change language
sei in: home - rassegna stampa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
4 Gennaio 2016

Il volto della misericordia

Iniziative per i poveri a Jakarta ·

 
versione stampabile

Natale di misericordia e di dialogo in Indonesia. In un tempo segnato da tensioni e paure che sembrano voler dividere le comunità religiose cristiana e musulmana, un segno di speranza viene dal Paese asiatico che rappresenta, come numero di abitanti, la più grande nazione islamica del mondo.
In diverse città dell'arcipelago, il giorno di Natale, la Comunità di 
Sant'Egidio - come in ogni parte del mondo - ha celebrato la festa apparecchiando la tavola per un grande pranzo con i poveri, coloro che l'impetuoso sviluppo delle società asiatiche ha "scartato": bambini di strada, intere famiglie senza dimora, anziani e disabili, profughi.
Un gesto di solidarietà che, in un contesto di diversità religiosa, assume un valore in più: gli ospiti infatti sono quasi tutti, come la grande maggioranza della popolazione indonesiana, di religione musulmana. Sono qui per festeggiare il Natale con i loro amici cristiani. «Siamo loro vicini - spiega Teguh Budiono, responsabile di
Sant'Egidio in Indonesia - durante tutto l'anno. Facendo scuola ai bambini, portando la cena a chi vive per la strada. Per loro il cristiano ha assunto il volto di un amico che li aiuta nelle difficoltà della vita. Così cadono tante barriere e pregiudizi. Noi cristiani siamo una minoranza nel più grande Paese musulmano del mondo, ma siamo chiamati a uscire, essere ponti tra persone e ambienti, perché la gratuità dell'amore cristiano è un messaggio di cui la nostra società non può fare a meno».
Anche se l'islam è la religione dell'87 per cento della popolazione, l'Indonesia non è uno Stato islamico e l'unità nella diversità delle fedi religiose è uno dei principi fondativi
della nazione. La convivenza pacifica tra cristiani e musulmani, però, ha bisogno di essere tradotta in una pratica quotidiana, in gesti di solidarietà e di reciproca accoglienza.
Un esempio concreto: poiché Natale cadeva di venerdì, il giorno della grande preghiera musulmana, nel seminario cattolico Wacana Bakti di Jakarta, che ospitava il pranzo di Natale per più di 1000 persone, è stato destinato uno spazio accanto alla sala da pranzo per consentire agli ospiti musulmani di osservare lo "Sholat Jumat", la grande preghiera del venerdì. «E stato un segno importante della misericordia - ha commentato l`arcivescovo di Jakarta, Ignatius Suhario Hardjoatmodjo, che ha salutato gli ospiti uno per uno e si è fermato a pranzo con loro - dell'amore incondizionato di noi cristiani. Gesti come questo dimostrano che vivere insieme tra cristiani e musulmani è possibile, se il dialogo si fa vita».
Proprio per questo, dal 2010, l'arcivescovo ha voluto che il pranzo con i poveri nel giorno di Natale divenisse un segno distintivo della carità dei cristiani, coinvolgendo i gruppi e le parrocchie della diocesi. Ne è nato un movimento di solidarietà che, in questo Natale del Giubileo della misericordia, ha permesso di accogliere, nella sola città di Jakarta, più di cinquemila poveri in otto luoghi diversi della città.
Così i cristiani rappresentano una riserva di umanità e contribuiscono all'"ecologia umana" di un Paese grande e cruciale, laboratorio di coabitazione tra fedi diverse, ma non scevro di difficoltà: proprio nelle settimane prima di Natale, si era diffuso il timore di tensioni e attacchi alle chiese, tanto che lo stesso arcivescovo e il responsabile delle Congregazioni evangeliche avevano fatto appello al presidente della Repubblica affinché fosse tutelata la sicurezza delle loro comunità. E se è importante che - come è avvenuto - le istituzioni democratiche svolgano il loro ruolo di tutela delle comunità religiose, ancora più prezioso appare l'esercizio della misericordia vissuto dai cristiani, espressione di quella "simpatia immensa" che è il volto della Chiesa del concilio.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Dicembre 2015

Dall'Africa all'Asia, dall'America all'Europa si prepara #mercychristmas. Uno sguardo a card, locandine e inviti ad aiutare

IT | ES | FR | PT | ID
4 Dicembre 2015

Si prepara #mercychristmas a Treicheville Costa d'Avorio

7 Luglio 2015
INDONESIA

A Jakarta Sant'Egidio fa festa per il Ramadan con più di 500 bambini e famiglie musulmane povere

IT | EN | ES | DE | FR | PT
10 Novembre 2017
INDONESIA

Sant'Egidio e Muhammadiyah firmano a Jakarta un nuovo accordo per la pace e il dialogo interreligioso

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
9 Ottobre 2017
ROMA, ITALIA

Dialogo tra le religioni e impegno per i profughi nel colloquio con la ministra degli Esteri dell'Indonesia a Sant'Egidio

IT | EN | NL | ID
21 Dicembre 2015
NAKURU, KENYA

Concerto di Natale a Nakuru, in Kenya, per raccogliere fondi per #mercychristmas

IT | RU
tutte le news
• STAMPA
11 Novembre 2017
Avvenire

Cristiani e islamici uniti per la pace

31 Luglio 2017
Avvenire

Sant'Egidio in Indonesia: tra Islam e povertà, la sfida della testimonianza

29 Luglio 2017
Radio Vaticana

Indonesia, Giornata della gioventù asiatica: no all'estremismo

5 Luglio 2017
UCAnews

Indonesian Catholics help poor muslims celebrate Eid

26 Maggio 2017
Vatican Insider

Indonesia, il terrorismo sfida la convivenza religiosa

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
12 Marzo 2015

Indonesia: imminente l'esecuzione per 10 stranieri condannati a morte.

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Febbraio 2015
Reuters

Australian PM strikes conciliatory note over Indonesia executions

21 Febbraio 2015
AGI

Brasile: scontro su esecuzioni, respinto ambasciatore Indonesia

21 Febbraio 2015
Reuters

Indonesia recalls envoy to Brazil amid row over execution

20 Febbraio 2015
Reuters

Australia ratchets up pressure on Indonesia over executions

18 Gennaio 2015
La Repubblica on line

Indonesia, eseguita condanna a morte per sei trafficanti di droga: 5 sono stranieri

10 Gennaio 2015
INDONESIA

L’Arcivescovo indonesiano di Jakarta contro la Pena di Morte

12 Dicembre 2014

A Jakarta cinque condannati a morte rischiano l'esecuzione nel mese di dicembre 2014

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Tanni Taher: the commitment of Sant'Egidio against the death penalty in Indonesia

Marco Impagliazzo

L'intervento del prof. Marco Impagliazzo

Comunità di Sant'Egidio

La Muhammadiyah

tutti i documenti

FOTO

98 visite

95 visite

104 visite
tutta i media correlati