change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - antwerp ...e future contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
Peace is the future
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
7 Settembre 2014 10:00 | Onze-Lieve-Vrouwekathedraal (Cattedrale di Nostra Signora)

Omelia



Ignatius Aphrem II


Patriarca siro ortodosso di Antiochia e di Tutto l'Oriente

Carissimi, 

due discepoli stavano camminando sulla strada per Emmaus quando uno straniero li incontrò. Parlavano del Signore. Dopo aver camminato insieme per un po', si sedettero (insieme) ed Egli spezzò il pane. Dal modo in cui questo straniero spezzò il pane con loro, essi lo riconobbero: era il Signore (cfr Lc 24, 13-35). 

Egli era stato presente in mezzo a loro per tutto il tempo, ma essi non erano in grado di riconoscere la sua vera identità. La sua presenza tra loro illustra quello che abbiamo ascoltato nel Vangelo di oggi: "Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro "(Matteo 18: 20). 

Infatti, il nostro Signore è un Dio che non è lontano; Egli è tra di noi quando ci riuniamo nel suo nome. Il suo stesso nome "Emanuele", così come è stato chiamato dall’Angelo, "Dio è con noi", riflette la sua presenza tra di noi e descrive il suo rapporto con noi. È un rapporto di “essere con” e non “per” o “al di sopra”. 

E questo, cari fratelli e sorelle, ci mostra che nostro Signore desidera essere in mezzo a noi; mostra che Egli vuole mescolarsi con noi per permetterci di tornare allo stato di gloria in cui eravamo un tempo. Un Padre della Chiesa del V secolo, San Giacomo di Sarough, "l'Arpa dello Spirito Santo" e un grande dottore della Chiesa siro-ortodossa, descrive questa idea in questo modo:

[segue citazione in lingua siriaca]

che può essere tradotto così: 

"La compassione si mescolò con gli esseri umani che si erano smarriti;
Con tale commistione, Tu li ha trovati per ricondurli indietro:
Sei diventato [uno] di noi e qui Tu sei il nostro compagno; 
Emanuele, che è venuto a liberare gli schiavi di Suo Padre"  

Oggi, è diventato difficile essere consapevoli della presenza di Dio tra noi, in mezzo a tutti i problemi e le difficoltà della vita. In realtà, le nostre vite quotidiane sono cariche di esperienze travagliate tali che talvolta diventiamo incapaci di vedere le piccole cose che mostrano chiaramente che Dio è presente in mezzo a noi e con la Sua divina provvidenza si prende cura di noi. 

Per evitare tale “cecità spirituale” il Salmista cantava: "Apri i miei occhi, e contemplerò le meraviglie della tua legge "(Salmo 119: 18). Una volta aperti gli occhi della nostra mente, possiamo vedere la presenza di Dio in mezzo a noi nei piccoli eventi della nostra vita e apprezzare la grandezza e la maestà del nostro Creatore. 

Dio è presente in mezzo a noi, fratelli e sorelle, quando vediamo la speranza negli occhi di un bambino costretto a lasciare la sua casa e la sua città di Mosul in Iraq per un destino sconosciuto. Tale speranza questo bambino conserva perché crede che Gesù Cristo è con lui ed egli non sarà deluso, proprio come Dio camminava innanzi al popolo di Israele in una colonna di nube e di fuoco durante il suo esodo dall'Egitto (cfr Es 13: 21). 

Dio è presente in mezzo a noi, quando vediamo un padre che ha perso tutta la sua famiglia - padre, madre, moglie e due bambini – a causa di barbarici atti omicidi avvenuti a Sadad, in Siria – ed è ancora in grado di sorridere serenamente e di sottomettersi felicemente alla volontà di Dio che egli sa essere vicino a sé nella sua angoscia. 

Infatti, che cosa sono questi esempi, se non l’espressione della potenza dello Spirito Santo che rafforza e dona la pace interiore in mezzo a un mondo travagliato? 

E cosa succede quando siamo in grado di vedere che Dio è con noi? 

