change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola

Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio

Emergenza freddo: in tutta Italia raccolta e distribuzione di coperte ai senza dimora

Come aiutare
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 09:30 | Muslim Madresa (Gazi Husrev-begova medresa)

intervento di Antonio Ferrari



Antonio Ferrari


Inviato del "Corriere della Sera", Italia

Caro Enric Juliana,

permettimi di rivolgermi a te per cominciare questo mio breve intervento sul nostro amato Mediterraneo. Sì, il sogno di ritrovarci tutti, sponda nord e sponda sud, a parlare del Mare Nostro, a dirci con franchezza che cosa dobbiamo fare per crescere e migliorarci, e quali sono gli errori da evitare, è nato proprio nella tua Barcellona.

   Dopo un primo fondamentale appuntamento spagnolo a Madrid, alla fine del 1991, quando per la prima volta si ritrovarono, attorno a un tavolo, nemici giurati ma volonterosi e desiderosi di conoscersi, dando corpo finalmente a quel processo di pace sul Medio Oriente che allora sembrava possibile-un sogno realizzabile, appunto- e che oggi è come svanito, venne appunto dalla tua Barcellona. La conferenza multilaterale era il sigillo di una nuova speranza. Una speranza poliedrica: rafforzare l'Unione europea dando corpo, voce e autorevolezza al suo Meridione; avvicinare le due sponde del Mediterraneo nel nome dell'amicizia, del dialogo, della collaborazione, della cooperazione; cercare i tratti fondamentali di una storia comune, che per secoli abbiamo condiviso; alimentare ed esaltare una solida e comune cultura, pur riconoscendone e rispettandone le differenti espressioni.

    Era bello, amici, non soltanto sognare in grande, ma sapere che il sogno-progetto stava davvero diventando realtà. Un grande intellettuale Predrag Matvejevic, che è nato non lontano da qui, nella vostra dolce Mostar, da madre di etnia croata e da padre russo, ha esaltato il Mediterraneo, luogo di incontro e di incontri, con rara maestria. E con una passione straordinaria ha cercato di raccontare in un libro la storia ge-opoetica del nostro Mare. Il libro s'intitola  "Breviario Mediterraneo". Passai una serata con Predrag, a Napoli, durante una conferenza sul Medio Oriente e per tutta la sera, durante una cena che speravo non finisse mai, mi parlò dettagliatamente del nuovo libro che stava per scrivere, e che ha un titolo struggente: "Pane nostro". Sì, proprio il nostro irrinunciabile alimento, perchè sono tanti i pani che si preparano ogni giorno nei forni delle città e dei villaggi, insomma in tutti i Paesi che si affacciano sul nostro Mare. E ogni tipo di pane ha la sua storia, la sua cultura, la sua grandezza, il suo dettare i ritmi vitali di ogni popolo.

    Credo di aver visitato quasi tutti i paesi del Mediterraneo, cercando di comprendere la loro storia e soprattutto i differenti caratteri della gente, accostandone e magari annodandone i comuni destini. Probabilmente non ci sono riuscito, anche perchè l'obiettivo era troppo ambizioso. Trovare insomma, al di là degli egoismi nazionali, delle differenze ambientali, un convincente comune denominatore tra tanti Paesi. Eppure quel comune denominatore esiste. Ne sono sicuro. Il Pane di Matvejevic me ne ha offerto un esempio. Ma ve ne sono sicuramente molti altri. A volte penso che le promesse di Barcellona, vent'anni dopo, non siano state lanciate invano. Probabilmente, allora vennero vissute sull'onda dell'entusiasmo, che qualche volta non è buon consigliere. Oggi, che tutto è più difficile, oggi che abbiamo una crisi economica che obbliga noi della sponda nord a rinunciare a una parte dei nostri privilegi e i popoli della sponda sud del Mediterraneo a soffrire ancor più per la diminuzione degli aiuti della cooperazione, oggi- come dicevo- potrebbe essere persino più facile guardarci negli occhi e- nel nome di una nuova solidarietà e con rocciosa volontà-riprovarci. Con serenità, senza presunzione, anche perchè tutti-chi più chi meno-siamo diventati più poveri.

   Nel sud del Mediterraneo sono nate le tre grande religioni monoteiste. Qui è nata la grande civiltà greco-romana, che in realtà, come scriveva Spengler, è l'unica rimasta, in attesa ovviamente di quelle future. Sto parlando di civiltà ovviamente, non di culture.

 A volte penso a cosa sarebbe diventato il sud dell'Europa, se nell'Unione -con lungimiranza-fosse stata accolta la Turchia, come tanti di noi speravano. Lungimiranza, dicevo, perchè una Turchia membro effettivo dellUnione europea ci avrebbe indubbiamente arricchito e avrebbe consentito di bilanciare molti egoismi nazionali, e qualche cecità. La Turchia ci avrebbe aiutato insomma a contenere, nel nuovo equilibrio che si sarebbe creato, quella che a volte percepiamo come l'arroganza del nord-Europa.

 

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
19 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

''L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione'': meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


A Santa Maria in Trastevere per la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani
17 Gennaio 2017

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola


Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio
IT | ES | DE
9 Gennaio 2017

Zygmunt Bauman: scompare un grande umanista impegnato nel dialogo tra laici e credenti sulla frontiera del vivere insieme e della pace

IT | EN | ES | DE | FR | RU
21 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

"Una luce accesa da Dio nella notte profonda del mondo" meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
19 Gennaio 2017 | ROMA, ITALIA

''L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione'': meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


A Santa Maria in Trastevere per la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani
18 Gennaio 2017 | ITALIA

Dopo il terremoto di Amatrice, Sant'Egidio aiuta gli anziani a non abbandonare la loro terra


Avviato nel Comune colpito dal sisma il programma Viva gli Anziani
18 Gennaio 2017 | KIEV, UCRAINA

A Kiev la cena itinerante di Sant'Egidio a -11°C: pasti caldi e coperte per salvare la vita dei senzatetto

IT | DE | FR

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
14 Dicembre 2016
Vatican Insider
S.Egidio firma un protocollo con i Carabinieri su pace e diritti umani
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
La parola di Dio ogni giorno 2017



San Paolo
Martiri d'Albania (1945-1990)



La Scuola
altri libri

20/01/2017
Preghiera della Santa Croce

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia