Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - pace - il proce... 5 punti contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il processo di pace nella Repubblica Centrafricana in 5 punti


 
versione stampabile
1. Geografia
La Repubblica Centrafricana ha una superficie di 622mila km2 (più del doppio dell’Italia) e una popolazione di poco più di 5 milioni di abitanti. Collocato al centro del continente, il paese confina con Ciad, Sud Sudan, Repubblica Democratica del Congo, Congo e Camerun. La regione meridionale è ricca d’acqua, essendo attraversata da alcuni affluenti del fiume Congo, e coperta di foreste, da cui si ricavano legnami pregiati, la principale ricchezza del paese. Dal punto di vista religioso, la metà della popolazione è cristiana, con una prevalenza di cattolici, mentre i musulmani sono il 15%.

2. Storia
Il paese è stato colonia francese fino al 1960 e deve la sua indipendenza, in gran parte, a Barthélemy Boganda, un prete cattolico che dopo la seconda guerra mondiale - combattuta da numerosi centrafricani a fianco della Francia - fondò il Movimento d’Evoluzione Sociale dell’Africa Nera e rivendicò il diritto all’emancipazione dal colonialismo. Primo capo del governo della proclamata Assemblea centrafricana (1958), Boganda non vide mai la vera e propria indipendenza (1960), morendo in un misterioso incidente aereo nel 1959. Dal 1962 al 1993 si avvicendarono diversi regimi militari, fino alla presidenza di Ange-Félix Patassé, eletto democraticamente per due mandati nel 1993 e nel 1999. Nel 2003 Patassé fu deposto con un colpo di stato dal generale François Bozizé, che ha mantenuto il potere fino al 2013.

3. La guerra civile
La guerra civile inizia nel dicembre 2012, quando il gruppo ribelle Séleka, composto in prevalenza da musulmani ma anche da mercenari provenienti dai paesi vicini, riesce a sconfiggere le truppe del presidente Bozizé e occupa il nord del paese. All’inizio del 2013, i ribelli conquistano la capitale Bangui, costringendo Bozizé a cercare rifugio in Camerun. Il leader dei Séleka, Michel Djotodia, si dichiara presidente, ma non riesce a unificare i paese, soprattutto per la resistenza delle milizie anti-Balaka, composte in prevalenza di cristiani. Sono anni di grande sofferenza per la popolazione, costretta a migliaia ad abbandonare le proprie case, a motivo delle continue violenze e razzie, ed esposta alla fame e alle epidemie.
 
4. Il processo di pace
Dal 2013 la Comunità di Sant’Egidio, i cui primi rapporti con il Centrafrica risalgono agli anni ’90, ha lavorato con partiti politici, gruppi armati, rappresentanti delle comunità religiose e della società civile per favorire la riconciliazione nazionale. Il lavoro di mediazione ha portato alla firma del “Pacte Républicain” nel novembre 2013 da parte del presidente Michel Djotodia, del primo ministro Nicolas Ntiangaye e del presidente del Consiglio nazionale di transizione, Alexandre Ferdinand Nguendet. Nel febbraio 2015, sempre a Sant’Egidio, venne raggiunta un’importante intesa, che ha garantito lo svolgimento pacifico delle elezioni parlamentari e l’impegno a rispettare l’esito delle urne da parte dei principali partiti.
Papa Francesco visita la Repubblica Centrafricana nel novembre del 2015. La cattedrale di Bangui è la prima porta Santa aperta dal papa per il Giubileo della misericordia.
Nel novembre del 2016, il presidente Touaderà ha dato alla Comunità il mandato per coinvolgere tutti i gruppi armati nel processo di pace.
 
5. Oggi
La riunione di rappresentanti del governo e dei diversi gruppi politico-militari, svoltasi a Roma in questi giorni e su cui il presidente della Comunità, Marco Impagliazzo, è stato invitato a riferire al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite lo scorso 12 giugno, costituisce un significativo passo in avanti per la fine della guerra civile.
Vai 
I giorni di lavoro si sono conclusi il 19 giugno con la firma di un "Accordo politico per la pace in Centrafrica" (vai al testo) a cui le parti hanno dato il nome di "Entente de Sant'Egidio".
 
 
 
 
 



 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Agosto 2017
ROMA, ITALIA

Rifugiati sgomberati a Roma: servono soluzioni che non interrompano l'integrazione

19 Agosto 2017
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Sant'Egidio con i ragazzi di strada di Goma che fuggono dalle milizie: ''Non vogliamo essere bambini soldato''

IT | DE | FR
19 Agosto 2017

In Campania le tappe del 'tour di solidarietà'

18 Agosto 2017
BARCELLONA, SPAGNA

Oggi a Barcellona preghiamo per la pace in memoria delle vittime dell'attentato terroristico

IT | ES | FR | CA
17 Agosto 2017

La crisi in Centrafrica: la gente soffre, facciamo presto

16 Agosto 2017
TIRANA, ALBANIA

La 'casa rossa' di Tirana, meta ambita delle vacanze della solidarietà

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
30 Luglio 2017
HASEPOST

Angela Merkel kommt zum katholischen Weltfriedenstreffen – aber nicht nach Osnabrück

3 Luglio 2017
Die Tagespost

"Gebet und Dialog"

29 Giugno 2017
Westflische Nachrichten

Merkel kommt zum Weltfriedenstreffen nach Münster

29 Giugno 2017
Domradio.de

"Selten wichtiger als heute"

29 Giugno 2017
Neue Osnabrücker Zeitung

Weltfriedenstreffen in Osnabrück und Münster: Merkel kommt

29 Giugno 2017
Kirche+Leben

Weltfriedenstreffen in Münster und Osnabrück mit Merkel

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
12 Settembre 2017

Cerimonia Finale

12 Settembre 2017

Panel

11 Settembre 2017

Panel

11 Settembre 2017

Panel

10 Settembre 2017

Assemblea d'Inaugurazione

9 Settembre 2017

Celebrazione Eucaristica

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
15 Aprile 2017
STATI UNITI

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica

18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

10 Ottobre 2015
STATI UNITI

La Comunità di Sant'Egidio lancia la prossima "Giornata Mondiale delle città per la vita"

7 Ottobre 2015
STATI UNITI

10 ottobre 2015 la World Coalition Against the Death Penalty celebra la XIII giornata mondiale contro la pena di morte

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

12 Marzo 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 Marzo 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 Marzo 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI
Scrittore, Polonia

Adam Michnik

Premio Nobel per la Pace, Argentina

Adolfo Pérez Esquivel

Arcivescovo, Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, Santa Sede

Agostino Marchetto

Grand Imam di al-Azhar dal 2010 e presidente del Muslim Council of Elders dal 2014

Ahmed Al-Tayyeb

Decano della Facolta di Sharia e Studi Islamici, Qatar

Aisha Yousef Al-Menn'ai

Segretario Generale del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee

Aldo Giordano

tutti i documenti
• LIBRI

La forza disarmata della pace





Jaca Book

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

VIDEO FOTO
Preghiera ecumenica e Cerimonia finale della Preghiera per la pace ad Assisi
Conferimento della Laurea honoris causa al Patriarca Bartolomeo I
Assemblea di apertura, intervento di Baleka Mbete

132 visite

121 visite

125 visite

116 visite

119 visite
tutta i media correlati