeri con l'umanità, i "figli di Dio" (gli angeli), e soprattutto a Satana, "l'avversario". Il Signore gioisce del bene di Giobbe; non così Satana che ha un senso di fastidio di fronte a quest'uomo giusto, a cui tutto sembra andar bene. Che non sia solo il benessere di Giobbe, il motivo della sua fedeltà a Dio e della sua rettitudine? Satana quasi si insinua tra Dio e gli uomini per porre dubbi sul bene, sulla gioia e sulla serenità di quell'uomo giusto, timorato di Dio. È l'invidia del maligno per il bene dell'uomo, per la presenza benevola di Dio nella storia. La sua opera sembra proprio quella di aggirarsi sulla terra per mettere in discussione chi opera il bene, come dice la prima Lettera di Pietro: "Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede" (5,9). Giobbe saprà resistere al male? Questa è la richiesta che Satana avanza al Signore. Così Satana colpisce Giobbe in ciò che egli possiede in un crescendo di privazione e di sofferenza: prima Giobbe viene privato di tutti i suoi beni, poi dei suoi stessi figli e figlie. Ma Giobbe non maledice Dio, non attribuisce a lui la causa del male che lo ha colpito, anzi la sua risposta continua a stupire: "Nudo uscii dal seno di mia madre, e nudo ritornerò. Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, sia benedetto il nome del Signore."


26/09/2016
Preghiera per i poveri


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica