Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
20 Agosto 2016 | BUDAPEST, UNGHERIA

Al confine tre Serbia e Ungheria, i profughi diventano "maestri di vita" per gli universitari ungheresi

 
versione stampabile

Qualche giorno fa, all'inizio di agosto, alcuni rappresentanti della comunitá di Budapest hanno partecipato a una tavola rotonda sulla „crisi delle migrazioni” organizzata a Szeged (a 10 chilometri dal confine con la Serbia) nell’ambito di un congresso estivo per studenti universitari provenienti da tutta l’Ungheria.

Commossi da ció che hanno sentito, alcuni studenti si sono uniti ai rappresentanti della Comunitá di Sant'Egidio ed hanno visitato i profughi che aspettano di entrare nell’Ungheria, ammasati tra il confine serbo e ungherese a Tompa. Hanno portato aiuti alimentari, impermeabili e zaini raccolti dopo la GMG di Cracovia, giocattoli e altri generi utili.

Al confine sono stati raggiunti da un gruppo di un'altra comunità di Sant'Egidio ungherese, quella di Pécs che hanno portato degli estintori. Infatti le tende costruite di stracci e coperte, nel caldo estivo prendono fuoco facilmente dai fornelli che si usano per cucinare. L'incontro con i profughi non è solo aiuto, ma apre al dialogo: un uomo arrivato da Aleppo con la madre, la moglie e due bambini ha raccontato di essere bloccato da un mese al confine serbo-ungherese. Un altro capofamiglia con 4 figli ha raccontato che sono partiti dalla Siria 6 mesi fa e sono arrivati fin qui a piedi attraversando i paesi balcanici.

L’incontro personale, commovente, con queste persone bisognose aiuta i giovani a "ragionare con la propria testa" e a reagire alla pesante propaganda xenofoba che in questi mesi si fa sempre più forte in Ungheria.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
16 Giugno 2017

La campagna dei Giovani per la Pace per regalare una vacanza ai bambini delle periferie

22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
22 Febbraio 2017

La nostra comune risposta alle migrazioni è in quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare.

IT | DE | FR | PT
19 Giugno 2017

Giornata Mondiale del Rifugiato 2017. Dichiarazione ecumenica congiunta: superare la paura dello straniero

IT | EN | ES | DE
15 Maggio 2017
PÉCS, UNGHERIA

In Ungheria una marcia per non dimenticare la deportazione degli ebrei di Pécs

IT | ES | DE | HU
6 Marzo 2017
PRINCETON, STATI UNITI

Seeking Refuge: il dramma dei profughi in un convegno con Sant'Egidio alla Princeton University

IT | EN | ES | DE | NL
tutte le news
• STAMPA
14 Giugno 2017
La Vanguardia

La soledad mata a más ancianos que el calor

28 Maggio 2017
Catalunya Cristiana

Els corredors, una gran esperança

4 Maggio 2017
AlfayOmega

Un año salvando vidas: el éxito de los corredores humanitarios. Todo a punto en España

21 Marzo 2017
Clarín

El Papa Francisco, los refugiados y los corredores humanitarios

10 Marzo 2017
Vida Nueva

El cardenal Blázquez aborda con Rajoy la acogida de refugiados

22 Giugno 2017
SIR

Migranti: mons. Gnavi (diocesi Roma), “abbiamo il dovere di perseverare nella speranza”

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti