change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - barcellona 2010 contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Non si può Morire di Speranza! A Santa Maria in Trastevere la memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Centrafrica: firmato a Sant'Egidio l'accordo per il cessate il fuoco e una road map per la pace

24/06/2017
Vigilia del giorno del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
4 Ottobre 2010 16:30 | Casal del Metge - Sala d'Actes

Barcellona 2010 - Intervento di Didi TALWAKAR



Didi Talwalkar


Leader del Movimento Swadhyaya, India
Namaskar. 
 
Porto con me l'amore, i nobili pensieri e la cura per l'umanità, dalla cultura in cui sono nato io. 
Oggi, come credenti siamo chiamati a comprendere la situazione umana in un mondo globalizzato. Ci auguriamo di poter contribuire a dare alcune risposte ai dilemmi che abbiamo di fronte come parte dell'umanità. Veniamo da varie tradizioni culturali e religiose. Desidero mettermi in posizione, non tanto come un teorico, ma come un membro della famiglia Swadhyay. Si tratta di un gruppo di credenti che si ispirano alla visione di mio Padre, il venerato defunto Pandurang Shastri Athavale. Le sue idee erano radicate in Shrimad Bhagwad Geeta e nella filosofia vedica, in particolare nei suoi due principi cardine: Dio è dentro di noi e lo stesso Dio è con tutti noi. 
La creazione è un filo o un tema che attraversa tutte le religioni. C'è quasi un consenso sovrapposto (condiviso)  tra le religioni e cioè che Dio ha voluto questo universo come unità interdipendenti, in cui erano destinati i doni della sua creazione per l'utilizzo dei suoi figli, senza discriminazioni. Ma, con la storia siamo andati avanti, abbiamo costruito le frontiere, costruito barriere, e abbiamo creato politiche di inclusione ed esclusione. 
Questa è la realtà delle attuali divisioni, alcune delle quali stanno diventando estremamente disfunzionali (scorrette). Se dobbiamo sopravvivere, dobbiamo avere fiducia reciproca e giungere ad una armonia tra di noi. Tutto ciò può essere costruito sugli elementi universali delle religioni mondiali. 
Per me, l'idea di globalizzazione non è nuova. E ' vecchia come l'universo. In realtà la globalizzazione nell'universo è assoluta e pura mentre la nostra è frazionata e squilibrata. Quando guardiamo il mondo, troviamo la varietà e la diversità al di là di ogni immaginazione, ma anche la presenza di un fattore comune. L'essenza che genera la vita, e spinge la sua crescita è comune a tutti. Infatti, il nostro desiderio di avvicinarci gli uni agli altri proviene anche da quel fattore comune che è dentro tutti noi. Noi chiamiamo questo fattore come Dio, la divinità che è comune a tutti. Quindi, a mio parere ogni tentativo di globalizzazione che non considera la rilevanza di Dio, la nostra comune divinità di fondo, certamente non riuscirà a raggiungere i risultati desiderati. Indubbiamente, i pensatori, gli studiosi, gli statisti e gli attivisti si sforzano, in buona fede, per la globalizzazione sulla base dell’ Economia e del Commercio attraverso  la scienza e la tecnologia, ma non so quanto successo hanno raggiunto. Oggi possiamo volare oltre i confini per avvicinarci agli altri, ma non possiamo superare le barriere che ci separano. La tecnologia ci permette di sentire e vedere l'un l'altro da una distanza di migliaia di chilometri, ma non può aiutarci a capire l'un l'altro. Comunichiamo con lettere e parole in tutto il mondo attraverso internet, ma questo sistema è in grado di trasmettere e comunicare sentimenti? Quindi, come possiamo colmare questo divario e ridurre le barriere che ci separano? Come possiamo sviluppare il senso della dignità dell'essere umano, un senso di giustizia e un senso di solidarietà con altri esseri viventi? 
Noi crediamo di poterlo fare. Sta alla nostra scelta espandere o ridurre. Siamo in grado di ampliare infinitamente e abbracciare tutto o al contrario di ridurci in modo che ci sentiamo piccoli, soli e alienati.  E 'una scelta metafisica che determina la qualità della nostra vita. La consapevolezza di sé rimane sempre aperta e mutevole. L'espansione della propria idea di sé è una trasformazione interiore. Risveglia sentimenti di universale fratellanza, amore e cooperazione. 
 
Per me Dio è l'essenza della vita. Crescita, progresso e sviluppo non hanno alcun significato se Dio non è al centro di essi. Il progresso è un processo non un fine e lo sviluppo sostenibile senza una base spirituale è incapace di mantenere il rispetto per sé e di promuovere la sua affidabilità e senza questo non ci sarà alcuna crescita, progresso, sviluppo e pace. 
Con questa idea, in Swadhyay abbiamo cercato di sviluppare divine relazioni altruiste con gli altri uomini. Questo esalta gli esseri umani, ma è Dio che rimane al centro del nostro universo. Abbiamo lavorato con questa prospettiva e siamo una famiglia di milioni di membri. Si tratta di una specie di asilo che dimostra che la diversità non è un ostacolo alla creazione di una fratellanza dell'uomo sotto la paternità di Dio. Questa famiglia accoglie persone di tutte le origini, religioni, classi, caste, istruzione, sesso, colore, lingua, ecc Abbiamo circa 80.000 villaggi in India, con oltre 600.000 attivisti. Abbiamo oltre 16.000 centri culturali per bambini e oltre 21.000 centri giovanili. Questa mobilitazione della nostra famiglia si estende a circa 560.000 donne. A tutti oggi questa famiglia Swadhyay è presente in 24 paesi nei 5 continenti. 
Siamo in viaggio per il percorso indicato a noi dal Rev. Dadaji. Abbiamo la sua benedizione e quella di Dio. E credo che abbiamo i migliori auguri di amici colti e saggi come voi. 
Namaskar.
 

{PROGRAMMA_BOX_PP}

Barcellona 2010

Messaggio
di Papa
Benedetto XVI


NEWS CORRELATE
24 Luglio 2010

Si tiene a Barcellona, in Spagna, dal 3 al 5 ottobre, il prossimo Incontro di Preghiera per la Pace tra le religioni mondiali: "Famiglia di popoli, Famiglia di Dio"

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
24 Ottobre 2011

Lo Spirito di Assisi: 25 anni di preghiera per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi


Conferenza di Sant'Egidio in Russia con i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste
IT | DE
18 Febbraio 2017
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona il cardinale e l'Imam di Bangui sul processo di pace in Centrafrica: un modello da replicare

IT | ES | DE | FR
14 Giugno 2011

Dresda (Germania): Impegno per la vita e difesa dei rom, i temi di Sant'Egidio al Kirchentag 2011 della Chiesa evangelica tedesca

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
3 Giugno 2011

Roma: Nella Basilica di San Bartolomeo, la consegna della stola di Ragheed Aziz Ganni, prete caldeo ucciso a Mosul in Iraq

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
tutte le news correlate

NEWS CORRELATE
24 Luglio 2010

Si tiene a Barcellona, in Spagna, dal 3 al 5 ottobre, il prossimo Incontro di Preghiera per la Pace tra le religioni mondiali: "Famiglia di popoli, Famiglia di Dio"

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
24 Ottobre 2011

Lo Spirito di Assisi: 25 anni di preghiera per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi


Conferenza di Sant'Egidio in Russia con i rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste
IT | DE
18 Febbraio 2017
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona il cardinale e l'Imam di Bangui sul processo di pace in Centrafrica: un modello da replicare

IT | ES | DE | FR
14 Giugno 2011

Dresda (Germania): Impegno per la vita e difesa dei rom, i temi di Sant'Egidio al Kirchentag 2011 della Chiesa evangelica tedesca

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
3 Giugno 2011

Roma: Nella Basilica di San Bartolomeo, la consegna della stola di Ragheed Aziz Ganni, prete caldeo ucciso a Mosul in Iraq

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
tutte le news correlate


24/06/2017
Vigilia del giorno del Signore

Preghiera ogni giorno