Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - rassegna stampa contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
5 Aprile 2017

Roma, il caso dei senza dimora «Meno diritti con nuove regole»

Le associazioni: preoccupano le scelte del Campidoglio. Caritas, Sant'Egidio e Centro Astalli: dubbi sulle iscrizioni anagrafiche, a rischio medico di base e alloggi popolari

 
versione stampabile

Allarme degli enti caritativi di Roma. Le nuove norme del Campidoglio sull'iscrizione anagrafica rischiano cli ridurre i diritti dei senza dimora, richiedenti asilo e di chiunque non ha un contratto di affitto. Limitandone di fatto l'accesso a molti diritti fondamentali: documenti, medico di base, case popolari. A segnalare il rischio sono Caritas di Roma, Comunità di Sant'Egidio, Esercito della Salvezza, Focus-Casa dei diritti sociali e Associazione Centro Astalli, che in una nota comune esprimono «seria preoccupazione per la Deliberazione della Giunta Capitolina (n. 31 del 3 marzo 2017)», che affida di nuovo ai Municipi - in modo esclusivo - il servizio di iscrizione anagrafica delle persone senza fissa dimora. Un compito di mediazione che le cinque organizzazioni si erano accollate «a titolo gratuito e con personale esperto in oltre 20 anni di collaborazione con il Comune di Roma» e che ora l'amministrazione reclama. Creando carichi di lavoro enormi per gli uffici.
Gli enti finora potevano segnalare al Comune utenti dei servizi del volontariato, per far avere loro la residenza virtuale all'indirizzo degli stessi servizi cui si rivolgevano. Ora tutto torna al pubblico. «Uno schiaffo al volontariato e a chi in tutti questi anni nella città ha garantito coesione sociale», commenta Paolo Morozzo della Rocca della Comunità di 
Sant'Egidio. Gli enti caritativi all'amministrazione capitolina avevano già evidenziato le lacune nel percorso di emanazione della delibera. Inutilmente: «Difficile che ora, autonomamente, persone estremamente fragili come i senza dimora si rivolgano presso gli uffici circoscrizionali. Il rischio concreto è che non lo faranno -temono le associazioni restando "fantasmi" dal punto di vista amministrativo». Appelli inascoltati.
«La procedura - spiega 
Sant'Egidio - ora prevede una richiesta preventiva ai servizi sociali, che dovranno appurare la posizione della persona senza dimora, che a quel punto potrà chiedere l'iscrizione all'anagrafe. Non un controllo a posteriori». All'origine della decisione ci sarebbero alcuni casi di residenze fittizie usate da aziende. «Abusi resi impossibili, già da due anni a questa parte, dalla Camera di commercio - dice Morozzo della Rocca - che aveva provveduto a negare la possibilità di aprire la partita lva senza un indirizzo reale e non virtuale».
Il rischio concreto invece, avvertono le associazioni, è che tutte queste persone, senza l'iscrizione anagrafica, «non potranno avere il documento di identità, esercitare il diritto di voto, ottenere l'assistenza sanitaria e tutte le misure sociali collegate alla residenza, come anche la possibilità di chiedere la cittadinanza, il
riconoscimento di invalidità, riscuotere la pensione». Diritti ottenuti oggi da circa 20mila persone a Roma, segnalano gli enti, «di cui 18mila non più "invisibili" grazie al lavoro di prossimità delle associazioni, e solo 2 mila per opera delle strutture comunali`.
«Il problema non riguarda solo chi dorme sotto i ponti - avverte Sant'
Egidio - ma ad esempio i rifugiati che dopo devono lasciare le strutture di accoglienza, chi non ha un regolare contratto di affitto, chi vive in subaffitto, le colf presso le famiglie». Perché? Per Morozzo della Rocca «la decisione è frutto di una cultura moralista che si salda con l'idea statalista che solo il pubblico può garantirci dalla corruzione. Ma senza strutture e personale gli abusi semmai si moltiplicheranno»


 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Marzo 2017
PÉCS, UNGHERIA

Persone senza dimora in Ungheria, una liturgia a Pécs in memoria di chi ha perso la vita per il freddo

18 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Nella casa di accoglienza della Comunità per chi non aveva dimora si fa festa con Marco Impagliazzo

IT | FR
16 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

Anziani, senza casa: ma tutto può cambiare! Succede a Genova

18 Agosto 2011

Aperti per ferie: a Roma alla mensa di via Dandolo e nel quartiere Esquilino si fa festa con chi vive per stradae con gli anziani

26 Maggio 2011

Lima (Perù) - "Festa della Speranza" con gli amici che vivono per la strada

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | RU
25 Marzo 2011

Würzburg (Germania) - Preghiera in memoria dei poveri morti per la vita in strada

IT | EN | DE | FR | PT | NL
tutte le news
• STAMPA
15 Agosto 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma

Comunità di Sant’Egidio, festa di Ferragosto con i più bisognosi

14 Agosto 2017
Vatican Insider

Ferragosto, Sant’Egidio: si fa festa con rifugiati, anziani, rom e senza dimora

10 Agosto 2017
La Repubblica

Le città della cura

31 Luglio 2017
Agoravox

Essere poveri non è reato. La Cassazione smentisce le ordinanze dei sindaci sceriffi?

31 Luglio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: La povertà non è un reato, lo dice la Cassazione, ma anche il buon senso di un’Italia solidale

11 Luglio 2017
La Repubblica - Ed. Roma

Diecimila senzatetto allarme dei volontari "Soli ad assisterli"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Padova 2014

La GUIDA "DOVE mangiare, dormire, lavarsi" 2014

Lettera ai consiglieri comunali di Budapest in difesa dei senza fissa dimora

tutti i documenti

FOTO

1594 visite

1659 visite

1600 visite

1597 visite

801 visite
tutta i media correlati