Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - scuola d...italiana contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Scuola di lingua e cultura italiana


 
versione stampabile

SCUOLA DI LINGUA ITALIANA  DELLA COMUNITÀ DI SANT’EGIDIO

La scuola di italiano inizia nel 1982, con poco più di dieci donne straniere, capoverdiane e latinoamericane, in Italia per lavoro, tutte con il bisogno di imparare la lingua italiana per capire e farsi capire. Da allora sono trascorsi più di venticinque anni, durante i quali nella scuola d’italiano solo a Roma hanno studiato quasi trentacinquemila stranieri, oltre i circa diecimila che hanno frequentato la scuola in altre città in Italia, Milano, Novara, Genova, Firenze, Livorno, Napoli. La scuola di lingua della Comunità di Sant’Egidio è inoltre presente in alcuni paesi europei, Germania e Belgio.

 

 



Con il cambiare della presenza degli stranieri in Italia è cambiata anche la scuola: provenienti da oltre 120 paesi, negli ultimi tempi sono non meno di 1500 gli stranieri che ogni anno si iscrivono alla scuola per la prima volta oltre a circa 800 che, immatricolati negli anni precedenti, continuano a studiare iscrivendosi ogni anno ai livelli successivi. Si tratta di una presenza in crescita, che testimonia il desiderio di molti immigrati di un inserimento sociale maturo e consapevole, in cui la conoscenza della lingua diviene uno strumento essenziale per comprendere il paese di inserimento, ma anche per esprimere e comunicare la storia personale che ha condotto ognuno all’emigrazione. 

Cresce dunque il bisogno di conoscere la lingua e la cultura italiana assieme alla crescita dell’aspettativa di un inserimento stabile e cambia anche l’interesse e la qualità della domanda rivolta alla scuola. Nei primi anni per centinaia di stranieri è stato indispensabile apprendere bene, e velocemente, l' “italiano della vita quotidiana”, quella lingua con cui capire e comunicare l’essenziale, per vincere il disorientamento iniziale, per superare l’isolamento.  

Ma è anche cresciuta negli anni una domanda diversa, espressa da immigrati che vivono in Italia da non meno di quattro o cinque anni, provenienti in larga misura da paesi dell’Europa dell’Est e dall’America Latina, in misura molto più ridotta anche dall’Africa e dall’Asia. Sono soprattutto donne, impiegate nei lavori domestici e di assistenza alle persone, molte di queste con un buon livello di scolarizzazione, diverse laureate, e con alcuni anni di esperienza lavorativa nel proprio paese, emigrate inizialmente da sole, che inviano a casa gran parte dei soldi che guadagnano per mantenere l’intera famiglia rimasta in patria. Per loro la scuola di lingua diviene il luogo della conoscenza della storia e della cultura italiana ed europea ed al tempo stesso la condizione in cui si sperimenta la possibilità, e le opportunità, dell’incontro e della convivenza tra persone diverse per lingua, cultura, religione. Un luogo in cui, da adulti, si approfondisce anche la storia e la memoria dell’Italia e dell’Europa.

Per gli europei, per molti immigrati provenienti dall’Ucraina, dalla Romania o dalla Polonia, la frequenza ai corsi ha costituito l’occasione per approfondire una storia non sempre conosciuta a fondo, a volte confusa nel ricordo più generale del conflitto mondiale, altre volte rimossa dalla memoria come un evento troppo doloroso. Ad esempio, un importante momento di formazione è stato per tutti la memoria della Shoah, che ha anche rappresentato l’occasione per riflettere sui pericoli del presente, sul rischio dell’insorgenza dell’antisemitismo e del razzismo, accompagnata dalla partecipazione a momenti di memoria comune, come la manifestazione in occasione della ricorrenza  della deportazione del 16 ottobre 1943  - che si svolge ogni anno ed è divenuta memoria cittadina e nazionale.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | ES | FR | CA
27 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Anziani romani e migranti insieme per dire NO al razzismo

17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

I mediatori interculturali sono ponti a due sensi: aiutano gli immigrati ma anche le istituzioni italiane

IT | HU
15 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Immigrazione, Sant’Egidio inaugura con il ministro Fedeli due corsi universitari per mediatori interculturali

6 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Capodanno cinese all'Esquilino, l'integrazione comincia dai bambini

tutte le news
• STAMPA
11 Maggio 2017
Il Messaggero Veneto

Rogo camper. Obiettivo integrazione: il rimedio mai adottato

7 Aprile 2017
Vatican Insider

Giornata dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini”

27 Febbraio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri

23 Febbraio 2017
Main-Post

Abschiebung in die Ungewissheit

13 Febbraio 2017
Roma sette

Migrantes e Sant’Egidio: delusione per interventi su migranti

22 Gennaio 2017
Avvenire - Ed. Lazio Sette

«L'integrazione, interesse di tutti»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Dati sulla Scuola di Lingua e Cultura Italiana - Comunità di Sant'Egidio

Articolo su Credere nr. 18 - Trattoria degli amici

Saluto del Presidente Mario Monti

Comunità di Sant'Egidio

La mensa per i poveri di Via Dandolo

Testimonianza di Suor Atanazia Holubova. Udienza con il Santo Padre, 11 giugno 2011

tutti i documenti
• LIBRI

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1207 visite

1151 visite

1174 visite

1169 visite

1253 visite
tutta i media correlati