Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
4 Marzo 2016 | LIVORNO, ITALIA

A Livorno si apre Medì, convegno internazionale sulle relazioni e prospettive delle città del Mediterraneo

Al Teatro La Goldonetta. Cerimonia di apertura il 4 marzo alle 16.30

 
versione stampabile
Venerdì 4 e sabato 5 marzo 2016  il meeting internazionale di Sant'Egidio
con i protagonisti della rinascita delle città portuali


'Medì', voci e prospettive del Mediterraneo a Livorno
Il punto sui profughi, le voci del Nord Africa e del Medio Oriente,
il rilancio del centro labronico in rapporto con le sponde di Paesi
che si affacciano sul 'Mare nostrum' e sulla storia

 
Medì 2016: il programma »                I relatori »

Città-porto, città-approdo, Livorno come luogo di confronto internazionale tra i centri del Mediterraneo che si misurano con le sfide della storia e che si ripensano per dare prospettiva alla loro vitalità. Venerdì 4 e sabato 5 marzo torna nella città labronica 'Medì', la rassegna promossa dalla Comunità di Sant’Egidio per lo sviluppo delle relazioni tra le città del Mediterraneo. I lavori si svolgeranno al Teatro La Goldonetta, con inizio venerdì alle 16.30, con la prima tavola rotonda dedicata a prospettive e opportunità di cambiamento. Infatti i porti sono sinonimo di opportunità di scambi e relazioni tra nazioni, ma alcune città sono sospese tra crisi socioeconomica e lo sperato rilancio portuale. "Le città del Mediterraneo - spiegano i promotori - sono oggi collettori delle speranze di vita e di futuro che riguardano molti nel mondo e che arrivano sulle coste attraverso flussi di persone e di merci, provenienti da almeno tre continenti". 

Tunisi, Tangeri, Barcellona, Marsiglia, Genova, Civitavecchia, Lampedusa, Salonicco, Durazzo e la città ospite, Livorno, saranno rappresentate, nei lavori del convegno 2016, da uomini e donne che per motivi, con titoli e a livelli diversi, si misurano con la sfida del pluralismo, caratteristica e proposta originale della città e della cultura mediterranea. A confronto Andrea Riccardi fondatore della Comunità di Sant'Egidio e storico, che terrà la relazione introduttiva, con Adolfo Romagosa, Direttore di Porto 2000 a Barcellona; i sindaci di Livorno Filippo Nogarin e di Civitavecchia Antonio Cozzolino; Marco Carrai, presidente di Toscana Aeroporti, e Khalid Benomar, responsabile 'Grandi Progetti' del porto di Tangeri. Saluti iniziali di Mons. Simone Giusti, vescovo di Livorno, e Cristina Grieco, assessore, per la Regione Toscana. 

Sabato 5 marzo, alle 10, un confronto su un tema nevralgico del presente, l'accoglienza dei profughi nel Mediterraneo, con le testimonianze di Ramia Mostafa che porterà a 'Medì' la voce della Siria; di Ahmet Turk, sindaco di Mardin; Daniela Pompei, della Comunità di Sant'Egidio, sul lavoro condotto per l'apertura dei corridoi umanitari; Damiano Sferlazzo, vice sindaco di Lampedusa; Vasilios Milios, docente dell'ateneo di Salonicco. 

Nel pomeriggio, alle 16.30, lo sguardo si sposta sul tema 'Città antiche, nuovi volti' per scandagliare il rapporto tra identità e cambiamento della popolazione nelle città portuali. A questo confronto prenderanno parte Dorian Hatibi, della Regione di Durazzo; Andrea Chiappori, della Comunità di Sant'Egidio di Genova; Roberto Botteghi, dell'Università di Nizza, che presenterà la situazione di Marsiglia; Nasri Rachdi, Tunisi, della Fondazione A.Tlili per la Cultura Democratica; Vittorio Ianari, Comunità di Sant'Egidio, che ha approfondito i rapporti tra mondo arabo-islamico e Occidente e si è interessato della presenza cristiana nel contesto medio-orientale, in particolare sotto il profilo della storia religiosa contemporanea. 

Al termine del meeting anche una degustazione delle diverse cucine del Mediterraneo, nel Chiostro di San Giovanni in via Carraia, con iscrizione da fare all'ingresso, presso il desk accoglienza. 

I tre panels in cui sarà articolato il Convegno, illustreranno la situazione vissuta da ciascuna città, relativamente a temi e situazioni di comune interesse: l'accoglienza dei profughi nel Mediterraneo, il nuovo volto assunto dalle città con il progressivo cambiamento demografico, la relazione città-porto nella programmazione istituzionale. Quest'ultimo tema ha inoltre uno specifico interesse locale, essendo Livorno quale sede del progetto Piattaforma Europa, interessata a costruire partenariati e relazioni: cose nuove su cose antiche. 

In questo quadro, le città del Mediterraneo assumono un nuovo ruolo, per la loro specifica cultura e il loro nuovo volto, suggerendo modi per ridurre le distanze, per gettare ponti sulle fratture, per consolidare fattori di interdipendenza tra Nord e Sud del mondo, tra Oriente e Occidente. 

I due convegni precedenti della rassegna, 'Le città vogliono vivere. Lotte e speranze nel Mediterraneo', all'indomani della primavera araba, 'Le città hanno un'anima. Identità comuni e sfide future', confronto aperto sull'instabilità crescente dell'area mediterranea, hanno raccolto il favore di un ampio pubblico, a testimonianza dell'interesse suscitato dal connubio locale-globale e dal binomio città-società civile. 

Medì è realizzato con il patrocinio della Regione Toscana e in collaborazione con il Comune di Livorno, l’Autorità Portuale e la Fondazione Goldoni che ospita l’incontro. 

Saranno coinvolti le comunità di immigrati, originari delle città rappresentate nei lavori dell’incontro e i ragazzi delle scuole superiori livornesi, che assisteranno alle conferenze e contribuiranno all’organizzazione del convegno. 

Medì 2016: il programma »                I relatori »

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
25 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA

Pace in Siria, Iraq, Centrafrica: colloquio tra Andrea Riccardi e il ministro degli esteri francese Jean Marc Ayrault

IT | ES | DE | FR | PT
25 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA

La sfida delle periferie di Parigi e del mondo: un incontro sul libro di Andrea Riccardi

IT | ES | FR
21 Ottobre 2016

Profughi, lunedì a Fiumicino nuovi arrivi con i corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR
23 Settembre 2016
ASSISI, ITALIA

Testi ed interventi della cerimonia conclusiva di Sete di Pace - Assisi 2016

IT | EN | ES | PT
22 Dicembre 2011

Andrea Riccardi - notizie stampa internazionale

IT | ES | DE | FR | PT
7 Giugno 2011

Napoli (Italia): "Facciamo la pace" a Scampia, con il Paese dell'Arcobaleno

IT | ES | DE | CA | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
4 Dicembre 2016
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: La scomparsa del leader Fidel e il giudizio della storia

2 Dicembre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Cinquant'anni fa, la Bibbia rossa di Mao: storia di una grande illusione (e manipolazione) di massa

1 Dicembre 2016
Famiglia Cristiana

Non solo aborto, nella lettera anche poveri e Bibbia

27 Novembre 2016
La Nazione

Don Milani, il diario dei ricordi di Gesualdi. Betori: Ripartiamo da Esperienze Pastorali

26 Novembre 2016
Notizie Italia News

Commenti: La novità del primo papa della globalizzazione

25 Novembre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Francesco è il primo Papa globale. Vuole una Chiesa larga, misericordiosa e attrattiva

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
16 Novembre 2016 | CERGY, FRANCIA

La globalizzazione e l'arte della pace: il ruolo di Sant'Egidio, con Andrea Riccardi

27 Settembre 2016

Presentazione del libro: Servitore di Dio e dell'umanità. Biografia di Benedetto XVI.

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Medì 2016: I RELATORI

Medì 2016: PROGRAMMA

tutti i documenti
• LIBRI

L'Altro, l'Atteso





San Paolo

Periferie





Jaca Book
tutti i libri

FOTO

1333 visite

1257 visite

1179 visite

1257 visite

1457 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri