Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Marzo 2016

#corridoiumanitari

La nuova vita dei profughi siriani arrivati con i corridoi umanitari

Cure mediche, scuola e tanta voglia di integrarsi nel presente delle 25 famiglie arrivate a febbraio in Italia

 
versione stampabile

{Corridoi_umanitari_news}

Gli Al Hourani sono stati i primi ad arrivare all’inizio di febbraio, inaugurando i corridoi umanitari di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese. I loro volti sorridenti all’aeroporto di Fiumicino sono diventati un’immagine del progetto ecumenico, che Papa Francesco ha definito “un segno concreto di impegno per la pace e per la vita”: un aereo di linea al posto dei barconi degli scafisti, una casa al posto delle tende di un campo profughi.

Ma come trascorrono le loro giornate romane Yasmine e Suliman, Falak e Hussein? Pochi giorni dopo l’arrivo, Falak è stata operata all’occhio e ha iniziato le terapie all’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Ma ha anche iniziato a imparare un po’ di italiano:  “ciao”, “mi chiamo Falak”, “come stai?” sono le prime parole pronunciate senza incertezza nella nostra lingua da questa bimba di soli 7 anni con un carattere forte, che con il fratellino adesso pensa a giocare, disegnare e vuole lasciarsi alle spalle le tante difficoltà della vita. Oltre a badare ai loro figli, Yasmine e Suliman hanno iniziato a frequentare la scuola di lingua e cultura italiana della Comunità a Trastevere. Fanno progressi e pensano al futuro della loro famiglia in Italia. A Homs non è rimasto nulla della loro casa, distrutta dalle bombe. “Anche se la guerra in Siria finisse, non sapremmo dove tornare a vivere”, dicono ai loro amici di Sant’Egidio.

Una nuova vita è iniziata anche per Rasha e i suoi tre figli, Jafar, Omar e Jenin. La loro famiglia è originaria della Palestina e viveva in un campo profughi alla periferia di Damasco, prima della fuga in Libano. Non hanno mai vissuto in una casa. Ora a Roma sono ospiti di alcune suore, che hanno messo a disposizione un'ala della loro casa per ospitare chi fuggiva dalla guerra. Rasha e i suoi figli cominciano a conoscere il quartiere di Roma dove abitano: qualche giorno fa, sono anche usciti per fare colazione al bar e alcuni acquisti al supermercato.

La famiglia di Rasha è arrivata in Italia il 29 febbraio. In tutto sono 93 i profughi siriani, provenienti da vari campi del Libano, accolti ora in Italia. Alcuni di questi vivono ora in un agriturismo a Campoleone, vicino Aprilia, messo a disposizione dalla Federazione delle Chiese evangeliche in Italia. Immersi nella natura, tutti imparano l’italiano e fanno progetti sul futuro. Ci sono alcuni giovani, come Leen e Mirvat, che in Siria frequentavano l’università e che sognano di poter riprendere gli studi in Italia: economia e letteratura inglese. E c’è chi, come il giovanissimo Diya, non vede l’ora di tornare a correre e giocare a calcio con una “gamba nuova”, come dice lui. A breve si sposterà vicino a Bologna, dove lo attende l’impianto di una protesi.

GUARDA I VIDEO

{Corridoi_umanitari_news}
OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

14 Novembre 2011

A Roma, cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
18 Agosto 2011

Aperti per ferie: a Roma alla mensa di via Dandolo e nel quartiere Esquilino si fa festa con chi vive per stradae con gli anziani

7 Luglio 2011

Caserta (Italia): Festa dei diplomi della scuola di lingua e cultura italiana

IT | ES | DE | FR | CA | NL
25 Giugno 2011

Padova: Morire di speranza: i nomi e le storie dei migranti morti nei viaggi verso l'Europa ricordati nella veglia di preghiera a San Luca

IT | DE | FR | NL | RU
17 Giugno 2011

"Morire di speranza": i nomi e le storie dei migranti morti nei viaggi verso l'Europa ricordati nella veglia di preghiera a Santa Maria in Trastevere

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
6 Luglio 2017
Vida Nueva

Francia ya cuenta con su corredor humanitario para refugiados

6 Giugno 2017
Il Centro

L'integrazione non è una favola

5 Giugno 2017
La Stampa

Sant'Egidio da sola fa più dell'Europa

13 Luglio 2017
Famiglia Cristiana

Apri la porta di casa ai rifugiati

10 Luglio 2017
Formiche.net

Cosa penso di Libia, migranti, ong e ius soli. Parla Riccardi (Sant’Egidio)

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Luglio 2017 | VENTIMIGLIA, ITALIA

Preghiera a Ventimiglia in memoria delle vittime dei viaggi della speranza

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1296 visite

1269 visite

1249 visite

1207 visite

1265 visite
tutta i media correlati