Riccardi Andrea: en la web

Riccardi Andrea: en las redes sociales

Riccardi Andrea: revista de prensa

change language
usted está en: home - selecciÓn de prensa cómo contactarnosnewsletterlink

Ayuda a la Comunidad

  
3 Junio 2013

Giovanni XXIII cinquant'anni dopo

La simpatia del Papa che sapeva unire

 
versión para imprimir

La sera del 3 giugno 1963 si spegneva Giovanni XXIII. Sono passati cinquant`anni da quel giorno, ma il «Papa buono» resta nella memoria anche di chi non lo ha mai conosciuto (e sono i più). Ha incarnato una svolta, distanziandosi dal pessimismo che aveva accompagnato tanta parte del cattolicesimo negli ultimi due secoli. Un pessimismo comprensibile, perché la storia sembrava correre lontano dalla Chiesa, costruendo una società in cui Dio è periferico... Questo pessimismo si nutriva di nostalgia per un`età dell`oro del cristianesimo, ormai passata, rispetto a cui si misurava il declino del presente. Ai cupi nostalgici, negli anni Trenta, il filosofo francese Etienne Gilson ricordava come fosse un`illusione pensare «che il cristianesimo, che è una rivoluzione religiosa permanente nel cuore del mondo, sarebbe stata in qualche momento una rivoluzione "riuscita"». Non c`erano età dell`oro da rimpiangere.
Giovanni XXIII visse in un periodo duro. L`Oriente europeo era saldamente sotto i regimi comunisti e le sue Chiese - eccetto quella polacca - agonizzavano. Il colonialismo era alla fine. I Sixties sarebbero stati gli anni delle indipendenze. La Chiesa doveva ricollocarsi in un nuovo scenario. I tradizionalisti, tra cui Lefebvre, raccomandavano di difendere i regimi coloniali, a cui sarebbe stata legata indissolubilmente la sopravvivenza della Chiesa, perché vero argine al comunismo e all`islam. Altrimenti sarebbe stata la fine del cristianesimo. Papa Giovanni, con forza, volle dissentire dai «profeti di sventura», nostalgici di un passato di cui Roncalli (che era storico) ricordava i dolori. E lo fece solennemente all`apertura del Vaticano II. La storia della Chiesa prese un`altra via. Il pessimismo talvolta rappresenta un muro protettivo verso un mondo che non si fa la fatica di incontrare nella sua complessità. Diventa un velo di antipatia. Papa Giovanni guardava uomini e popoli con «simpatia», pur nel tempo della Guerra Fredda. Lo fece in tanti modi manifestando la «misericordia», come tratto decisivo nella vita della Chiesa. Può sembrare accessorio, ma è una scelta essenziale dell`ultimo mezzo secolo di cattolicesimo.
Ma una scelta di così lungo periodo ha pagato? Proprio Paolo VI ne ha fatto una chiave interpretativa del Concilio, di cui parla in questo modo alla conclusione: «Che cosa è avvenuto? Uno scontro, una lotta, un anatema?
Poteva essere, ma non è avvenuto... Una simpatia immensa lo ha tutto pervaso. La scoperta dei bisogni umani». Abraliam Heschel, grande studioso del messaggio dei profeti, parla di «una religione della simpatia» (nel senso di provare pathos per qualcuno).
L`«ingenuità» di papa Giovanni fu criticata come arrendevolezza. Dopo il Concilio, ci sono stati tempi difficili per la Chiesa: lacerazioni interne, crisi, diminuzione dei praticanti, impatto con la secolarizzazione crescente... La primavera conciliare è sembrata un inverno rispetto a passate stagioni. Rudemente il teologo evangelico Karl Barth ricordava che il cristianesimo «sta in affitto in casa d`altri». La crisi è il terreno su cui vive la Chiesa. Ma non è la fine. Con speranza e simpatia Giovanni Paolo II ha affrontato tante crisi. Pur diverso dal suo predecessore, ha guardato con gratitudine a Giovanni XXIII, che aveva creduto, in anni disperati, al futuro del cattolicesimo polacco anche in quel quadro geopolitico impossibile. Simpatia non è ingenua cedevolezza, ma comprensione che c`è qualcosa che unisce, più di quanto divide, per dirla con papa Giovanni.
La cifra della simpatia e della speranza, con alterne declinazioni, restano essenziali per il mezzo secolo trascorso. E lo sono oggi in un`Europa che sta misurando la sua perdita di rilievo, come parte più debole dell`Occidente.
La Chiesa, anche qui, ha scelto di parlare agli uomini con simpatia e di non chiudersi nel pessimismo. Oggi lo fa per bocca di Francesco, primo Papa nella storia che non viene dall`Europa o dal Mediterraneo, ma dall`America Latina. Qualcuno vede in lui un nuovo papa Giovanni. È difficile fare paragoni, ma certo si ricollega a quel sentire che viene dal Concilio, come si vede dal solido rapporto di simpatia con la gente e dal suo sguardo sul futuro. Fin dall`inizio infatti ha detto ai cardinali con chiarezza: «Non cediamo mai al pessimismo, a quell`amarezza che il diavolo ci offre ogni giorno; non cediamo al pessimismo e alla scoraggiamento». Forse si fa ancora fatica a misurare l`impatto di questo messaggio che, più che riempire la cronaca, mette in movimento correnti profonde. Come quelle messe in moto, allora, da papa Giovanni.


