news

Una bella pagina quella dei corridoi umanitari, che unisce accoglienza e integrazione. VIDEO

3 Maggio 2019 - ROMA, ITALIA

corridoi umanitariNiger
GiordaniaCorno d'Adrica

Firma del nuovo protocollo per 600 richiedenti asilo dal Corno d'Africa

Condividi su

Si è firmato nella sala Roma del Ministero dell'Interno il nuovo protocollo per l’arrivo, in due anni, di 600 richiedenti asilo da Etiopia, Niger e Giordania. A siglare il protocollo era presente la Conferenza Episcopale Italiana (che agirà attraverso la Caritas Italiana e la Fondazione Migrantes), con il Segretario generale, Mons. Stefano Russo, la Comunità di Sant’Egidio, con il suo presidente Marco Impagliazzo, come promotori, insieme al Prefetto Gerarda Pantalone per il Ministero dell'Interno e di Luigi Maria Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all'Estero e le Politiche Migratorie per il Ministero degli Esteri.

Marco Impagliazzo: "I corridoi umanitari sono un progetto nato in Italia e che ha avuto successo in molti paesi europei. Abbiamo chiesto all'Europa che fosse esteso a più stati perché funziona ed è un canale legale, che da sicurezza ai nostri concittadini. Con i corridoi umanitari gli italiani hanno mostrato una grande capacità di accoglienza e di integrazione, quello che chiede sempre Papa Francesco, che appunto l'accoglienza venga coniugata con l'integrazione. È questa la forza di questo progetto, che mette insieme le due cose. Le persone rifugiate arrivate in questi anni, sia dal Corno d'Africa che dal Libano sono perfettamente integrate, e questo è un grande successo, anche perché dimostra la grande capacità degli italiani di accogliere, ma anche mostra la loro intelligenza per far sì che tutti siano perfettamente integrati nella nostra società".

VIDEO



Una bella pagina quella dei corridoi umanitari, che unisce accoglienza e integrazione. VIDEO
Una bella pagina quella dei corridoi umanitari, che unisce accoglienza e integrazione. VIDEO
Una bella pagina quella dei corridoi umanitari, che unisce accoglienza e integrazione. VIDEO