Siamo in grado di raccogliere i frutti dello Spirito Santo: "amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé "(Galati 5:. 22- 23). In verità vi dico: noi siamo in grado di celebrare, nonostante la miseria che possiamo incontrare e la disperazione che ci potrebbe circondare. I frutti dello Spirito Santo sono dolci e portatori di vita. Anzi, ci permettono di rivelare il vero significato della nostra vita, che è quello di celebrare Dio e la Sua presenza in mezzo a noi. 

Che il nostro Signore Gesù Cristo, presente in mezzo a noi che ci siamo riuniti nel Suo nome, ci benedica con la sua grazia e ci conceda di sperimentare sempre di più la sua presenza tra noi. 

Amen.

 

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
21 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Aprire 'Strade di Pace' in un mondo segnato da troppi conflitti: presentato l'Incontro internazionale Paths of Peace


Marco Impagliazzo: ''Sarà il più importante evento per la pace dell'anno, un messaggio forte contro le guerre, le divisioni e i muri per ridare un'anima a Paesi e continenti in crisi''
IT | DE | FR
20 Luglio 2017
ROMA, ITALIA
CONFERENZA STAMPA

Strade di Pace - Paths of Peace: presentazione dell'Incontro per la pace promosso da Sant'Egidio in Germania


Conferenza stampa col presidente della Comunità Marco Impagliazzo. Venerdì 21 luglio alle 11:30 in piazza di S.Egidio 3/A.
IT | ES | DE
29 Giugno 2017
OSNABRÜCK, GERMANIA

Paths of Peace: Tutti a Münster in Germania, dal 10 al 12 settembre, per percorrere insieme Strade di Pace.


Oggi la conferenza stampa di presentazione dell'incontro internazionale di Preghiera per la Pace
IT | ES | DE | FR
20 Giugno 2017
ROMA, ITALIA

Centrafrica: firmato a Sant'Egidio l'accordo per il cessate il fuoco e una road map per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU | HU
19 Giugno 2017
ROMA, ITALIA

Centrafrica: conferenza stampa oggi alle 16:30 dopo i colloqui di pace tra i gruppi politico-militari e il governo

IT | ES | FR
1 Gennaio 2012

Marcia per la Pace in Tutte le Terre


Roma, un lungo corteo raggiunge San Pietro. Il saluto di papa Benedetto
IT | DE | FR | NL | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
21 Luglio 2017 | ROMA, ITALIA

Aprire 'Strade di Pace' in un mondo segnato da troppi conflitti: presentato l'Incontro internazionale Paths of Peace


Marco Impagliazzo: ''Sarà il più importante evento per la pace dell'anno, un messaggio forte contro le guerre, le divisioni e i muri per ridare un'anima a Paesi e continenti in crisi''
IT | DE | FR
20 Luglio 2017

Volontariato nelle carceri: firmato oggi un protocollo d'intesa tra Sant'Egidio e il Ministero della Giustizia


Rafforzata la collaborazione per attività culturali, di sensibilizzazione, e iniziative di solidarietà a favore dei detenuti
19 Luglio 2017

Lingua cultura e solidarietà: le chiavi dell'integrazione. I nuovi diplomati della scuola di italiano di Sant'Egidio


Studenti immigrati di tutte le nazionalità hanno sostenuto gli esami delle scuole della Comunità: "Siamo nuovi europei e amiamo l'Italia"
IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Luglio 2017
HASEPOST
Angela Merkel kommt zum katholischen Weltfriedenstreffen – aber nicht nach Osnabrück
22 Luglio 2017
Avvenire
Un mondo ferito dalle guerre ha bisogno di «strade di pace»
22 Luglio 2017
Corriere della Sera
Merkel e i leader religiosi riuniti da Sant'Egidio in Germania
21 Luglio 2017
SIR
Dialogo tra religioni: Impagliazzo (Comunità di Sant’Egidio), “vogliamo lanciare dal cuore dell’Europa un forte messaggio di pace”
21 Luglio 2017
Radio Vaticana
Sant'Egidio lancia "Strade di pace" per dire no al terrorismo
tutta la rassegna stampa correlata