 LEA TAMBIÉN
• NOTICIAS
13 Febrero 2016
LA HABANA, CUBA

El abrazo entre el papa Francisco y el patriarca Kiril en Cuba. Vídeos y análisis

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
11 Octubre 2016

Fiesta de san Juan XXIII, hombre del encuentro y del diálogo que el 11 de octubre de hace 54 años abrió el Concilio Vaticano II

IT | ES | PT
11 Octubre 2017

Memoria de san Juan XXIII, hombre del encuentro que el 11 de octubre de 1962 abrió el Concilio Vaticano II

IT | ES
30 Mayo 2017
ROMA, ITALIA

Iglesia Católica y China, Andrea Riccardi: “Con el papa Francisco, no a la ideología sino al encuentro con la cultura china”

IT | ES
30 Mayo 2017
ROMA, ITALIA

Congreso Iglesia Católica y China: mensaje del cardenal Parolin que desea un “espíritu constructivo al que alienta el Papa”

IT | ES
18 Mayo 2016
LISBOA, PORTUGAL

Conferencia de Andrea Riccardi en la Universidad Católica Portuguesa: las periferias en el pontificado del papa Francisco

IT | ES | DE | PT | CA
todas las noticias
• PRENSA
29 Mayo 2017
Vatican Insider

Sant’Egidio, conferenza su “La Chiesa cattolica in Cina tra passato e presente"

14 Julio 2016
AlfayOmega

Las periferias y el futuro del cristianismo

22 Junio 2016
Il Mattino

Riccardi: «La chiesa di Francesco contro il conservatorismo»

27 Mayo 2016
Avvenire

Addio, caro don Loris

18 Octubre 2017
Avvenire

Scuole della pace, palestre d'inclusione

17 Octubre 2017
SIR

Scuole di pace: Riccardi (Comunità di Sant’Egidio), “un cammino di quasi mezzo secolo per le strade di Roma e del mondo”

todos los comunicados de prensa
• NO PENA DE MUERTE
10 Octubre 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Octubre 2015
ESTADOS UNIDOS

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Octubre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 Septiembre 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 Marzo 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

12 Marzo 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

9 Marzo 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

28 Febrero 2015
ESTADOS UNIDOS

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Febrero 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Diciembre 2014
MADAGASCAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

ir a ninguna pena de muerte
• DOCUMENTOS

Andrea Riccardi - Oriente y Occidente - Diálogos de civilización

todos los documentos
• LIBROS

Periferias





San Pablo
todos los libros

FOTOS

1651 visitas

1481 visitas

1489 visitas

1507 visitas

1447 visitas
todos los medios de comunicación afines