Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - liberare...gionieri contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Liberare i prigionieri


 
versione stampabile

Le prigioni in Africa

La povertà che affligge la gran parte del continente africano, è evidente in modo drammatico nelle prigioni e nelle condizioni di vita di coloro che vi sono detenuti.

Si tratta per lo più di giovani (<25 anni) che provengono dalle città, ma anche dalle zone rurali. La vita in carcere è particolarmente dura e difficile. Alla privazione della libertà si aggiungono in primo luogo gravi carenze igienico-sanitarie. I detenuti dormono per terra, i più fortunati hanno a disposizione delle stuoie, i servizi igienici sono pochi e malridotti , l’alimentazione è insufficiente e coloro che non hanno parenti che gli portano il cibo, perché abitano lontano o sono poveri, soffrono la fame. Molti detenuti non hanno vestiti per coprirsi e rimangono con gli stessi indumenti per mesi. Non c’è biancheria e il sapone è un genere di lusso, che arriva solo due ,tre volte l’anno. La maggior parte delle prigioni sono sovraffollate e manca lo spazio vitale. In Madagascar il carcere della capitale costruito per 800 persone ne accoglie 3000. Ad Abidjan, in Costa d’Avorio, la “maison d’arret et de correction” per 1500 detenuti ne ha più di 4500.


Spesso il problema più grande per i detenuti è quello di riuscire ad ottenere la scarcerazione anche quando sarebbe dovuta. In molti paesi africani, infatti, la legge non pone limiti alla custodia cautelare e a questo si aggiunge il fatto che molti processi non vengono celebrati, né le sentenze definite. Nella gran parte dei casi si finisce in carcere per reati “minimi”, piccoli furti come quello di una mela, di una barra di sapone o di due galline. Per questi piccoli furti si scontano spesso pene molto lunghe. A volte, quando il prigioniero – povero, perché poveri sono coloro che compiono questo genere di reati – non può pagare le spese legali o non può estinguere la pena pecuniaria, rischia di rimanere in prigione per molti anni.

In molti paesi africani,infatti, la pena consiste di due parti, una detentiva e una pecuniaria. Per tornare in libertà è necessario pagare una somma di denaro che comprende anche il rimborso delle spese legali. Chi non può pagare resta in carcere più a lungo.

Nelle carceri è facile ammalarsi anche gravemente e si rischia di morire. Broncopolmonite, malaria, tubercolosi e AIDS, colera e altre malattie intestinali aggrediscono persone già provate dalla povertà e rese ancora più deboli dalla reclusione. Nelle infermerie, quando queste sono attive, non ci sono farmaci e possibilità di terapie. In alcune situazioni le probabilità di morire sono elevate.

Così talvolta le detenzioni equivalgono a condanne a morte non sentenziate.

 
 

"… mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore"
(Lc 4,18)

 
 

La Comunità di Sant’Egidio e il servizio nelle carceri in Africa

La Comunità di Sant’Egidio è presente nelle carceri di 15 paesi dell’Africa grazie all’impegno delle comunità locali. Si tratta di una presenza capillare che riguarda sia grandi centri di detenzione, in alcuni dei quali ci sono anche i condannati a morte, sia piccole prigioni di distretti rurali. Questo servizio è volto in primo luogo a migliorare le condizioni di vita dei prigionieri e a garantire e promuovere il rispetto dei diritti umani, tra cui quelli fondamentali per la sopravvivenza e la dignità, come nutrirsi, lavarsi, vestirsi, curare l’igiene.

Inoltre si organizzano corsi di alfabetizzazione e corsi professionali per prevenire un eventuale ritorno in carcere.

La Comunità organizza anche corsi di scuola primaria,in particolare a favore dei minori detenuti - il numero dei quali è in aumento in modo preoccupante- per dare loro la possibilità di continuare a studiare per tutto il tempo della detenzione e ottenere un diploma. Questi giovani sono coinvolti nelle attività delle scuole della pace, i centri per minori della Comunità di Sant’Egidio, e molti di loro, una volta usciti dal carcere, grazie all’adozione a distanza, possono usufruire di una borsa di studio e continuare a studiare in scuole a convitto.

L’amicizia della Comunità si declina come:

Amici in carcere

Campagna Liberare i
Prigionieri in Africa



Sostieni il programma Liberare i prigionieri con una donazione

 LEGGI ANCHE
• NEWS
8 Novembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Nel carcere di Douala, dove con il passaggio della Porta Santa si è compiuto il ''miracolo della solidarietà''

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016

Dove alla violenza si risponde con il perdono, là anche il cuore di chi ha sbagliato può essere vinto dall’amore

IT | EN | ES | DE | FR | PT
30 Settembre 2016
BLANTYRE, MALAWI

A Blantyre, in Malawi, conferenza sul ruolo pubblico dei giovani per la pace, il dialogo e lo sviluppo

IT | EN | ES | FR | ID
9 Settembre 2016
DOUALA, CAMERUN

Papa Francesco ai detenuti di Douala 'Bella la vostra Porta Santa: Il materiale è umile ma l'iniziativa è nobile'

IT | ES | DE | FR
3 Giugno 2016
NIAMEY, NIGER

L'infanzia rubata dei bambini del Niger e la Comunità: il calore di una famiglia che serve per ricominciare

IT | ES | DE | PT | CA | HU
31 Maggio 2016
CONAKRY, GUINEA

La Porta Santa della Misericordia nella prigione centrale di Conakry

IT | ES | DE | FR | PT | HU
tutte le news
• STAMPA
24 Novembre 2016
Radio Vaticana

Sant'Egidio presenta riforme per umanizzazione delle carceri

19 Novembre 2016
RP ONLINE

Amerikanischer Traum endet in der Todeszelle

16 Novembre 2016
Radio Vaticana

Marazziti: grati a Francesco, non c'è pena giusta senza speranza

14 Ottobre 2016
Avvenire

Sant'Egidio Camerun, a Douala aperta la Porta Santa mobile dei detenuti

22 Giugno 2016
Il Mattino

Morandi tra i detenuti di Poggioreale «Tutti possono sbagliare, ma ci si rialza»

22 Giugno 2016
Avvenire

Il Papa: pena di morte inammissibile, contro il piano di Dio

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
28 Novembre 2016 | ROMA, ITALIA

Oggi si parla di carcere: trasmissione da Regina Coeli su Rai News 24 con Gianfranco Ravasi, Mario Marazziti e altri.

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

ALCUNI NUMERI DELLA SOLIDARIETA’ NEL 2012 DALLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Comunità di Sant'Egidio

Le carceri in Italia:tra riforma, sovraffollamento e problemi di bilancio. Analisi e proposte delle Comunità di Sant'Egidio

Comunità di Sant'Egidio

Mai così tanti in carcere nella storia dell’Italia Repubblicana

Comunità di Sant'Egidio

CALANO I REATI, MA CRESCONO GLI ARRESTI E LE DETENZIONI

tutti i documenti

FOTO

177 visite

208 visite

184 visite

233 visite

170 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri