change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - cipro 2008 contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

'Ayudame a crecer': un corso per gli operatori delle Scuole della Pace dell'America Centrale

Di fronte all'emergenza caldo non dimentichiamo gli anziani: rompere l'isolamento sociale di chi resta nelle città

Le istituzioni siano sensibili, ma ogni cittadino può aiutare con gesti concreti

Aprire 'Strade di Pace' in un mondo segnato da troppi conflitti: presentato l'Incontro internazionale Paths of Peace

Marco Impagliazzo: ''Sarà il più importante evento per la pace dell'anno, un messaggio forte contro le guerre, le divisioni e i muri per ridare un'anima a Paesi e continenti in crisi''
18/08/2017
Preghiera della Santa Croce

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
16 Novembre 2008 16:30 | University of Cyprus – Sport Centre

SALUTO DEL PRESIDENTE TOPI



Bamir Topi


Presidente della Repubblica di Albania

Illustre Eccellenza, Presidente di Cipro
Illustre Arcivescovo di Cipro,
Eccellenze Presidenti,
Signore e signori,

Ho il piacere di salutare questa illustre platea riunita a Cipro, nel mezzo del Mediterraneo, questo spazio geografico che ha avuto un’importanza speciale nella storia dell’umanità: un mare con le sue spiagge, con popoli e nazioni diverse, un mosaico di civiltà, di coesistenza, di lingue, di nazioni e di simboli.

Questo incontro internazionale avviene oggi quando l’umanità, più che in altri momenti ha bisogno di chiarire il suo futuro,  di costruire un mondo migliore, più tranquillo, più prospero e sviluppato. Il dibattito sulle civiltà, la loro origine e il loro fiorire, il loro  coesistere ed  intrecciarsi, sulle loro identità variegate è vecchio quanto l’umanità stessa. Ci sono varie teorie ed interpretazioni, teorie   di tutti i generi accompagnate da verità e realismo, da speculazioni, interpretazioni sbagliate e tortuosità. Storici, filosofi, sociologi, studiosi di fede, politici e istituzioni specializzate sono coinvolte oggi in questa discussione globale che coinvolge altri importanti temi di natura politica, economica, sociale, ecologica e sulla sicurezza.

Le nazioni, questi architetti di civiltà subiscono oggi gli effetti della globalizzazione e della integrazione, ma non per questo la fusione o l’annientamento. La globalizzazione ha portato dappertutto attraverso i veloci metodi e le tecnologie moderne di comunicazione, allo scambio e riconoscimento dello sviluppo, della cultura, dell’arte e dei valori delle differenti nazioni indipendentemente dalla distanza che le separa.

Il mondo attuale offre un mosaico multi-polare e una realtà nella quale i confini tra le civiltà non sono più netti e definiti come quelli delle nazioni stesse – ci sono luoghi dove in modo naturale le storie, le fedi, i contributi, gli sforzi, le culture si stanno fondendo per formare una civiltà dei valori globali.

La fede tra le persone, la conoscenza profonda della storia passata e presente, il rispetto reciproco delle fedi e delle razze sono fattori fondamentali che devono nutrire i sentimenti e le idee della umanità per costruire una pace sostenibile e presente per sempre.

Con la convinzione che questo scambio di punti di vista, idee ed opinioni  sarà utile per una visione della coesistenza spirituale e contribuirà al futuro dei nostri figli, vi porgo i migliori auguri per le sessioni di questo nostro incontro e vi ringrazio.