change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - antwerp ...e future contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
Peace is the future
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
8 Settembre 2014 09:30 | Auditorium BNP Paribas Fortis

Intervento



David Rosen


Già Rabbino Capo di Irlanda, AJC, Israele

Il concetto di ciò che oggi chiamiamo “sviluppo sostenibile” possiamo trovarlo all’inizio della Bibbia nel libro della Genesi (2, 15), laddove Adamo è collocato nel “giardino” allo scopo indicato dalle parole ebraiche “l’ovdah ulshomrah”.

La parola ebraica “avodah” significa “lavoro” ma anche “servizio”. 

Il lavoro acquista un valore solo se è servizio e dà un contributo al benessere del mondo. Ma la seconda parola deriva dalla radice “shamar”, che significa “preservare”. Come si fa a preservare ciò che in fase di lavorazione, trasformazione, sviluppo? La risposta è: facendo tutto ciò in maniera responsabile, proteggendo le risorse che stanno per essere sviluppate, garantendo il loro rinnovamento sano per noi e per le generazioni future. Ed è precisamente ciò che si intende oggi per “sviluppo sostenibile”.

L’ebraismo estende la comprensione del divieto espresso dalla Bibbia in Deuteronomio 20, 19  come la proibizione di causare degrado a mezzi di sussistenza, beni e risorse. Ma cos’è che fa sì che possiamo comportarci in tale maniera, responsabile e sostenibile?

Se consideriamo il punto di vista della Bibbia riguardo alle risorse naturali, nel cuore vi è il riconoscere che NON sono nostra proprietà. Se siamo veramente consci del fatto che il cosmo è la creazione della Sorgente di Tutto, non possiamo presumere di possederlo.

I cieli narrano la gloria di Dio, l'opera delle sue mani annuncia il firmamento (Ps 19, 2).

Perché la terra è mia (dice il Dio) e voi siete presso di me come forestieri e ospiti. (Lv 25, 23). 

Un mondo veramente religioso può considerare il possesso umano unicamente come un affitto. Considerarlo come qualcosa di più è sia irreligioso che, in definitiva, immorale.

La coscienza che in realtà non siamo possessori di niente (e persino i nostri corpi ci sono dati in affidamento da essere utilizzati responsabilmente) aiuta a liberarci dai ceppi dell’arroganza umana.

Perché è l’arroganza che giustifica l’ingordigia, l’incontenibilità e lo sfruttamento, e persino la violenza verso gli altri, causando e/o aggravando l’impoverimento degli altri.

Perciò la povertà non solo ci sfida a rendere le risorse più disponibili ed accessibili, ma anche a combattere l’arroganza umana, dimostrando quale può essere l’alternativa.

Una riprogrammazione ed un’utilizzazione saggia e responsabile delle risorse potrebbero permetterci di affrontare gran parte della fame e della povertà che, vergognosamente, affliggono il nostro pianeta.

L’affermazione biblica della Presenza Divina e della sua proprietà sul cosmo, che contraddicono una cultura assistenzialistica, l’affermazione biblica della dignità di ogni essere umano, donata da Dio e la nostra particolare responsabilità per i poveri e i vulnerabili, ci chiedono di lavorare in favore di un pianeta più equo, in cui nessuno debba soffrire la povertà, ma in cui tutti possano godere del sostentamento in modo sostenibile, sia oggi che nelle generazioni future.

 

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione


Un modello da replicare: continueremo a lavorare per il dialogo e la pace.
IT | ES | DE | FR | PT | CA
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

Una delegazione di Sant'Egidio incontra il Presidente della Repubblica di Etiopia Mulatu Teshome


Pace in Africa e dialogo interreligioso al centro del colloquio
IT | ES | DE | PT
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
1 Gennaio 2012

Giornata Mondiale della Pace. La manifestazione PACE IN TUTTE LE TERRE. Gli appuntamenti nel mondo

IT | ES | DE | CA
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
3 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''


Le opere realizzate dagli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte della Comunità in mostra all'EX[de]PO' di Ostia. Tema di quest'anno la condizione di vita degli anziani.
2 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari


Sono atterrati stamattina a Fiumicino. Con questo gruppo sale a 500 il numero di persone salvate. VIDEO E FOTO
IT | ES | DE | FR | PT
2 Dicembre 2016

Il libro per preparare il pranzo di Natale con la Comunità di Sant'Egidio è disponibile online in 5 lingue


Da oggi è possibile scaricare gratuitamente la versione digitale del libro "Il pranzo di Natale" in inglese, francese, spagnolo, portoghese, indonesiano.
IT | EN | ES | FR | PT | ID

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
23 Novembre 2016
Il Fatto Quotidiano
Non solo faide, al Sud si parla di pace
22 Novembre 2016
Avvenire
Sant'Egidio. «Quella in Centrafrica non è una guerra di religione»
22 Novembre 2016
L'huffington Post
Se Bangui diventa il centro del mondo con il Cardinale, l'Imam e il Pastore
19 Novembre 2016
Vatican Insider
A Sant’Egidio il cardinale, l’imam e il pastore centrafricani
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri