change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
16 Gennaio 2016 | OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

Voci dal Burkina Faso, un paese caro per la Comunità, colpito dalla violenza

Attacco terroristico a Ouagadougou dove è presente la Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

 

"Hanno voluto colpire un Paese dove la convivenza tra religioni diverse è possibile": Mira Gianturco, responsabile internazionale del programma Bravo, della Comunità di Sant'Egidio, è a Ouagadougou e ha vissuto trincerata in casa le ore drammatiche dell'attacco jihadista nel centro della capitale burkinabé. "Stamane mi hanno chiamato decine di amici musulmani: persone che volevano sapere come sto, se fosse tutto a posto. Qualcuno è venuto addirittura a cercarmi a casa".

Le religioni islamica, cristiana e tradizionale hanno sempre convissuto pacificamente in Burkina Faso. "La convivenza è stata ed è possibile. Colpisce che questo attacco arrivi nel momento in cui si volta pagina dopo il colpo di Stato: è stato eletto un presidente, è nato il governo, è finita la transizione. Vogliono impedire che questo processo continui. Ma ci sono tanti segnali del fatto che la gente voglia vivere insieme ed è importante che quanto accaduto e la paura non blocchino questo processo".

"Penso che questo attentato sia stato compiuto non solo per destabilizzare il Paese ma anche per colpire la convivenza tra i popoli. Per colpire un luogo dove erano presenti tanti fratelli e sorelle dell'Occidente", aggiunge padre Philippe Zongo, uno dei responsabili di Sant'Egidio molto impegnato in Burkina Faso ed appena rientrato a Roma. Secondo il religioso, l'attacco è "quasi una copia" di quanto avvenuto a Bamako, in Mali, dove a novembre fu preso d'assalto un altro albergo frequentato da stranieri. E' dunque "un messaggio a tutta l'umanità, è un problema che riguarda l'intera umanità". Anche padre Zongo teme che l'assalto possa in qualche modo minare la convivenza fra musulmani e cristiani - questi ultimi sono circa il 30% nel Paese - che finora ha dato buoni frutti. "C'è una convivenza secolare tra musulmani e cristiani e c'è stato sempre un dialogo forte di amicizia", ha sottolineato. Ma ora questo attacco "potrebbe essere interpretato come una contrapposizione tra musulmani e cristiani ma non si tratta di un problema di religione. Il problema è il male che sta corrodendo la nostra societa'". "Come sempre il male è presente e vuole seminare paura ma noi non cediamo alla paura perche siamo sicuri che insieme possiamo salvare il mondo", ha assicurato il religioso.

In Burkina Faso la Comunità di Sant'Egidio è molto attiva e presente. "Facciamo servizio di preghiera, incontri, servizio ai poveri", ha spiegato ancora padre Zongo. "Quest'anno, ad esempio, abbiamo realizzato il pranzo di Natale con i carcerati e i bambini di strada". Il pranzo servito ai bambini di strada è una consuetudine settimanale ed avviene in un centro proprio sulla strada dove si trova l'Hotel Spendid. "E' un modo anche per rafforzare i rapporti umani e la cultura del vivere, i valori spirituali".

Bravo (Birth Registration for all Versus Oblivium) dal 2009 realizza una campagna di registrazione per assicurare l'atto di nascita a chi altrimenti non l'avrebbe. "La mancata registrazione anagrafica alimenta i conflitti ed è fonte di instabilità. E' il cuore del problema, dare un'identità a chi non ce l'ha. Molti di coloro che si danno alla violenza provengono dagli strati sociali più diseredati. Se si riuscisse a dare un'identità a tutti anche la sicurezza sarebbe diversa". Ogni anno, rende noto la Comunita' di Sant'Egidio, 51 milioni di bambini nel mondo non vengono registrati e diventano dunque facili prede di abusi di qualunque tipo, da quelli sessuali al reclutamento nelle forze armate, dal lavoro giovanile ai matrimoni precoci. Due bimbi su tre nell'Africa sub-sahariana non sono registrati all'anagrafe e da un punto di vista legale sono bambini 'invisibili'.

Fonte AGI


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Gennaio 2018

Giornata di riflessione sui rapporti tra ebraismo e cristianesimo: intervista a mons. Ambrogio Spreafico

17 Gennaio 2018

Ospiti del 17/01/2018

16 Gennaio 2018

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola

16 Gennaio 2018
VARSAVIA, POLONIA

A Varsavia, il cardinale Nycz: "Accogliamo i rifugiati per accogliere Gesù"

IT | DE | PL
15 Gennaio 2018

Ospiti del 15/01/2018

15 Gennaio 2018

'Fare Pace - la diplomazia di Sant'Egidio' è in libreria

IT | DE
tutte le news
• STAMPA
14 Gennaio 2018
Kirchen Zeitung-Aachen

Rawan Thamer, 20, Studentin , Mönchengladbach  

2 Gennaio 2018
Main-Post

Würzburger Friedens-Appell geht in alle Welt

2 Gennaio 2018
Katholische Kirche Oesterreich

Innsbruck: Glettler bei Gebet und Marsch zum Weltfriedenstag

1 Gennaio 2018
Aachener Nachrichten

Friedensmarsch: Gemeinsam für den Frieden eintreten

1 Gennaio 2018
Br-Online

Demo zum Weltfriedenstag

28 Dicembre 2017
Evangelischer Pressedienst

Weihnachtsessen für Arme und Flüchtlinge in Berlin

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Gennaio 2018 | PADOVA, ITALIA

Convegno ''La città del noi, una proposta per Padova''

23 Gennaio 2018 | LIVORNO, ITALIA

Memoria della deportazione degli ebrei di Livorno

18 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

'Siamo qui, siamo vivi. Il diario inedito di Alfredo Sarano e della famiglia scampati alla Shoah'. Colloquio sul libro

17 Gennaio 2018 | NAPOLI, ITALIA

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace - Educare i bambini in un mondo globale''

15 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace, Educare i bambini in un mondo globale''

12 Gennaio 2018 | NAPOLI, ITALIA

Conferenza ''I Corridoi Umanitari''

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
10 Ottobre 2017

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte visitiamo i condannati più poveri in Africa

15 Aprile 2017
STATI UNITI

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica

18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

10 Ottobre 2015
STATI UNITI

La Comunità di Sant'Egidio lancia la prossima "Giornata Mondiale delle città per la vita"

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

12 Marzo 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 Marzo 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 Marzo 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI
Scrittore, Polonia

Adam Michnik

Premio Nobel per la Pace, Argentina

Adolfo Pérez Esquivel

Arcivescovo, Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, Santa Sede

Agostino Marchetto

Grande Imam di Al-Azhar, Egitto

Ahmad Muhammad Al-Tayyeb

Associazione “Muhammadiyyah for Scholars”, Marocco

Ahmed Abbadi

Direttorato del Grand Mufti dell'Oman

Ahmed Saud Said al-Siyabi

tutti i documenti
• LIBRI

Fare Pace





San Paolo

Alla Scuola della Pace





San Paolo
tutti i libri

VIDEO FOTO
3:12
Il pranzo di Natale 2017 a Praga - parrocchia di S. Antonin
Il video della cerimonia finale di #pathsofpeace
2:21:42
Panel 9 - Migranti: salvare, accogliere, integrare #PathsofPeace

21 visite

23 visite

23 visite

26 visite

26 visite
tutta i media correlati