change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - tirana 2...possible contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
28/07/2017
Preghiera della Santa Croce

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
8 Settembre 2015 17:00 | Centro della città

Meditazione



John Olorunfemi Onaiyekan


Cardinale, Arcivescovo di Abuja, Nigeria

2 Tessalonicesi 1, 1-5

1. Il brano della nostra riflessione di oggi, 2Tess 1, 1-5, è l’introduzione della breve epistola di 3 capitoli di San Paolo. Questa lettera, tra le altre cose, fa riferimento ad alcuni eventi preoccupanti nella Comunità cristiana di Tessalonica. Sembravano essere esageratamente turbati per la fine del mondo e la seconda venuta di Gesù Cristo, al punto che alcuni avevano cessato di lavorare e si limitavano ad attendere il ritorno del Signore. Inoltre, nella loro indolenza, erano di disturbo ad altri che continuavano a portare avanti i propri affari.

2. San Paolo conferma che davvero Gesù sarebbe tornato, ma non presto quanto si aspettavano. I segni della fine dei tempi dovevano essere verificati. Dunque la vita doveva continuare, e ciascuno lavorare duramente per guadagnarsi il proprio pane quotidiano.

3. Il testo di questo brano fa riferimento in maniera non del tutto chiara a “persecuzioni e tribolazioni”. Possiamo supporre che i destinatari della lettera fossero a conoscenza di ciò di cui parlava. Quali che fossero le difficili circostanze in cui si trovavano, Paolo si vanta della loro “perseveranza e fede”. Gli da’ inoltre speranza che Dio, nella sua giustizia, li consideri “degni del Regno di Dio, per il quale appunto soffrite”.

4. È in questo contesto che dobbiamo leggere e comprendere ciò che Paolo afferma nel primo periodo della sua lettera: “a voi, grazia e pace da Dio Padre e dal Signore Gesù Cristo”.
Augura loro grazia, il dono gratuito di Dio, che dona loro la perseveranza e la fede per resistere alle persecuzioni e tribolazioni, e soffrire con pazienza per il Regno di Dio. Soprattutto, in ogni cosa Paolo augura loro pace, non una pace qualsiasi, ma la pace che viene da Dio Padre e dal Signore Gesù Cristo. Questa è una pace che supera ogni intelligenza, che nulla e nessuno può turbare – neanche la guerra, poiché viene da Dio Padre e dal Signore Gesù Cristo.

5. Negli ultimi giorni abbiamo parlato molto di pace – soprattutto di fronte all’orrore della guerra – la morte, il dolore, le distruzioni, gli esiliati e i rifugiati. Sarebbe già tanto se riuscissimo a fermare queste guerre reali. Abbiamo pianto la triste mancanza di volontà politica di fare i passi necessari a fermare queste tragedie evitabili. Tuttavia sappiamo che pure se ci riuscissimo, non sarebbe ancora abbastanza. Si dice spesso che la pace non è assenza di guerra. Ma cos’è allora? Forse un ambiente sereno ed armonioso edificato sulla giustizia e sulla solidarietà? Questo ci ricorda l’ideale di Sant’Agostino, di una “tranquillitasordinis” – tranquillità e ordine.

6. Ma questo genere di “pace perfetta” non è mai davvero realizzata, o persino realizzabile nella nostra esperienza umana. Più spesso, dobbiamo accontentarci di una pace imperfetta. Talvolta dobbiamo convivere con gli orrori della guerra, delle persecuzioni e delle tribolazioni.

7. Le parole di San Paolo nella lettura di oggi, allora, offrono un prezioso messaggio di consolazione. Cioè che, in qualsiasi condizione ci troviamo, esiste sempre la grazia di Dio che sostiene la nostra fede e la nostra speranza. E c’è la pace che viene da Dio Padre e dal Signore Gesù Cristo. Cari fratelli e care sorelle, questo non è un parlare pio e astratto. È reale. Per chi ne dubita è sufficiente ascoltare con attenzione i testimoni di fede e di speranza che hanno parlato durante questo incontro, che sono venuti da terribili situazioni di guerra, di persecuzione e di tribolazione. Per questo, quando affermiamo che “la pace è sempre possibile”, non sono vaghe attese di speranza, ma un vero atto di fede nel nostro Dio di pace e di amore.

CHE LA PACE DEL SIGNORE NOSTRO DIO SIA CON TUTTI NOI. AMEN.
 

#peaceispossible
PROGRAMMA

DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming



NEWS CORRELATE
8 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Difendiamo i poveri per costruire un mondo migliore: dai giovani albanesi un sogno per i ragazzi di tutta Europa


A Tirana l'incontro con seicento giovani da tutta l'Albania che scoprono che la pace è possibile
8 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Prodi al convegno di Sant'Egidio a Tirana: No all'Europa della paura paralizzata da populismo e respiro corto


L'Europa non si chiuda al sud del mondo e colga la sfida dell'integrazione o sarà out
7 Settembre 2015
TIRANA, ALBANIA

All'incontro internazionale di Sant'Egidio a Tirana lo Spirito di Assisi si confronta con i grandi problemi dell'umanità


Gli interventi nella giornata centrale di dibattito – Il ministro Gentiloni chiede corridoi umanitari e accoglienza europea per una quota di migranti
30 Ottobre 2015

Grazie per averci mostrato la grandezza della religione: la lettera del ministro albanese Klosi a Sant'Egidio


Il Ministro degli Affari Sociali dell'Albania in una lettera a Marco Impagliazzo ringrazia la Comunità per i frutti di pace dell'Incontro internazionale di Tirana
IT | ES | DE | CA
6 Novembre 2015
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

In Burkina Faso le religioni si impegnano con Sant'Egidio per costruire una via di pace


A Ouagadougou l'Incontro interreligioso "La Pace è sempre possibile" nello Spirito di Assisi
IT | ES | DE | FR
31 Ottobre 2015
EL SALVADOR

Lo Spirito di Assisi soffia anche in Salvador: dal dialogo tra le religioni una speranza di pace


A El Salvador l'incontro interreligioso per la pace #peaceispossible
IT | ES | DE | CA | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
27 Luglio 2017 | ROMA, ITALIA

In un video su Fanpage.it la storia a lieto fine di Ciro, un amico - non più - senza dimora

27 Luglio 2017 | CIAD

Una delegazione di Sant'Egidio incontra il presidente del Ciad, Idriss Déby Itno


Al centro del colloquio, gli sforzi di pacificazione nell'area e nella repubblica Centrafricana
26 Luglio 2017 | KAMPALA, UGANDA

E' iniziata la Scuola della Pace per i bambini della baraccopoli di Katwe in Uganda


Nello slum alla periferia di Kampala, dove circa 600 bambini vivono in condizioni di povertà estrema
IT | FR

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
30 Settembre 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
21 Settembre 2016
La Vanguardia
El papa Francisco pide que ante la guerra no haya "división entre las religiones"
19 Settembre 2016
Vida Nueva
Líderes religiosos de todo el mundo conmemoran el 30º aniversario del ‘Espíritu de Asís’
19 Settembre 2016
CATALUNYARELIGIO.CAT
Francesc se suma al compromís de les religions per la pau a Assís
19 Settembre 2016
Alto Adige
ad Assisi l'Onu delle Religioni per la Pace
tutta la rassegna stampa correlata