change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

La Prealpina

29 Aprile 2014

«Tra i papi e il popolo ebraico un rapporto speciale»

La Comunità di Sant'Egidio promuove un incontro sulla loro eredità. Il rabbino Skorka: con Francesco continueremo la strada

 
versione stampabile

ROMA - I due papi proclamati santi domenica, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, hanno inciso profondamente nel dialogo tra cristiani ed ebrei. Il primo salvò la vita a moltissimi ebrei, durante la persecuzione nazista; il secondo fin dall'infanzia ha sviluppato un rapporto di amicizia con il popolo "eletto" che lo ha portato, una volta diventato papa, a scelte e gesti inediti. E oggi c'è papa Francesco «appassionato della fede, con una grande audacia spirituale e convinto che dobbiamo camminare insieme per costruire un mondo migliore», come dice il rabbino e amico argentino Abraham Skorka. E' stata la Comunità di Sant'Egidio, il giorno dopo la canonizzazione di Roncalli e Wojtyla, a promuovere un incontro su questa eredità lasciata dai due papi. «Il rapporto tra Giovanni Paolo II con il mondo ebraico è stato qualcosa di straordinario in rapporto ai cattolici del suo tempo e ai papi in genere - ha ricordato il fondatore della Comunità di Sant'Egidio, Andrea Riccardi Non è stata solo una posizione intellettuale,  ma un fatto che coinvolgeva la sua esistenza». Riccardi ha ricordato che per lui i 6 milioni di ebrei uccisi nella shoah erano santi. «Era un rapporto profondo, carnale, quello tra Wojtyla e gli ebrei», dice Riccardi riferendo che per questo ci sono anche «miti» su sue presunte origini ebraiche per parte di madre.

Il rabbino capo di Roma, Riccardo di Segni, evidenzia come i due papi abbiano «migliorato in modo significativo» il rapporto tra cattolici ed ebrei, ma ha anche evidenziato che c'è «una montagna di durezze teologiche da superare dall'una e l'altra parte» e in questo «più che la teologia sarà importante il rapporto tra le persone». Ma comunque - ha aggiunto dal canto suo il rabbino David Rosen dell'American Jewish Commette - «è stata percorsa una strada che era inimmaginabile 50 anni fa». Ora bisogna prendere l'eredità e andare avanti perchè ci sono anche oggi sfide da affrontare insieme, come combattere «il flagello dell'antisemitismo», ha detto il cardinal Kurt Koch, presidente della Commissione per i rapporti religiosi con l'ebraismo. Secondo il cardinale Walter Kasper, presidente emerito della stessa Commissione, «i rapporti di buona cooperazione e di stabile amicizia» che si sono stabiliti fra cristiani ed ebrei sono più importanti dei molti volumi di documenti pubblicati sul dialogo e il mutuo riconoscimento.

E la storia di oggi è infatti l'amicizia fraterna tra papa Francesco e l'ebreo Skorka che dice: «Io non ho bisogno di vedere documenti negli archivi», come per Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII, «perchè la nostra è una storia viva, di cose fatte insieme». E ora un sogno in comune: quello che il viaggio del pontefice in Terra Santa possa «lasciare un impronta, un segno forte per la pace». Parlando di amicizia tra cristiani ed ebrei, dal convegno è stato inviato un augurio al rabbino Elio Toaff alla vigilia del suo 99° compleanno. Il suo incontro con Giovanni Paolo II alla sinagoga di Roma - ha ricordato il presidente Marco Impagliazzo - è stato una tappa fondamentale del dialogo tra ebrei e cristiani. 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Gennaio 2018

Giornata di riflessione sui rapporti tra ebraismo e cristianesimo: intervista a mons. Ambrogio Spreafico

30 Aprile 2014

Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II: i due papi santi

IT | ES | PT
22 Ottobre 2016

Memoria di San Giovanni Paolo II, instancabile artefice di pace e del dialogo tra le religioni

IT | FR
11 Ottobre 2016

Festa di San Giovanni XXIII, uomo dell'incontro e del dialogo che l'11 ottobre di 54 anni fa aprì il Concilio Vaticano II

IT | ES | PT
8 Novembre 2017
BARCELLONA, SPAGNA

Perché è importante ricordare la notte dei cristalli

IT | ES | CA
22 Ottobre 2017

Memoria di San Giovanni Paolo II, il Papa artigiano di pace che ha insegnato a tanti a non aver paura

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
26 Gennaio 2014
SIR

Storia di un "ri-trovarsi"

29 Aprile 2014
il Cittadino

Ebrei e cristiani.Il prezioso dono di un dialogo

29 Aprile 2014
Avvenire

«Due Papi decisivi nel riavvicinamento agli ebrei»

28 Aprile 2014
ASCA

Canonizzazioni: Sant'Egidio, promotori dialogo tra cristiani ed ebrei

25 Marzo 2015
Famiglia Cristiana

«Mettiamo umanesimo nell'islam»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
30 Gennaio 2018

Memoria della deportazione dalla Stazione di Milano

23 Gennaio 2018 | LIVORNO, ITALIA

Memoria della deportazione degli ebrei di Livorno

18 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

'Siamo qui, siamo vivi. Il diario inedito di Alfredo Sarano e della famiglia scampati alla Shoah'. Colloquio sul libro

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Convegno: Le RELIGIONI e la VIOLENZA

I colori della fede, uniti nella diversità

Appeal for Syria - نداء روما من أجل سورية

tutti i documenti
• LIBRI

Uno sguardo su Cuba. L'inizio del dialogo





Francesco Mondadori
tutti i libri