change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
7 Gennaio 2012 | MONGOLIA

Comunicato Stampa: La Mongolia ha cancellato la pena di morte

Due anni di collaborazione tra Sant'Egidio e la Presidenza della repubblica mongola hanno permesso questo straordinario risultato

 
versione stampabile

Il 5 gennaio 2012, il Parlamento della Mongolia ha approvato l’adozione del Secondo Protocollo Opzionale al Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici.
L’adesione al trattato impegna solennemente il paese di fronte alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale a non fare più ricorso alla pena di morte e ad adottare tutte le misure necessarie ai fini della sua abolizione nel suo sistema giurisdizionale.
La Comunità di Sant’Egidio accoglie la notizia con grande soddisfazione ed entusiasmo, dopo aver collaborato ed accompagnato passo dopo passo il cammino inaugurato dal presidente della Repubblica Tsakhia Elbegdorj esattamente due anni fa verso l’abolizione della pena capitale, con la sua decisione unilaterale di proclamare una moratoria delle condanne e delle esecuzioni.
Era infatti il 14 gennaio 2010 allorché il Capo dello Stato annunciò sorprendentemente e con grande coraggio dinanzi al Parlamento la sua volontà di liberare quanto prima la Mongolia dalla pena capitale.
La Comunità di Sant’Egidio già attiva nell’area e in stretta collaborazione con l’iniziativa del Presidente Tsakhia Elbegdorj ha collegato la difficile battaglia istituzionale e parlamentare mongola con la comunità internazionale attuando sinergie.
Nel Febbraio 2010 la Mongolia partecipò al IV Congresso Mondiale contro la Pena di Morte a Ginevra, nel maggio successivo, nel corso del quinto Congresso dei Ministri della Giustizia, che la Comunità di Sant’Egidio organizza a Roma ogni anno, la partecipazione di una rappresentanza del governo mongolo costituì l’’inizio di una stretta collaborazione fra Sant’Egidio e l’entourage presidenziale e di un sostegno concreto al progetto di Tsakhia Elbegdorj.
La visita di una delegazione della Comunità ad Ulaan Baatar nel settembre 2010 è stata determinante nella messa a punto di un minuzioso progetto a medio termine,  fatto di iniziative politiche e culturali –accrescimento del consenso parlamentare, assemblee nelle scuole e nelle università, campagne mediatiche sulla carta stampata e televisive, raccolte di firme sul territorio, adesione della capitale alla giornata internazionale “Città per la Vita” il 30 novembre successivo- con il coinvolgimento dell’Unione Europea.
Tale mobilitazione a tutto campo ha permesso nel tempo di superare l’ostacolo più duro al progetto abolizionista del Presidente Elbegdorj: l’opposizione dei deputati del Partito Rivoluzionario del Popolo Mongolo, maggioritario in Parlamento, determinati a mantenere la pena capitale nell’ordinamento dello stato.
Il 21 novembre 2010 il primo straordinario risultato: il voto della Mongolia a favore della Risoluzione per la Moratoria Universale in seno all’Assemblea Generale dell’ONU.
Il 18 ottobre 2011 nel corso di un incontro ufficiale a Roma con una delegazione di Sant’Egidio, il Presidente Elbegdorj ha annunciato che il consenso parlamentare sull’adozione del Secondo Protocollo Opzionale –passo obbligato verso l’abolizione di diritto- era quasi stato raggiunto.
Successivamente, in un messaggio inviato al sesto Congresso dei Ministri della Giustizia, il 29 novembre 2011, il Presidente della Mongolia ribadiva la sua ferma risolutezza nel liberare il suo paese dalla pena di morte, per “unirsi alla comunità internazionale che condivide le stesse convinzioni nel rispetto della dignità dell’uomo”.
La deliberazione del 5 gennaio 2012 spiana la strada per l’abolizione definitiva della pena capitale in Mongolia, e colloca il paese all’avanguardia di un nuovo umanesimo asiatico.
 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
27 Novembre 2017

Domani il convegno internazionale "Un mondo senza pena di morte". Live streaming

17 Ottobre 2017

Invitiamo a firmare l'appello per salvare la vita di Anthony Shore, condannato a morte nel Texas

IT | DE
13 Ottobre 2017

La pena di morte è una misura disumana che umilia la dignità personale. E' in sé stessa contraria al Vangelo

IT | DE | FR | PT | ID
4 Aprile 2017

Fermiamo le 8 esecuzioni previste in Arkansas subito dopo Pasqua. FIRMA L'APPELLO ONLINE

IT | EN | DE
22 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

Un mondo senza pena di morte, una battaglia per l'umanità: il IX Congresso dei Ministri della Giustizia

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU
21 Febbraio 2016

Accogliamo con gioia l'appello del papa per la moratoria delle esecuzioni durante il Giubileo della Misericordia

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
28 Gennaio 2016
il Cittadino

Life: un libro contro la pena di morte

21 Febbraio 2016
Vatican Insider - ES

Francisco pide abolir la pena de muerte con el Jubileo

3 Gennaio 2016
Catalunya Cristiana

Celebrada la Jornada Ciutats per la vida-Ciutats contra la pena de mort

21 Aprile 2015
La Scintilla Italiana

THE BOOK CORNER: A REVIEW OF “13 WAYS OF LOOKING AT THE DEATH PENALTY”

20 Novembre 2014
La Vanguardia

Martorell se suma a la red de municipios contra la pena de muerte

24 Ottobre 2014
Mainichi Shimbun - IT

In Giappone l'anno prossimo proposta di legge contro la pena capitale

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
28 Novembre 2017 | ROMA, ITALIA

10° Incontro Internazionale dei Ministri della giustizia ''Un mondo senza pena di morte''

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
10 Ottobre 2017

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte visitiamo i condannati più poveri in Africa

18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

VIDEO FOTO
2:
Malawi contro la pena di morte
4:01
Cities for life: da Roma al mondo contro la pena di morte

451 visite

466 visite

438 visite

442 visite

508 visite
tutta i media correlati