Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
7 Maggio 2014 | ROMA, ITALIA

VIVA GLI ANZIANI: un nuovo modello di welfare, buono e sostenibile

Il bilancio di dieci anni di “Viva gli anziani” tracciato nel corso di un convegno presso l’ospedale di San Gallicano

 
versione stampabile

Una iniziativa “estremamente lungimirante; un modello che conviene e che deve essere esteso; una dimensione complessa che va generalizzata; una filosofia basata sul principio di sussidiarietà, che mira a rompere la solitudine delle persone”. Infine, ma non da ultimo, un programma che richiede “un uso ridotto di risorse, con risparmi significativi per il Servizio sanitario nazionale che oggi si trova di fronte ad un problema di sostenibilità” dovuto sia alla crisi economica che all’andamento demografico. Così il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha elogiato il programma “Viva gli anziani” sviluppato ormai da dieci anni in tre rioni del centro storico di Roma dalla Comunità di Sant’Egidio grazie alla sua rete di volontari, operatori di quartiere, servizi di prossimità. Un programma, ha detto il presidente di Sant’Egidio Marco Impagliazzo, che dà “una risposta vera ai problemi dell’oggi, perché rompe l’isolamento degli anziani mettendo in piedi una rete di solidarietà che contribuisce a creare una cultura nuova di cui l’Italia ha bisogno per uscire dalla crisi, e che attiva meccanismi di emulazione inaspettati”.

Il bilancio di dieci anni di “Viva gli anziani” è stato tracciato nel corso di un convegno presso l’ospedale di San Gallicano, presenti con autorità regionali e locali del settore, gli operatori e i partner dell’iniziativa. Il demografo Gianpiero Dalla Zuanna ha parlato di “un’azione lungimirante che guarda ad un futuro sostenibile del welfare, utilizza le tecnologie più sofisticate e favorisce la prevenzione delle problematiche derivanti da una transizione demografica che in 30 anni ha cambiato il volto del paese allungando di dieci anni, da 70 a 80, l’aspettativa di vita della popolazione”. Alessandro Del Bono, amministratore delegato di Mediolanum Farmaceutici, sponsor della manifestazione, ha sottolineato il merito del programma nell’aver “individuato diverse strategie per non lasciar soli, dal punto di vista umano, sociale ed anche sanitario, coloro che hanno costruito la nostra società e il nostro paese. Il programma è anche un’esortazione ai giovani affinché ricordino che vale la pena prendersi cura degli anziani, che costituiscono una ricchezza insostituibile”

Giuseppe Liotta dell’Università di Tor Vergata, ha illustrato lo sviluppo del programma nei suoi dieci anni di vita, nel corso dei quali è venuto via rappresentando “una novità rilevante che arricchisce il panorama delle opzioni assistenziali con un intervento leggero, a basso costo, ma potenzialmente capace di offrire grandi opportunità di risparmio e di riallocazione dei fondi dedicati all’assistenza”. Insomma, “un esempio riuscito di quella che possiamo chiamare transizione assistenziale, cioè il passaggio a servizi personalizzati e domiciliari capaci di rendere la vita dei più anziani, più semplice, più accompagnata ed in questo senso migliore”. Rita Cutini, assessore al sostegno sociale e alla sussidiarietà di Roma Capitale ha parlato di “un’idea vincente” che ha “individuato e messo in pratica un modello di protezione sociale per la popolazione anziana, nell’pera della longevità, che può cambiare il volto delle nostre città”. Al programma “Viva gli anziani” è giunto anche l’apprezzamento dello scrittore Andrea Camilleri in un intervento videoregistrato.

OGGETTI ASSOCIATI
VIDEO
2:26:45
Viva gli anziani: un futuro per tutti
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
9 Dicembre 2016
OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia

7 Dicembre 2016
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra c'è una tavola apparecchiata per i poveri, si chiama ''Our Cup of Tea''. Il video della BBC

IT | EN | DE | FR | PT | HU
3 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''

IT | DE | HU
30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
18 Novembre 2016
MANAGUA, NICARAGUA

A Managua anziani e giovani attraversano insieme la Porta Santa

IT | ES | DE | CA
16 Novembre 2016
BEIRA, MOZAMBICO

Il Giubileo della Misericordia nella periferia africana: la preghiera di Sant'Egidio con gli anziani di Nhangau

IT | ES | DE | PT
tutte le news
• STAMPA
5 Dicembre 2016
Corriere della Sera

La chiave sotto una campana di vetro. Misteriose opere di artisti disabili

3 Dicembre 2016
FarodiRoma

Disabilità. Sant’Egidio inaugura a Ostia “La forza degli anni"

1 Dicembre 2016
Avvenire

Città illuminate contro il buio delle esecuzioni

1 Dicembre 2016
Roma sette

Anche Roma tra le “Cities for life”, contro la pena capitale

30 Novembre 2016
Radio Vaticana

Pena di morte, Sant’Egidio: oggi oltre 2.100 città del mondo si mobilitano per “Cities for Life 2016”

29 Novembre 2016
Il Messaggero

Piano freddo in ritardo, l'allarme dei volontari: «Nessuna convocazione»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
17 Novembre 2016 | ROMA, ITALIA

Caregiver: consegna dei diplomi del corso promosso da ASL Roma1 e Sant'Egidio

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Roma 2016

"Non rassegnamoci al declino di Roma": l'intervento di Marco Impagliazzo alla manifestazione Antimafia Capitale

Le persone senza dimora a Roma

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

Comunità di Sant'Egidio

Rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio 2011

tutti i documenti
• LIBRI

La fuerza de los años





Ediciones Sígueme
tutti i libri

FOTO

210 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri