Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
20 Gennaio 2017 | ROMA, ITALIA

Le memorie dei beati martiri di Pariacoto, in Perù, affidate alla basilica di San Bartolomeo all'Isola

Michał Tomaszek e Zbigniew Strzałkowski, i due giovani frati missionari uccisi nel 1991 in Perù dai guerriglieri ''perché predicavano la pace alla gente''. Ieri la cerimonia di consegna delle memorie.

 
versione stampabile
Le memorie dei beati martiri polacchi Michał Tomaszek e Zbigniew Strzałkowski sono state affidate ieri alla basilica di San Bartolomeo all'Isola Tiberina, memoriale dei nuovi martiri, dove si è svolta una preghiera solenne presieduta da don Marco Gnavi e padre Marco Tasca, generale dei frati minori conventuali.
 
Michał Tomaszek (1960-1991) e Zbigniew Strzałkowski (1958-1991) erano giovani missionari francescani polacchi. Dopo appena due anni della loro presenza tra la gente di Pariacoto, piccolo paese nelle Ande peruviane, il 9 agosto 1991 furono fucilati dai terroristi di Sendero Luminoso. I guerriglieri motivarono con queste parole l'uccisione dei due frati: “ingannano il popolo perché distribuiscono alimenti della Caritas, che è imperialismo; con la recita del rosario, il culto dei Santi, la Messa e la lettura della Bibbia predicano la pace e così addormentano la gente”. Sepolti nella chiesa di Pariacoto, furono proclamati beati il 5 dicembre 2015 a Chimbote, in Perù.
 
Nella cappella che ricorda i nuovi martiri delle Americhe sono stati posti i sandali di padre Tomaszek, simbolo della itineranza e della missione, testimoni della fatica del cammino ma anche della gioia dell’incontro, un calice per la Santa Messa, simbolo del servizio sacerdotale e del sacrificio compiuto dai due frati nel nome del Vangelo, e un'ampolla con la terra imbevuta del loro sangue, simbolo della appartenenza dei due missionari nella fede al popolo e alla terra peruviana per la quale hanno offerto la loro vita.
 
LEGGI ANCHE:
 
 
 
 
 
 
 
L'omelia di don Marco Gnavi
 
Cari fratelli e care sorelle,
questa sera la Basilica di S.Bartolomeo all’Isola Tiberina, memoriale dei nuovi martiri, e noi tutti della Comunità di Sant’Egidio, riceviamo con gratitudine, il dono prezioso delle memorie dei Beati martiri di Pariacoto, Michał Tomaszek e Zbigniew Strzałkowski, missionari francescani conventuali polacchi. Nel cuore della preghiera della Comunità di Sant’Egidio brilla così la testimonianza di questi due giovani frati, che in Perù vennero fucilati da Sendero Luminoso il 9 agosto del 1991. Tanti loro confratelli, a partire dal Ministro Generale, il carissimo P. Marco Tasca, P. Jerzi Norel e tanti provinciali, sono oggi fra noi per dirci come le vite di questi due martiri, spezzate a soli 31 e 33 anni, sono luminose non solo per i figli di Francesco di Assisi, ma per la Chiesa intera. Vi accogliamo con gioia e gratitudine e vi sentiamo compagni di tanto amore per i poveri e per il Vangelo.
La spinta e la passione missionaria hanno portato Michał e Zbigniew in Perù, due anni prima della loro morte, e due anni sono stati sufficienti per impensierire gli artefici dei disegni violenti. Il motivo della loro condanna è stato così espresso dai guerriglieri: “ingannano il popolo perché distribuiscono alimenti della Caritas, che è imperialismo; con la recita del rosario, il culto dei Santi, la Messa e la lettura della Bibbia predicano la pace e così addormentano la gente”.
La pace, per chi vive di guerra e di terrore, fa paura. La compassione spaventa, perché sottrae ragioni all’odio. L’umanità incute timore, perché fa spazio al pentimento, al perdono, alla commozione. Così il signore Gesù, prima della sua passione guarda a Gerusalemme, ma anche all’oltre del Regno di Dio, per il quale sarebbe stato crocifisso e infine sarebbe risorto. Le sue parole abbracciavano i suoi discepoli e i discepoli di ogni tempo chiamati a imitarlo e a credere in lui, anche e soprattutto a ciò che chiama – con linguaggio escatologico – “l’inizio dei dolori” : guerre e rumori di guerre, nazioni contro nazioni, terremoti, pestilenze e carestie. Sembra di intuire il profilo geografico e umano di tanti paesi di missione, con le loro ferite. In essi, prima del compimento della storia, Gesù dice: “prima è necessario che il Vangelo sia proclamato a tutte le nazioni”.
Questi dolori, con il loro carico di sofferenza e orrore, sono segno – se vogliamo terribile ma autentico - dell’attesa della salvezza. Chi li percepisce, se animato dalla fede, anche piccola, non li fugge, ma cerca di seminarvi il Vangelo. E cerca di serbarlo dentro di se, come orientamento dei pensieri, anima delle scelte e dei sentimenti. Questo significa “Badate a voi stessi”. Infatti Gesù aggiunge: “Chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato”.
Il Perù è stato dilaniato da un conflitto interno, che dal 1981 sino ad oggi ha provocato oltre 70.000 vittime provocate dalle formazioni di Sendero Luminoso di ispirazione maoista, e dalle operazioni militari dell’esercito, di queste vittime oltre il 96 % sono civili, sia nelle grandi aree rurali che nelle città. E il male si è manifestato sino nei suoi intrecci sporchi con il narcotraffico, o nell’aberrazione dei bambini soldato. Come è dolorosa la profezia di Gesù: “Il fratello farà morire il fratello, il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno”. Di cosa è capace l’uomo!
E quanti in questo conflitto fratricida fra gente dello stesso popolo, si sono eletti a Messia ideologici e falsi, per i quali – in ogni contesto storico - sempre vale il monito del Signore: “Badate che nessuno vi inganni Molti verranno nel mio nome dicendo “Sono io”, e trarranno molti in inganno”. Di che cosa è capace l’uomo…
…Ma anche di cosa è capace Dio! I suoi discepoli disarmati, consegnati “ai sinedri, percossi nelle sinagoghe, condotti a comparire davanti a governatori e re per causa sua”, non hanno rinunciato ad amare, anche nella sconfitta, anche nella paura. Infatti sono stati abitati da Dio, dall’umanità del Signore Gesù, dalla fiducia in lui. Michał e Zbigniew hanno mostrato, nelle Ande, che l’amore disarmato e gratuito è vivo. Sono stati assassinati esattamente 50 anni dopo la morte del Beato Massimiliano Kolbe, di cui avevano sentito tutta la fascinazione e con il quale condividevano l’amore per Maria. Il male non ha ucciso per sempre l’amore, non a Birkenau, non nella regione peruviana di Pariacoto. Quanta strada hanno percorso, dai piccoli villaggi polacchi ove erano nati, sino all’incontro con i francescani conventuali e attraverso di loro, alla scoperta dell’amore per i più deboli, convinti che si potesse vincere con il bene, il male. 
Il loro itinerario si incrocia con il nostro. E non è un caso. Sono nostri fratelli. La loro morte li ha innestati per sempre nel Signore Gesù, che è morto per noi. La loro vita ci interroga, anche nella sua umiltà, perché ciò che li ha fatti grandi è perseverare sino alla fine e scoprendo, come dice Gesù che così facendo non erano più solo loro a parlare, ma lo Spirito stesso.
Questa casa di preghiera riceverà i loro sandali, con i quali hanno varcato continuamente le montagne e girato i paesini per portare la buona novella, il conforto, la misericordia, la speranza e la solidarietà nel nome di Cristo Gesù. Questi sandali sono testimoni della fatica del cammino ma anche della gioia dell’incontro. E poi il calice che li accompagnava nei loro viaggi per celebrare la Santa Messa, e infine una ampolla, con la terra intrisa del loro sangue, raccolta nel luogo della fucilazione. Terra che attende di portare frutto pasquale di resurrezione nell’amore e nella pace.
Che il Signore ci renda degni di queste vite, spezzate troppo presto, ma impregnate della misericordia di Dio, e con loro possiamo testimoniare al mondo la forza della Resurrezione che li avvolge e li restituisce alla Chiesa intera come compagni del nostro pellegrinaggio. Amen.
 
 
Le parole di fr. Jarek Wysoczanski
 
Grazie alla Comunità di Sant'Egidio per averci dato l'opportunità di accogliere qui i miei due confratelli Miguel e Zbigniew. Sono molto colpito dalla presenza di tanti fratelli e sorelle, dell'ordine, della Comunità di Sant'Egidio e tanti amici dal Perù e da altre parti del mondo.
Vorrei dire due cose. Dopo la morte i contadini hanno messo i corpi di Miguel e Zbigniew nel centro della chiesa, durante tutta la notte hanno cantato in quechua i canti sulla passione di gesù e la mattina presto hanno gridato forte: "Padre Miguel entra al cielo! Padre Zbigniew entra al cielo!". Così è finito il momento della loro presenza sulla terra, con questo forte spirito di resurrezione.
Come alcuni giorni o mesi fa dopo la beatificazione, così anche oggi, loro sono tornati tra noi, e ci sono due chiese speciali, quella di Pariacoto e quella, probabilmente più bella, dove sono tornati e dove ora sono tra i loro amici, San Massimiliano Kolbe e i tanti martiri che abitano in questa chiesa di San Bartolomeo.
Qui da questo posto mi piacerebbe con molta forza dire una parola di perdono a coloro che hanno ucciso Miguel e Zbigniew, e che hanno ucciso e uccidono tante persone innocenti. Vogliamo che questa parola incontri il nostro cuore, luogo speciale, perché diventiamo anche noi testimoni di Gesù.
 
Chi erano i padri Miguel e Zbigniew
 
I Beati martiri di Pariacoto, Michał Tomaszek e Zbigniew Strzałkowski, missionari francescani (OFMConv) polacchi, hanno servito con amore Dio e la gente fino a donare la vita. Dopo appena due anni della loro presenza tra la gente di Pariacoto, nelle Ande peruviane, a ca. 120 chilometri da Chimbote, il 9 agosto 1991 nella località Pueblo Viejo di Pariacoto, furono fucilati dai terroristi di “Sendero Luminoso”. La loro uccisione non ha altri motivi se non quelli che i due frati “ingannano il popolo perché distribuiscono alimenti della Caritas, che è imperialismo; con la recita del rosario, il culto dei Santi, la Messa e la lettura della Bibbia predicano la pace e così addormentano la gente”, sulla base del concetto che “la religione è l’oppio dei popoli”. Il loro martirio è avvenuto esattamente a 50 anni dal martirio di San Massimiliano Kolbe. Sepolti nella chiesa di Pariacoto, furono proclamati beati il 5 dicembre 2015 a Chimbote, in Perù.
P. Miguel Tomaszek, nato il 23 settembre 1960 a Łękawica presso Żywiec (Polonia), ha frequentato fin dalla più tenera età il santuario mariano di Rychwałd, dove ha conosciuto i frati francescani. Terminato il Seminario Minore dei Francescani a Legnica, nel 1980 è entrato in noviziato. Nel periodo di studi nel Seminario Maggiore a Cracovia è stato catechista dei ragazzi portatori di handicap. Ordinato sacerdote il 23 maggio 1987, ha servito per due anni nella parrocchia a Pieńsk, presso Zgorzelec. Nel luglio 1989 è partito come missionario per il Perù. Uomo di fede profonda, semplice, immerso nella preghiera e molto devoto alla Vergine Maria, aveva un dono particolare per evangelizzare giovani e bambini: li raggiungeva soprattutto attraverso la musica e il canto.
P. Zbigniew Strzałkowski, nato il 3 luglio 1958 a Tarnów (Polonia), abitava con i suoi genitori nel vicino villaggio di Zawada. Terminata la scuola elementare, ha frequentato l’istituto tecnico e, in seguito, ha lavorato per un anno come tecnico meccanico. Nel 1979 è entrato nel noviziato francescano. Durante gli studi nel Seminario Maggiore a Cracovia ha collaborato attivamente a creare il Movimento Ecologico di San Francesco d’Assisi (REFA). Ordinato sacerdote il 7 giugno 1986, è stato per due anni educatore dei giovani e vicerettore del Seminario Minore dei Francescani a Legnica. Il 30 novembre 1988 è partito per la missione in Perù. Era un uomo forte, coraggioso e attento agli infermi. Il suo grande desiderio di servire gli altri derivava da una fede profonda e dalla sua aspirazione ad imitare l’esempio di San Massimiliano Kolbe. Uomo laborioso, univa il talento organizzativo a un grande senso di responsabilità. Amava il creato sull’esempio di San Francesco d’Assisi.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
12 Maggio 2016
VARSAVIA, POLONIA

La memoria dei martiri davanti alla croce spezzata dalle bombe

IT | EN | ES | DE | FR | PT | PL
14 Aprile 2014

Preghiera ecumenica in memoria dei testimoni della fede del nostro tempo

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
21 Ottobre 2017

Memoria del beato padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia nel 1993

IT | ES
13 Giugno 2011

Veglia di preghiera e della consegna di una memoria del Beato Zeffirino nella Basilica di San Bartolomeo all’Isola Tiberina - VIDEO E IMMAGINI

IT | ES
3 Giugno 2011

Roma: Nella Basilica di San Bartolomeo, la consegna della stola di Ragheed Aziz Ganni, prete caldeo ucciso a Mosul in Iraq

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
22 Ottobre 2015
Le Phare (Kinshasa)

Sant’Egidio honore un Congolais incorruptible

23 Maggio 2015
Catalunya Cristiana - ES

Mons. Romero, un ejemplo de amor por los pobres

20 Marzo 2015
Esglesia Barcelona - CAT

Bisbe Taltavull: "Volem compartir el dolor dels qui clamen des de la persecució i el martiri"

20 Marzo 2015
Esglesia Barcelona - ES

Obispo Taltavull: "Queremos compartir el dolor de los que claman desde la persecución y el martirio"

25 Gennaio 2015
Semanario Orientación

Los santos no son siempre caros

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Paul R. Gallagher per la commemorazione dei martiri contemporanei

Lista martiri ricordati alla veglia di preghiera della settimana Santa 2015

L'omelia di mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti

FOTO

473 visite

459 visite

468 visite

520 visite

490 visite
tutta i media correlati