change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.

Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamo insieme una tavola larga come il mondo

Tutti i modi per aiutare: i centri di raccolta dei regali, il Rigiocattolo, come donare, come contattarci
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
11 Settembre 2012 09:30 | National Theatre

Il concilio vaticano ii compie cinquant'anni: il dialogo ha ancora futuro?



Kurt Koch


Cardinale, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, Santa Sede

1. Il dialogo ha certamente un futuro nello spazio vitale cristiana, poiché esso è radicato nell'essenza di Dio stesso. Infatti, Dio è carità e Logos. Entrambe queste qualità si realizzano solo se non riposano in se stesse, ma cercano e trovano un'alterità. La carità appella la risposta dell'amato; il logos cerca un interlocutore e, tramite esso, diventa dia-logos. Il rnistero della Trinità divina suggerisce che la vita di Dio stesso è dialogica nello scambio d'amore  tra Padre, Figlio e Spirito e che Dio, come creatore e redentore, oltre la sua vita intratrinitaria coltiva anche un dialogo con il suo creato e soprattutto con 1'uomo fatto a sua immagine e somiglianza. In virtù di cio, il Concilio Vaticano Secondo ha adottato un'interpretazione dialogica-comunicativa della rivelazione che ha preparato, come giovane teologo, Papa Benedetto XVI, ponendo l'accento  sull'atto con cui Dio si mostra all'uomo e lo ama, piuttosto che, come fa la tradizione più recente, sul risultato oggettizzato di tale atto. Poiché nella rivelazione c'è necessariamente qualcuno che  la  recepisce  e  poiché  la  comunicazione  che  Dio  fa  di  se  stesso  puo  essere rivelazione soltanto se viene ricevuta da qualcuno, essa altro non puo essere che una realtà dialogica.

2. Se il dialogo è il fulcro più intimo della vita di Dio, allora esso deve essere anche un tratto basilare della vita della Chiesa in quanto icona della Trinità. Questa visione fondamentale fu sviluppata in maniera proficua per l'ecclesiologia  soprattutto da Papa Paolo VI nella sua prima enciclica "Ecclesiam suam". Nella convinzione che la Chiesa, per essere fedele alla sua chiamata e per realizzare la sua missione deve percorrere tre strade, ovvero la riflessione su se stessa, il rinnovamento ed il dialogo, Paolo VI fece del dialogo il concetto chiave della sua prima enciclica, fornendo cosi 1'orientamento fondamentale: "La Chiesa deve venire a dialogo col mondo in cui si trova a vivere. La Chiesa si fa parola; la Chiesa si fa messaggio; la Chiesa si fa colloquio." (n. 67). Il Papa in tai modo dava risalto a cio che era stata anche una priorità centrale del Concilio Vaticano Secondo e che, sul piano istituzionale, trovo la sua più chiara espressione nella creazione di tre Segretariati tutti dedicati al dialogo, ovvero il Segretariato per la promozione dell'unità dei cristiani, il Segretariato per i non cristiani ed il Segretariato per i non credenti. Di questi tre impegni a favore del dialogo, tuttora importanti, ci limiteremo a trattare il dialogo ecumenico qui di seguito.

3. Per il Concilio Vaticano Secondo, il dialogo ecumenico non è un tema secondario, ma uno dei suoi compiti fondamentali, come emerge chiaramente già dalla prima frase del suo Decreto sull'ecumenismo: "Promuovere il ristabilimento dell'unità fra tutti i cristiani è uno dei principali intenti del sacro Concilio ecumenico Vaticano II" (UR 1). L'importanza fondamentale del dialogo ecumenico per la Chiesa cattolica si esprime anche nel fatto che il Decreto sull'ecumenismo trae i suoi principi dogmatici dalla Costituzione  Dogrnatica sulla Chiesa. Papa Paolo VI, dichiarando  esplicitamente, in occasione della promulgazione del Decreto sull'ecumenismo, che questo Decreto delucidava e completava la Costituzione Dogrnatica sulla Chiesa ("ea doctrina explicationibus completa"), non sminuiva assolutamente il valore teologico del Decreto sull'Ecumenismo,  ma, nel suo significato teologico fondamentale, lo collegava piuttosto  alla Costituzione Dogmatica sulla Chiesa  In seguito, su questa base, Papa Giovanni Paolo  II,  nella sua lungimirante  enciclica  sull'impegno  ecumenico  "Ut  unum sint", contro  i  vari  dubbi  nutriti  sia  dai  fautori  che  dai  detrattori  dell'ecumenismo    ha sottolineato in maniera inequivocabile che la decisione della Chiesa cattolica a favore dell'ecumenismo è irrevocabile, poiché la Chiesa con il Concilie Vaticano Secondo "si è impegnata in modo irreversibile a percorrere la via della ricerca ecumenica, ponendosi cosi all'ascolto  dello  Spirito  del  Signore,  che  insegna come  leggere  attentamente  i 'segni dei tempi' "(UUS 3). Chi condivide le decisioni del Concilie Vaticane Seconde e il Magistero dei vari ponte:fici che si sono susseguiti, non puo non essere convinto che il dialogo ecumenico ha un future.

3. A cinquant'anni dall'inizio  del Concilie Vaticane Seconde dobbiamo riconoscere che non abbiamo certamente raggiunto l'obiettivo del dialogo ecumenico, ovvero una comunione  ecclesiale  vincolante  e  l'unità  visibile  nella  fede,  nei  sacramenti  e  nei ministeli ordinati. Nel corso del tempo, piuttosto, l'obiettivo del movimento ecumenico si è fatto man mano più confuso. Moiti dei partner ecumenici hanno abbandonato l'obiettivo  originario dell'unità  visibile  a favore del postulato  di un mutuo liconoscimento delle diverse Comunità ecclesiali come Chiese e dunque come parti dell'unica  Chiesa di Gesù Cristo, cosi che 1'unica  Chiesa di Gesù Cristo risulta essere una mera somma delle varie comunità ecclesiali esistenti. Poiché tale obiettivo non è conciliabile  con  i principi  teologici dell'ecumenismo  dal  punto di vista cattolico, il dialogo ecumenico oggi deve riflettere con rinnovato impegno su una visione comune dell'obiettivo  ecumenico e deve sforzarsi di pervenirvi. A cio si aggiunge una seconda sfida: il motivo per cui fmora sull'obiettivo  ecumenico non è stata conseguita un'intesa veramente solida ed alcuni consensi parziali raggiunti al riguardo nel passato sono stati sotto certi aspetti rimessi in discussione va ricercato fondamentalmente nel fatto che oggi come ieri esistono, gli uni accanto agli altri, concetti confessionali di Chiesa e di unità della Chiesa del tutte diversi e inconciliabili tra loro. Poiché ci sono dunque tante idee di obiettivo ecumenico quante ecclesiologie confessionali, in futuro il punto principale all'ordine del giorno nelle discussioni ecumeniche deve essere il chiarimento del concetto di Chiesa e di unità della Chiesa.

4. Il  dialogo  ecumenico  non  deve  perdere  né il  suo  carattere  vincolante  né  il suo obiettivo. Esso deve mantenere davanti agli occhi l'obiettivo dell'unità visibile. Al contempo, fin tante che non raggiungerà tale obiettivo, non deve cedere alla rassegnazione. Poiché questo rischio sussiste soprattutto se si adotta l'atteggiamento del tutto o niente, oggi il dialogo ecumenico ha bisogno di formulare e conseguire scopi intermedi realistici, attuabili se facciamo insieme cio che possiamo e dobbiamo fare, arricchendoci vicendevolmente e sperimentando sempre più che, seppur ancora divisi, possiamo essere una cosa sola: una cosa sola nella testimonianza comune della fede cristiana in Dio e della carità in un monde che ha sempre più bisogno di questa testimonianza. Di particolare importanza ai miei occhi è la riscoperta di gesti ecumenici come  la pratica proposta da Oscar Cullmann delle collette ecumeniche  o la famosa usanza, comune nella tradizione delle Chiese orientali, del cosiddetto pane dell'eulogia. Tali gesti possono contribuire a fare in modo che il dialogo ecumenico non rimanga semplicemente su un piano teorico, ma diventi sempre più anche una dimensione dell'esperienza quotidiana.
 
5. Nel  corso  degli  ultimi  anni e  decenni, è  emersa  nel dialogo  ecumenico  una problematica del tutto nuova, con l'apparire di grandi tensioni e divergenze nel campo dell'etica. Si tratta fondamentalmente di una nuova situazione: mentre in una precedente fase del movimento ecumenico vigeva il motto: "La fede divide, l'agire unisce", oggi dobbiamo costatare che, se da una parte è stato possibile superare parzialmente vecchie controversie confessionali riguardanti la fede o perlomeno operare un riavvicinamento, dall'altra sono affiorate grandi differenze principalmente in questioni etiche, al punto che oggi soprattutto l'erica divide ela fede unisce. Se le Chiese e le Comunità cristiane non riusciranno ad esprimersi con una sola voce sulle grandi questioni etiche del nostro tempo,  questo rninerà la credibilità dell'ecumenismo  cristiana nella società odiema. Poiché dietro i problerni etici si celano perlopiù questioni che riguardano l'immagine dell'uomo, un grande compito che dovrà assolvere 1'ecumenismo è quello di elaborare un'antropologia cristiana ecumenica comune. E proprio tale compito dimostra che anche nel futuro il dialogo ecumenico non sarà certamente disoccupato.

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
11 Dicembre 2016

Ieri a Ostia, la premiazione delle opere della Mostra "La forza degli Anni". La fotogallery

10 Dicembre 2016 | REGGIO EMILIA, ITALIA

Nella Giornata Internazionale dei Diritti Umani, il Premio per la Pace Giuseppe Dossetti a Sant'Egidio


Assegnato per la realizzazione dei Corridoi Umanitari che finora hanno permesso l’ingresso di 500 profughi in Italia. La cerimonia di consegna del premio oggi a Reggio Emilia
IT | DE
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione


Marco Impagliazzo consegna il premio alle opere più votate dalle centinaia di persone che in questi giorni hanno visitato l'esposizione

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
La parola di Dio ogni giorno 2017



San Paolo
Martiri d'Albania (1945-1990)



La Scuola
altri libri

11/12/2016
Liturgia della domenica

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri