Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
26 Febbraio 2016

Volti e storie dei profughi che arriveranno in Italia senza rischiare la vita grazie ai corridoi umanitari

 
versione stampabile

 

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamolo insieme >>

Badee'ah, Mariam, il piccolo Aboudi e il giovane Rami sono fuggiti dalla Siria, ma stavolta non dovranno rischiare la vita in mare: grazie ai corridoi umanitari, attivati dalla Comunità di Sant'Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese con i ministeri degli Esteri e dell'Interno, raggiungeranno l'Italia legalmente e in sicurezza insieme ad altri 100 profughi.

 
Mariam, 71 anni, abitava nella regione di Hasake: è una cristiana assira, come tanti che sono fuggiti da quella regione della Siria per evitare di essere uccisi o rapiti. E’ rimasta sola perché tutti i suoi parenti sono emigrati. Solo un lontano nipote che la visita di tanto in tanto.
 
Badee’ah, 53 anni, è chiamata da tutti “mamma”. Perché nel campo di Tel Abass tutti cercano lei quando hanno problemi. Fuggita da Homs, insieme ai suoi parenti, in tutto 7 famiglie, ha trovato rifugio in queste precarie baracche a Nord di Tripoli, a pochi chilometri dalla frontiera siriana. Lì ha trovato il conforto dei volontari della comunità Papa Giovanni XXIII, prima che arrivasse un giorno la buona notizia dei corridoi umanitari. E da allora ha convinto tutti ad attendere la partenza per Roma, evitando i viaggi della disperazione nel Mediterraneo che avevano già causato troppi lutti, anche a chi le era vicino.
Aboudi, 4 anni, ha già imparato qualche parola di italiano. Gioca sul suo lettino accanto ad una stufa rudimentale sistemata al centro della baracca.
Rami, 28 anni, profugo siriano in partenza dal campo di Tel Abbas per Roma insieme al figlio Aboudi.

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

IT | ES | DE | FR | PT
5 Dicembre 2016

Salvare vite umane dalla guerra in Siria si può: con i #corridoiumanitari

IT | ES | PT | CA
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU | HU
1 Dicembre 2016

Altri 100 in salvo con i #corridoiumanitari. Il progetto compie un anno e arriva a quota 500

IT | DE | FR | PT
25 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA

Pace in Siria, Iraq, Centrafrica: colloquio tra Andrea Riccardi e il ministro degli esteri francese Jean Marc Ayrault

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
4 Dicembre 2016
Vatican Insider

Profughi, un nuovo corridoio umanitario con l’Etiopia

3 Dicembre 2016
Avvenire

Corridoi umanitari, quota 500 Arrivano da Homs e Aleppo

2 Dicembre 2016
Redattore Sociale

Migranti, in 500 arrivati con i corridoi umanitari: "L'unica alternativa"

1 Dicembre 2016
OnuItalia

Corridoi umanitari: 40 profughi a Fiumicino; Sant’Egidio, modello per Europa

1 Dicembre 2016
Ansamed

Migranti: S.Egidio, 'corridoi' alternativa a disperazione

29 Novembre 2016
Vita

Riconoscimento dell’asilo, non sia solo una formalità burocratica

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
14 Dicembre 2016 | GENOVA, ITALIA

Volevo un posto dove ci fosse la pace - I rifugiati si raccontano

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

#savealeppo: salvare aleppo e proteggere i cristiani in medio oriente

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

#savealeppo: le principali adesioni pervenute

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

932 visite

609 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri