news

Migranti, si è già atteso troppo tempo! Facciamo nostre le parole del papa: accelerare le evacuazioni dai campi in Libia, favorire percorsi regolari di migrazione

24 Ottobre 2021

Papa Francesco
MIGRANTIcorridoi umanitari

Condividi su

La Comunità di Sant’Egidio si unisce alla forte preoccupazione di papa Francesco – espressa oggi all’Angelus – per le condizioni di vita dei migranti bloccati, di fatto, nei campi di detenzione in Libia. È un dovere morale, ma anche di chi è responsabile delle istituzioni, ricordarsi delle loro terribili sofferenze, come di quelle di tante altre persone, costrette ad abbandonare la propria terra. Occorre intervenire con urgenza per salvare - in modo adeguato, senza respingimenti - e per accogliere, perché il tempo passa ma la situazione non cambia, con gravi conseguenze per la vita di uomini, donne, tantissimi bambini.

Chiediamo quindi di accelerare i processi di evacuazione da quei campi e, più in generale, di favorire – come ha invocato anche il papa – “percorsi regolari di migrazione”, come lo sono ormai da anni i corridoi umanitari. Francesco chiede giustamente di essere “responsabili”: l’Europa lo sia dimostrando di essere all’altezza della situazione e mantenendo la promessa di cercare “soluzioni comuni” invece di invocare nuovi muri. Sant’Egidio è pronta ad accogliere i migranti, eventualmente evacuati dalla Libia, in Italia, in Francia e in Belgio.

Le parole del papa

VIDEO