Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
14 Gennaio 2016 | PERUGIA, ITALIA

Immigrazione, inaugurato il primo corso per mediatori europei: costruire ponti contro la paura e l'esclusione

Presentato a Perugia il corso promosso da Sant’Egidio, Miur e Università per Stranieri di Perugia. Formerà operatori capaci di favorire l’integrazione a partire dalle periferie

 
versione stampabile

Questa mattina, all’Università per Stranieri di Perugia, è stato inaugurato il primo corso di “Alta Formazione per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale”. Formerà, per la prima volta a livello nazionale, operatori capaci di svolgere una preziosa attività di mediazione tra i cittadini immigrati, le istituzioni e la società civile.

Il corso inaugurato oggi offre una visione lontana dalle “profezie di sventura”, ha avvertito Marco Impagliazzo, docente all’Università per Stranieri e Presidente della Comunità di Sant’Egidio, osservando come la presenza degli immigrati in Europa (35 milioni di stranieri e 50 milioni di residenti di origine straniera) riveli una “ristrutturazione decisiva” delle nostre società e dunque rappresenti “una sfida da cogliere e da vincere”. “Già viviamo insieme come in un grande condominio con persone di provenienze diverse – ha detto Impagliazzo – ma occorre ora costruire con solide fondamenta la casa comune”. Gli allievi del Corso per mediatori - ha concluso - studiano “per essere pontefici, cioè costruttori di ponti” per superare quell’esclusione generatrice di molti mali, come, recentemente, gli attentati di Parigi.

Daniela Pompei, responsabile dei servizi ai migranti della Comunità di Sant’Egidio, ha sottolineato “l’inedita collaborazione tra Stato, mondo accademico e società civile sulla frontiera strategica dell’integrazione”. Il corso, con 140 iscritti da 40 paesi diversi, ha un importante profilo nazionale e consentirà la validazione unica delle competenze del “mediatore culturale”. Dopo 16 anni nel campo della formazione, ha osservato Daniela Pompei, “si avvertiva l’esigenza di alzare il livello professionale” e superare la frammentazione delle esperienze “per costruire una strategia culturale non solo per le emergenze ma per dare chiavi di inclusione nelle periferie”. “Mediatore non è mero traduttore - ha concluso - ma interprete profondo della cultura italiana: è portatore di una visione per il futuro”.

Il sottosegretario al Miur, Davide Faraone, ha sottolineato l’impegno del ministero per “rafforzare le reti dell’inclusione per contrastare chi specula sulle paure”. Il corso per Faraone rappresenta “un modello strategico” da diffondere e su cui investire per creare “anticorpi contro le strategie tristi della paura”. Ricordando poi l’importante riforma della legge sulla cittadinanza, in corso in Parlamento, il sottosegretario ha osservato come proprio la cultura sia “la via giusta per diventare italiani”.
 
OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | ES | FR | CA
27 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Anziani romani e migranti insieme per dire NO al razzismo

17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

I mediatori interculturali sono ponti a due sensi: aiutano gli immigrati ma anche le istituzioni italiane

IT | HU
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
14 Novembre 2011

A Roma, cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
22 Gennaio 2017
Avvenire - Ed. Lazio Sette

«L'integrazione, interesse di tutti»

8 Luglio 2017
Il Fatto Quotidiano

Andrea Riccardi: "Non è un'invasione, servono altri toni"

6 Luglio 2017
Avvenire

Sant'Egidio. Madri e figli rifugiati a scuola d'integrazione

20 Giugno 2017
SIR

Giornata mondiale rifugiato: Comunità di Sant’Egidio, “priorità” è “salvare vite umane”. Giovedì veglia di preghiera a Roma “Morire di speranza”

6 Giugno 2017
Il Centro

L'integrazione non è una favola

5 Giugno 2017
La Stampa

Sant'Egidio da sola fa più dell'Europa

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
28 Giugno 2017 | GENOVA, ITALIA

Preghiera Morire di Speranza in memoria di quanti perdono la vita nei viaggi verso l'Europa.

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1246 visite

1191 visite

1212 visite

1205 visite

1294 visite
tutta i media correlati