Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Marzo 2016

#corridoiumanitari

La nuova vita dei profughi siriani arrivati con i corridoi umanitari

Cure mediche, scuola e tanta voglia di integrarsi nel presente delle 25 famiglie arrivate a febbraio in Italia

 
versione stampabile

{Corridoi_umanitari_news}

Gli Al Hourani sono stati i primi ad arrivare all’inizio di febbraio, inaugurando i corridoi umanitari di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese. I loro volti sorridenti all’aeroporto di Fiumicino sono diventati un’immagine del progetto ecumenico, che Papa Francesco ha definito “un segno concreto di impegno per la pace e per la vita”: un aereo di linea al posto dei barconi degli scafisti, una casa al posto delle tende di un campo profughi.

Ma come trascorrono le loro giornate romane Yasmine e Suliman, Falak e Hussein? Pochi giorni dopo l’arrivo, Falak è stata operata all’occhio e ha iniziato le terapie all’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Ma ha anche iniziato a imparare un po’ di italiano:  “ciao”, “mi chiamo Falak”, “come stai?” sono le prime parole pronunciate senza incertezza nella nostra lingua da questa bimba di soli 7 anni con un carattere forte, che con il fratellino adesso pensa a giocare, disegnare e vuole lasciarsi alle spalle le tante difficoltà della vita. Oltre a badare ai loro figli, Yasmine e Suliman hanno iniziato a frequentare la scuola di lingua e cultura italiana della Comunità a Trastevere. Fanno progressi e pensano al futuro della loro famiglia in Italia. A Homs non è rimasto nulla della loro casa, distrutta dalle bombe. “Anche se la guerra in Siria finisse, non sapremmo dove tornare a vivere”, dicono ai loro amici di Sant’Egidio.

Una nuova vita è iniziata anche per Rasha e i suoi tre figli, Jafar, Omar e Jenin. La loro famiglia è originaria della Palestina e viveva in un campo profughi alla periferia di Damasco, prima della fuga in Libano. Non hanno mai vissuto in una casa. Ora a Roma sono ospiti di alcune suore, che hanno messo a disposizione un'ala della loro casa per ospitare chi fuggiva dalla guerra. Rasha e i suoi figli cominciano a conoscere il quartiere di Roma dove abitano: qualche giorno fa, sono anche usciti per fare colazione al bar e alcuni acquisti al supermercato.

La famiglia di Rasha è arrivata in Italia il 29 febbraio. In tutto sono 93 i profughi siriani, provenienti da vari campi del Libano, accolti ora in Italia. Alcuni di questi vivono ora in un agriturismo a Campoleone, vicino Aprilia, messo a disposizione dalla Federazione delle Chiese evangeliche in Italia. Immersi nella natura, tutti imparano l’italiano e fanno progetti sul futuro. Ci sono alcuni giovani, come Leen e Mirvat, che in Siria frequentavano l’università e che sognano di poter riprendere gli studi in Italia: economia e letteratura inglese. E c’è chi, come il giovanissimo Diya, non vede l’ora di tornare a correre e giocare a calcio con una “gamba nuova”, come dice lui. A breve si sposterà vicino a Bologna, dove lo attende l’impianto di una protesi.

GUARDA I VIDEO

{Corridoi_umanitari_news}
OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Novembre 2011

A Roma, cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
18 Agosto 2011

Aperti per ferie: a Roma alla mensa di via Dandolo e nel quartiere Esquilino si fa festa con chi vive per stradae con gli anziani

7 Luglio 2011

Caserta (Italia): Festa dei diplomi della scuola di lingua e cultura italiana

IT | ES | DE | FR | CA | NL
25 Giugno 2011

Padova: Morire di speranza: i nomi e le storie dei migranti morti nei viaggi verso l'Europa ricordati nella veglia di preghiera a San Luca

IT | DE | FR | NL | RU
17 Giugno 2011

"Morire di speranza": i nomi e le storie dei migranti morti nei viaggi verso l'Europa ricordati nella veglia di preghiera a Santa Maria in Trastevere

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
9 Giugno 2011

Roma, l'11 giugno: Udienza dal Papa dei Rom d’Europa. Veglia e Consegna di una memoria del Beato Zeffirino

IT | EN | ES | DE | FR | CA | RU
tutte le news
• STAMPA
28 Maggio 2017
Catalunya Cristiana

Els corredors, una gran esperança

4 Maggio 2017
AlfayOmega

Un año salvando vidas: el éxito de los corredores humanitarios. Todo a punto en España

6 Giugno 2017
Il Centro

L'integrazione non è una favola

5 Giugno 2017
La Stampa

Sant'Egidio da sola fa più dell'Europa

23 Giugno 2017
Il Piccolo

I Nostri Angeli contro le guerre

22 Giugno 2017
SIR

Migranti: mons. Gnavi (diocesi Roma), “abbiamo il dovere di perseverare nella speranza”

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1222 visite

1183 visite

1239 visite

1225 visite

1170 visite
tutta i media correlati