Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
3 Ottobre 2016

Comunicato stampa

Migranti: a 3 anni dalla tragedia di Lampedusa, moltiplichiamo le risposte di umanità, come i corridoi umanitari

 
versione stampabile

A tre anni dalla tragedia di Lampedusa, nella prima giornata della Memoria e dell’Accoglienza, la Comunità di Sant’Egidio si unisce ancora una volta alle famiglie delle vittime e ai superstiti del naufragio che costò la vita a 368 persone. Al tempo stesso lancia un forte appello perché vengano accelerati i progetti che hanno come obiettivo la salvezza dei migranti dai viaggi della disperazione: nonostante lo sdegno che provocò quella strage, la visita di Papa Francesco e la mobilitazione di larga parte dell’associazionismo e del volontariato, si continua a morire in mare e, nel 2016, con cifre mai raggiunte: 3.498 vittime dall’inizio dell’anno (dati Unhcr), un morto ogni 42 profughi che partono dall’altra sponda del Mediterraneo, una percentuale ancora più elevata di quella registrata nel 2015.

Di fronte a questo drammatico scenario ribadiamo che la soluzione non sono certamente i muri, ma al contrario le risposte di umanità e accoglienza che negli ultimi mesi hanno avuto una loro concretezza con l’avvio dei corridoi umanitari, promossi da Sant’Egidio insieme alla Federazione delle Chiese Evangeliche e alla Tavola Valdese: 300 profughi siriani già arrivati dal Libano con regolari voli di linea e non sui barconi e altre centinaia che giungeranno prossimamente. Occorre moltiplicare le vie legali che consentono l’arrivo dei migranti in tutta sicurezza, per chi viaggia e per chi accoglie, e facilitano l’integrazione.

Nel frattempo, in Sicilia, il grosso degli arrivi si è traferito a Catania, dove la Comunità di Sant’Egidio continua ad accogliere nei luoghi degli sbarchi e a lavorare per una maggiore inclusione sociale, a partire dal grave problema dei minori non accompagnati, che risultano anch’essi in aumento rispetto all’anno scorso: solo a Catania 800 dall’inizio del 2016, la stessa cifra che si raggiunse alla fine del 2015.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
3 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

Profughi: domani in Italia Yasmine e Falak, siriane, le prime con i corridoi umanitari

IT | ES | CA
28 Gennaio 2016

Basta vittime in mare: corridoi umanitari contro le stragi nel Mediterraneo

IT | EN | ES | FR | CA
15 Dicembre 2015

Cosa sono i corridoi umanitari? Intervista a Daniela Pompei

IT | EN | ES
28 Gennaio 2017

Profughi, corridoi umanitari: lunedì mattina altri 40 arrivi a Fiumicino

IT | DE | FR
21 Ottobre 2016

Profughi, lunedì a Fiumicino nuovi arrivi con i corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR
19 Ottobre 2016

Via dalla guerra, oltre il mare: la strada della speranza. IL VIDEO

IT | EN | ES | DE | PT
tutte le news
• STAMPA
4 Maggio 2016
RTVE.es

'Corredores humanitarios' para refugiados, cruzar el Mediterráneo para vivir, no para morir

3 Maggio 2016
Europa Press

Un centenar de refugiados sirios llega a Italia gracias a los corredores humanitarios

17 Settembre 2017
La Vanguardia

Corredores de paz

6 Luglio 2017
Vida Nueva

Francia ya cuenta con su corredor humanitario para refugiados

29 Luglio 2016
El Mundo

El Papa pide a los jóvenes que sean "sembradores de esperanza"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti