Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
26 Febbraio 2016

Volti e storie dei profughi che arriveranno in Italia senza rischiare la vita grazie ai corridoi umanitari

 
versione stampabile

 {Corridoi_umanitari_news}

Badee'ah, Mariam, il piccolo Aboudi e il giovane Rami sono fuggiti dalla Siria, ma stavolta non dovranno rischiare la vita in mare: grazie ai corridoi umanitari, attivati dalla Comunità di Sant'Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese con i ministeri degli Esteri e dell'Interno, raggiungeranno l'Italia legalmente e in sicurezza insieme ad altri 100 profughi.

 
Mariam, 71 anni, abitava nella regione di Hasake: è una cristiana assira, come tanti che sono fuggiti da quella regione della Siria per evitare di essere uccisi o rapiti. E’ rimasta sola perché tutti i suoi parenti sono emigrati. Solo un lontano nipote che la visita di tanto in tanto.
 
Badee’ah, 53 anni, è chiamata da tutti “mamma”. Perché nel campo di Tel Abass tutti cercano lei quando hanno problemi. Fuggita da Homs, insieme ai suoi parenti, in tutto 7 famiglie, ha trovato rifugio in queste precarie baracche a Nord di Tripoli, a pochi chilometri dalla frontiera siriana. Lì ha trovato il conforto dei volontari della comunità Papa Giovanni XXIII, prima che arrivasse un giorno la buona notizia dei corridoi umanitari. E da allora ha convinto tutti ad attendere la partenza per Roma, evitando i viaggi della disperazione nel Mediterraneo che avevano già causato troppi lutti, anche a chi le era vicino.
Aboudi, 4 anni, ha già imparato qualche parola di italiano. Gioca sul suo lettino accanto ad una stufa rudimentale sistemata al centro della baracca.
Rami, 28 anni, profugo siriano in partenza dal campo di Tel Abbas per Roma insieme al figlio Aboudi.

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Il racconto di Yasmien, prima siriana arrivata con i corridoi umanitari, che studia per diventare mediatore interculturale

21 Marzo 2017

A Parma il nuovo mondo comincia con i corridoi umanitari #norazzismo

19 Giugno 2017

Giornata Mondiale del Rifugiato 2017. Dichiarazione ecumenica congiunta: superare la paura dello straniero

IT | EN | ES | DE
15 Maggio 2017
NAPOLI, ITALIA

''Come ristabilire la pace in Siria? Riscoprendo Dio nell'altro''. Il vescovo armeno di Damasco a Napoli

IT | HU
19 Giugno 2017
SPELLO, ITALIA

I Corridoi umanitari colorano le strade di Spello e vincono il premio della giuria popolare per la tradizionale infiorata

tutte le news
• STAMPA
28 Maggio 2017
Catalunya Cristiana

Els corredors, una gran esperança

4 Maggio 2017
AlfayOmega

Un año salvando vidas: el éxito de los corredores humanitarios. Todo a punto en España

23 Aprile 2017
Radio Vaticana

Papa a San Bartolomeo. Mons. Paglia: testimoni della fede per vincere il male

23 Giugno 2017
Il Piccolo

I Nostri Angeli contro le guerre

22 Giugno 2017
SIR

Migranti: mons. Gnavi (diocesi Roma), “abbiamo il dovere di perseverare nella speranza”

19 Giugno 2017
La Croix

La méthode de Sant’Egidio, de négociation “spirituellement inspirée”, a fait tache d’huile.

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

#savealeppo: salvare aleppo e proteggere i cristiani in medio oriente

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

tutti i documenti

FOTO

847 visite

770 visite

682 visite

758 visite
tutta i media correlati