Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
21 Aprile 2015 | BARI, ITALIA

Colloquio Internazionale

Cristiani nei paesi in guerra, minoranze, stragi del mare: le proposte di Sant'Egidio e il Summit intercristiano di Bari 29-30 aprile: la parola alle Chiese d'Oriente

Conferenza stampa di Andrea Riccardi e Marco Impagliazzo nella Sala della Pace di Sant’Egidio -Iniziativa con la Federazione delle Chiese Evangeliche per aprire un corridoio umanitario in Marocco e in Libano assicurando viaggi sicuri ai richiedenti asilo dall’Africa e dal Medio Oriente – Il governo di Tripoli si impegna a fermare i trafficanti di disperati

 
versione stampabile

Concepito come il primo “summit intercristiano” per affrontare il dramma delle minoranze religiose perseguitare nel Medio Oriente, la preparazione del Colloquio Internazionale “Cristiani in Medio Oriente: quale futuro?”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e dall’Arcidiocesi di Bari, è stato investito dalla tragedia dei migranti morti a centinaia nel Mediterraneo. E così, se l’obiettivo del Colloquio che si terrà a Bari il 29 e 30 aprile resta quello di “colmare un vuoto di pensiero, di ascolto e di azione”, come ha detto il fondatore della Comunità Andrea Riccardi, ecco che l’orizzonte si è allargato all’intero spettro di un’emergenza che appare senza fine. Anzi, ha detto il presidente della Comunità Marco Impagliazzo, nella conferenza stampa che si è svolta nella Sala della Pace di Sant’Egidio, l’obiettivo è proprio quello di “superare l’emergenza” partendo dall’ ”ascolto della realtà”, dando la parola ai protagonisti, ai capi delle Chiese cristiane d’Oriente, che “vedono messa in questione la permanenza delle loro comunità nelle terre in cui sono presenti da secoli, prima ancora dei musulmani”.

Ascoltare la loro testimonianza, come faranno a Bari i governanti europei – dal ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni al segretario per le Relazioni con gli Stati della Santa Sede, Paul Richard Gallagher e ai rappresentanti dei governi tedesco, francese, britannico, statunitense, russo, greco e cipriota – dovrebbe servire a superare la “sordità” manifestata dalla comunità internazionale e dalla sua diplomazia rispetto ad un problema finora affrontato o ricorrendo a strumenti sbagliati – la guerra – o nascondendo il capo sotto la sabbia del deserto. “La guerra non serve – ha detto Impagliazzo – , non è uno strumento di soluzione dei conflitti; le guerre iniziano e non finiscono mai, e lasciano dietro di sé conseguenze imprevedibili. Quel che manca è invece uno strumento legittimato di polizia internazionale che possa operare in determinate situazioni locali per trovare una soluzione a situazioni di crisi”.

Per il raffreddamento della crisi in Siria, ha ricordato Andrea Riccardi, lo strumento diplomatico idoneo era stato individuato nella proposta di “Save Aleppo”, il progetto per salvare Aleppo, città di millenaria coabitazione tra religioni e culture, con una tregua protetta dalla comunità internazionale. Proposta lanciata da Sant’Egidio e raccolta dall’inviato dell’Onu Staffan De Mistura che l’ha presentata al Consiglio di Sicurezza, ma inspiegabilmente lasciata cadere nell’indifferenza delle potenze europee: una buona idea “rimasta travolta dagli avvenimenti ma ancor prima dalla dimenticanza e dal disimpegno della comunità internazionale”, ha detto con rammarico Andrea Riccardi; e tuttavia “il cantiere rimane aperto, anche se è stato provvisoriamente abbandonato dagli operai che erano stati chiamati a portare avanti il lavoro”.

Riccardi ha anche ricordato la proposta, da lui stesso lanciata tre anni fa e fino ad oggi rimasta inascoltata, per un “Safe Haven” che riguardasse la piana di Ninive, dove sono presenti i cristiani ed altre minoranze. Che fare ora perché lo stesso fallimento non venga ripetuto sul fronte tragico degli sbarchi? Marco Impagliazzo ha riportato cifre eloquenti: da gennaio ad oggi su 133 sbarchi in Italia 105 sono stati generati in Libia; su 17 mila profughi arrivati sulle nostre spiagge, 14 mila provenivano dalle coste libiche. E’ dunque lì che bisogna intervenire. In proposito, il presidente della Comunità ha dato conto dei primi promettenti risultati della diplomazia di Sant’Egidio: “Abbiamo chiesto al governo di Tripoli di dare una prova di buona volontà intervenendo sui trafficanti di esseri umani per fermare questa vergogna, e il governo di Tripoli ha risposto positivamente, così come si è impegnato a dare degna sepoltura alle vittime dell’ultimo naufragio. Lo consideriamo un piccolo ma concreto segnale della volontà di aprire una trattativa seria per affrontare un problema gigantesco”.

Sullo stesso piano si pone l’iniziativa elaborata da Sant’Egidio insieme alla Federazione delle Chiese Evangeliche per fare in modo, ha detto Riccardi, che “venire in Europa come rifugiati non significhi più per i profughi dall’Africa e dal Medio Oriente sottoporsi al ‘giro della morte’ dei barconi allo sbando nel Mediterraneo”. L’iniziativa è stata illustrata da Marco Impagliazzo: “ Si tratta di aprire un canale umanitario in Marocco e in Libano, collegato ai consolati europei, al quale si possano rivolgere i richiedenti asilo per ottenere un visto che consenta loro di affrontare in sicurezza il viaggio verso la salvezza”. L’ipotesi di sperimentare questi “humanitarian desk”, ha detto Impagliazzo, “è già prevista dagli accordi di Schengen e dallo stesso Trattato di Lisbona che prevede una forma di ‘protezione sussidiaria e temporanea’ per chi fugge da guerre o da calamità naturali. In questo modo si potrebbe assicurare una via di transito sicura e protetta ai profughi verso l’Europa. Le gravi crisi di questi giorni giustificano il ricorso ad una misura peraltro giuridicamente consentita. Il  finanziamento di questi ‘humanitarian desk’ sarebbe assicurato da una parte dell’8 per mille devoluto alle Chiese Evangeliche e da contributi volontari raccolti dalla Comunità di Sant’Egidio”. 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Settembre 2017
MYANMAR (BIRMANIA)

Aiutiamo i profughi rohingya rifugiati in Bangladesh

IT | DE
20 Settembre 2017

Ospiti del 20/09/2017

20 Settembre 2017
GENOVA, ITALIA

Grande festa per i 102 anni di Pierina nella casa famiglia della Comunità di Sant'Egidio di Genova

20 Settembre 2017

500 giovani europei ad Auschwitz. Dalla memoria della Shoah la proposta di un mondo senza violenza

19 Settembre 2017

Ospiti del 19/09/2017

19 Settembre 2017

Contro la malnutrizione infantile. Invio di mezzo milione di kg di pasta per i bambini in Libia e America Latina

tutte le news
• STAMPA
15 Settembre 2017
Kirchenzeitung Köln

Die anstrengende Arbeit am Frieden

15 Settembre 2017
der Freitag

Vorbild oder Feigenblatt?

14 Settembre 2017
Deutsche Welle

"Dialog der Religionen ist nötig"

14 Settembre 2017
Domradio.de

Ein eindringlicher Appell an die Welt

13 Settembre 2017
Domradio.de

"Wege des Friedens"

13 Settembre 2017
Tagespost

Die Probleme sind zahlreicher und größer

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
21 Settembre 2017 | OSWIECIM, POLONIA

Quinta edizione del convegno internazionale 'Giovani Europei per un mondo senza violenza'

16 Settembre 2017 | BARCELLONA, SPAGNA

Preghiera per la pace ad un mese dall'attentato terroristico di Barcellona.

14 Settembre 2017 | ROMA, ITALIA

Preghiera per la pace nel sud delle Filippine a Santa Maria in Trastevere

12 Settembre 2017

Accensione dei candelabri, firma dell’Appello e scambio di un segno di pace

12 Settembre 2017

Proclamazione e consegna dell'Appello di Pace 2017

12 Settembre 2017

Cerimonia Finale

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
15 Aprile 2017
STATI UNITI

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica

18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

10 Ottobre 2015
STATI UNITI

La Comunità di Sant'Egidio lancia la prossima "Giornata Mondiale delle città per la vita"

7 Ottobre 2015
STATI UNITI

10 ottobre 2015 la World Coalition Against the Death Penalty celebra la XIII giornata mondiale contro la pena di morte

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

12 Marzo 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 Marzo 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 Marzo 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI
Scrittore, Polonia

Adam Michnik

Premio Nobel per la Pace, Argentina

Adolfo Pérez Esquivel

Arcivescovo, Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, Santa Sede

Agostino Marchetto

Grande Imam di Al-Azhar, Egitto

Ahmad Muhammad Al-Tayyeb

Associazione “Muhammadiyyah for Scholars”, Marocco

Ahmed Abbadi

Direttorato del Grand Mufti dell'Oman

Ahmed Saud Said al-Siyabi

tutti i documenti
• LIBRI

La forza disarmata della pace





Jaca Book

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

VIDEO FOTO
Il video della cerimonia finale di #pathsofpeace
2:05:04
Panel 11 - Le età della vita umana
18:4
Panel 6 - Preghiera, malattia, guarigione - Thomas Schirrmacher - #PathsOfPeace

654 visite

422 visite

659 visite

625 visite

604 visite
tutta i media correlati