Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Gennaio 2017 | TOMPA, UNGHERIA

'Mi sono svegliato e un filo di ghiaccio copriva il cappotto': rifugiati al confine tra Serbia e Ungheria

Portando aiuti nel campo profughi di Tompa

 
versione stampabile

La situazione per i profughi accampati tra Tompa e Röszke, lungo la frontiera che separa la Serbia dall'Ungheria, si fa sempre più difficile a causa delle temperature che nei giorni scorsi hanno toccato i 10 gradi sotto zero. Al momento sono circa 40 le persone che dormono all'aperto, tra loro anche alcuni bambini. La Comunità di Sant’Egidio dell'Ungheria in questi giorni sta distribuendo ai profughi i generi alimentari di cui hanno estremamente bisogno.

Il campo profughi di Tompa è diviso in due: da una parte ci sono siriani e iracheni in attesa del permesso da parte delle autorità ungheresi per oltrepassare la frontiera europea, dall'altra parte ci sono marocchini e algerini, anche loro in attesa nonostante il rifiuto da parte delle autorità ungheresi di farli entrare in Ungheria.

Tra loro c'è Ahmed, un giovane algerino di circa 20 anni. Ha lasciato l'Algeria tre anni fa, ha vissuto nei campi profughi di Turchia e Grecia, poi ha viaggiato dalla Serbia alla Macedonia ed infine in Albania dove ha perso tutto quello che aveva.  Il suo sogno è poter andare in Germania. E' molto grato per la coperta ricevuta, ha raccontato che quella mattina, quando si è svegliato, il suo cappotto era ricoperto di un sottile strato di ghiaccio. Ha detto: " Un giorno forse ci rivedremo in qualche parte nel mondo, e io vi riconoscerò e rideremo di tutto questo".

In questi giorni la frontiera tra l’Ungheria e Serbia sembra una base al  Polo Nord: tutto è bianco, freddo, solo neve e ghiaccio che coprono le tende dentro cui sono accampati i profughi. Gente che sogna una vita diversa, una casa e un lavoro, grati per questa visita che per un giorno ha alleviato la sofferenza.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Papa Francesco a San Bartolomeo per pregare in memoria dei Nuovi Martiri. TESTI, VIDEO, FOTO

IT | EN | ES | DE | FR | PT
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

IT | ES | FR | PT
4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
1 Aprile 2017
MINEO, ITALIA

La preghiera nel cuore della Quaresima dei giovani rifugiati del CARA di Mineo

IT | HU
21 Marzo 2017
PÉCS, UNGHERIA

Persone senza dimora in Ungheria, una liturgia a Pécs in memoria di chi ha perso la vita per il freddo

tutte le news
• STAMPA
4 Aprile 2017
L'Osservatore Romano

Ospitalità ai rifugiati siriani

11 Marzo 2017
Vatican Insider

La rifugiata siriana che lavora da biologa nell’ospedale del Papa

3 Marzo 2017
Internazionale

Accoglienza privata

17 Febbraio 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

L'Ungheria sta chiudendo dietro a un muro il proprio futuro

3 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Ma sugli immigrati la UE deve fare di più

24 Ottobre 2016
Catholic News Agency

Syrian refugees arrive to Rome with the hope of a better life

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

tutti i documenti

FOTO

111 visite

106 visite

101 visite

111 visite

116 visite
tutta i media correlati